Skip to content

Impostazione di un’Analisi Ambientale Iniziale nell’ottica di una certificazione UNI EN ISO 14001 di una filiera corta per il trattamento delle biomasse vegetali comprendente: una piattaforma di raccolta e trattamento ed una centrale cogenerativa.

Informazioni tesi

  Autore: Valentina De Pellegrin
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze e Tecnologie per l'Ambiente ed il Territorio
  Relatore: Lucia De Biase
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 133

Il presente lavoro si inserisce nell'ambito dell'applicazione della norma internazionale UNI EN ISO 14001, nella quale per certificazione ambientale si intende il riconoscimento della conformità e dell’adeguata applicazione del Sistema di Gestione Ambientale (SGA) di un’organizzazione. Questo Sistema è uno strumento utile per controllare e gestire le attività in modo da ridurre gli sprechi e minimizzare l’impatto dei proprio processi sulle risorse naturali.
Per aderire allo standard ISO 14001 l’organizzazione deve identificare e valutare gli aspetti ambientali diretti e indiretti, intesi come elementi dell’attività che possono interagire positivamente o negativamente con l’ambiente, associati alle attività svolte.
Dall’analisi generale degli impatti vanno poi estrapolati quelli più significativi e per questi vanno sviluppate ed applicate specifiche procedure di gestione e di controllo.

Il lavoro riguarda lo sviluppo di un progetto ecologico integrato nel quale la biomassa solida vegetale disponibile sul territorio viene raccolta, trattata e bruciata al fine di produrre energia elettrica e calore.
Il progetto prevede la realizzazione di una filiera corta comprendente una piattaforma di raccolta e trattamento della biomassa ed una centrale cogenerativa a biomasse vergini da 1 MW elettrici, nonché 1,5 MW termici.
L’intera filiera sarà in grado di valorizzare le risorse ambientali del territorio, a valenza prettamente agricola, garantendo redditività e stabilità economica dei Comuni che parteciperanno all’approvvigionamento di materia prima. Saranno infatti gli agricoltori, senza cambiare le loro coltivazioni, a “mantenere” il sistema dell’industria.
In questo modo il territorio produce autonomamente energia pulita, promuovendo gli obiettivi stabiliti dalla UE in termini di riduzione delle emissioni, utilizzo di fonti rinnovabili e risparmio energetico.
Il progetto di tesi è stato svolto in tre fasi: definizione dello stato attuale dell’area prescelta per la realizzazione della filiera, determinando i comparti ambientali più vulnerabili; descrizione degli impianti costituenti la filiera; correlazione degli impatti con le componenti ambientali, in modo da determinare un oculato sistema di monitoraggio e mitigazione.

Dato che l’attivazione di una filiera bioenergetica implica l'avvio ed il coordinamento di una serie complessa di relazioni che si intrecciano sul territorio (raccolta – trasporto e stoccaggio – pretrattamento – conversione in energia termica ed elettrica – distribuzione ed utilizzo dell'energia), coinvolgendo settori tra loro non sempre contigui, si è deciso di impostare un’Analisi Ambientale Iniziale, proprio per garantire alla filiera tutta una serie di vantaggi.

La Certificazione Ambientale infatti porta all’organizzazione i seguenti benefici: Certezza del rispetto della normativa; Riduzione dei costi ambientali dovuti alla razionalizzazione dell’utilizzo di materie prime e di energia ed alla riduzione della produzione di rifiuti e del rischio di incidenti; Efficienza dei processi gestionali grazie alla riorganizzazione ed alla pianificazione delle procedure per tutte le attività svolte; Migliore posizionamento dell’organizzazione sul mercato nazionale ed internazionale; Comportamenti ambientalmente corretti e possibilità di comunicare i propri risultati.

La biomassa è inoltre un prodotto locale ed un'importante fonte energetica potenziale che, se opportunamente valorizzata, può contribuire a diversificare l'approvvigionamento energetico ed a ridurre la vulnerabilità nell'approvvigionamento energetico tradizionale.
Tramite la combustione delle biomasse vegetali si cerca di trovare una destinazione d’uso adeguata e soprattutto razionale ad una grande quantità di legname inadatto, per le sue caratteristiche specifiche e tecnologiche, per gli impieghi considerati più “nobili” e, contrariamente a quanto avviene con i combustibili fossili, il legno può essere considerato neutro rispetto all'emissione di anidride carbonica; la CO2 rilasciata in fase di combustione è infatti pari a quella fissata dalla pianta, durante la crescita, mediante il processo di fotosintesi.
Grazie alla corretta combustione in moderne caldaie, con adeguati sistemi di abbattimento, le concentrazioni dei contaminanti all’emissione vengono ridotte al di sotto dei limiti di legge.

In generale possiamo quindi affermare che il legno, utilizzato a scopo energetico, è conveniente in quanto: rinnovabile, diffuso sul territorio, pulito ed economico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 1 1. Introduzione Gli elevati consumi di energia e l’aumento della do manda a livello mondiale, la conseguente diminuzione della disponibilità di font i fossili e la necessità di ridurre le emissioni di gas inquinanti responsabili dell’ef fetto serra, del riscaldamento terrestre e dello stravolgimento climatico, dovrebb ero spingerci all’uso sempre maggiore delle Fonti Energetiche Rinnovabili (FER). Ancora di più in Italia: il nostro Paese infatti im porta dall’estero oltre l’80% di combustibili, carburanti ed energia elettrica. Per riuscire a rispettare gli impegni previsti dal protocollo di Kyoto, accordo internazionale siglato tra i Paesi industrializzati per tagliare le emissioni di gas ed anidride carbonica, l’Italia dovrà incrementare, en tro il 2012, la quota di energia prodotta da fonti rinnovabili (che attualmente forn iscono solo il 7,3% del fabbisogno energetico nazionale). Ancor più stringe nti sono i vincoli imposti dall’Unione Europea (UE) per il 2020: la riduzione del 20% delle emissioni di CO 2 rispetto al valore del 1990, un utilizzo di almeno il 20% di fonti rinnovabili (per l’Italia l’obiettivo assegnato è del 17%) e una dim inuzione del 20% dei consumi energetici. Tra le fonti rinnovabili, l’impiego delle biomasse è considerato una delle priorità per migliorare le opportunità di sviluppo locale, n el rispetto dei caratteri tipici del territorio. Ed è proprio in questo contesto che il progetto, oggetto della presente tesi, si inserisce. L’impianto a biomasse in filiera corta rappresenta una scelta affidabile ed assolutamente ecologica, che costituisce il consegu imento degli obiettivi stabiliti dalla UE in termini di riduzione delle emissioni, u tilizzo di fonti rinnovabili e risparmio energetico. Lo sfruttamento a fini energe tici delle biomasse può quindi assumere un ruolo strategico, contribuendo ad uno s viluppo sostenibile ed equilibrato del pianeta. Un impiego diffuso delle biomasse comporta notevoli ricadute a livello economico, ambientale ed occupazionale, in quanto può garantir e: - la valorizzazione dei residui agroindustriali; - nuove opportunità di sviluppo per zone marginali e/ o riduzione di surplus agricoli con sostituzione di colture tradizionali c on colture energetiche; - la possibilità di sviluppo di nuove iniziative indu striali; - l’autonomia energetica locale. L'attivazione di una filiera bioenergetica implica l'avvio ed il coordinamento di una serie complessa di relazioni che si intrecciano sul territorio (raccolta – trasporto e stoccaggio – pretrattamento – conversione in energi a termica ed elettrica – distribuzione ed utilizzo dell'energia), coinvolgen do settori tra loro non sempre contigui. Analizzando le fasi principali di una fil iera è possibile verificare l'elevato numero di relazioni ed attività imprenditoriali che sono impegnate nel processo. La scelta di utilizzare determinate biomasse per la produzione di energia richiede la realizzazione di una filiera completa ed efficiente in cui tutte le fasi che compongono il sistema, dalla produzione della bioma ssa alla conversione energetica e distribuzione della stessa, devono ess ere controllate e valutate sotto ogni aspetto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

compostaggio
iso 14001
certificazione
cogenerazione
mps
sga
sistema di gestione ambientale
strumenti di pianificazione
filiera corta
mitigazione
ciclo rankine
materie prime secondarie
comparti ambientali

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi