Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Evoluzione e psicoanalisi

Il presente lavoro si propone di rileggere alcuni concetti psicoanalitici – nello specifico, gli assunti di base elaborati da Bion nel suo lavoro coi gruppi e, sullo sfondo, le posizioni kleiniane ed il complesso edipico – in un’ottica evoluzionistica. A tale scopo, vengono messe a confronto le caratteristiche dei gruppi umani con quelle dei gruppi animali, e si evidenzia come anche nei gruppi animali siano presenti comportamenti del tutto analoghi a quelli descritti da Bion per i gruppi umani. Inoltre, viene ipotizzata una corrispondenza tra comportamenti di gruppo e comportamenti individuali, e ne vengono discusse le possibili implicazioni.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Abstract Il presente lavoro si propone di rileggere alcuni concetti psicoanalitici – nello specifi- co, gli assunti di base elaborati da Bion nel suo lavoro coi gruppi e, sullo sfondo, le posizioni kleiniane ed il complesso edipico – in un’ottica evoluzionistica. A tale sco- po, vengono messe a confronto le caratteristiche dei gruppi umani con quelle dei gruppi animali, e si evidenzia come anche nei gruppi animali siano presenti compor- tamenti del tutto analoghi a quelli descritti da Bion per i gruppi umani. Inoltre, viene ipotizzata una corrispondenza tra comportamenti di gruppo e comportamenti indivi- duali, e ne vengono discusse le possibili implicazioni. Introduzione Sin dai suoi esordi, la psicoanalisi è stata oggetto di controversie e polemiche. Su tut- te, l’accusa di essere una pseudoscienza, di basarsi su dati aneddotici, di essere una tautologia non falsificabile. Sicuramente molte di queste critiche sono fondate, sicuramente la psicoanalisi ha co- nosciuto deviazioni folkloristiche, e sicuramente i vari dibattiti tra le diverse scuole hanno portato talvolta ad esasperare le posizioni più che a integrarle costruttivamente. Eppure, ancora oggi, a più di un secolo dalla sua comparsa, la psicoanalisi continua a dire la sua, ed alcuni suoi concetti cardine ricevono supporto da vari studi provenienti dalle più svariate discipline. L’inconscio, ad esempio, croce e delizia degli psicoanalisti, è oggi oggetto di nume- rosi studi che, utilizzando le più moderne tecniche di neuroimaging, cercano di inda- gare nel dettaglio cosa avviene in questa “scatola nera” ipotizzata da Freud. Questo lavoro si propone di riesaminare una particolare teorizzazione psicoanalitica, gli assunti di base dei gruppi (collegati con le posizioni kleiniane e con il complesso edipico), formulata da Bion, in un’ottica etologico/evoluzionistica. A questo scopo, si cercherà di ritrovare nel mondo animale quei comportamenti che Bion ha descritto nei gruppi umani, assumendo che, se un comportamento umano è presente anche nel mondo animale, allora è plausibile ipotizzare che questo abbia una base genetica ed

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Psicologia

Autore: Bruno Barbera Contatta »

Composta da 72 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2549 click dal 01/03/2012.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.