Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le emozioni distruttive. Occidente ed oriente a confronto

Scopo della presente tesi di laurea di primo livello, di tipo compilativo, è quello di prendere in considerazione il concetto di emozione distruttiva e, tra le sue molteplici manifestazioni, la rabbia, il desiderio e l’illusione.
L’elaborato è stato articolato in complessivi tre capitoli: il primo ha preso in considerazione il concetto di emozione quale è stato elaborato nella storia degli studi e delle ricerche. Il secondo capitolo si è proposto di analizzare due concetti profondamente intersecati a ciò che s’intende per emozione distruttiva, vale a dire il coping con le relative strategie, e l’alessitimia. Il terzo capitolo, infine, ha esaminato la definizione di emozione distruttiva, a partire dall’analisi di una pubblicazione di D. Goleman che ha, peraltro, ricevuto numerose recensioni. L’autore, psicologo cognitivista che ha collaborato, nella stesura del testo, con il quattordicesimo Dalai Lama, ricostruisce minuziosamente i dialoghi più salienti di quanti hanno preso parte all’ottavo incontro Mind and Life, tenutosi nel marzo del 2000 ai piedi dell’Himalaia. Chiudono il lavoro di tesi le considerazioni conclusive che, in maniera critica, hanno avuto lo scopo di fare il punto sul lavoro svolto, sui contenuti esposti e sui diversi orizzonti culturali analizzati.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Capitolo primo Per quanto il concetto di emozione sia stato oggetto di interesse della disciplina psicologica sin dalle origini, solo di recente l’argomento è ritornato al centro dell’attenzione grazie alla diffusione della psicologia cognitiva, il cui obiettivo prioritario è stato quello di esplorare quanto accade dentro la black box o scatola nera. 1. LE EMOZIONI Il termine emozione è connesso ad un insieme di fenomeni che si svolgono su tre principali piani:  fenomenologico-esperenziale;  fisiologico (periferico/centrale);  espressivo-comportamentale (Cardaci & Lombardo, 1998). In dipendenza da tale spiegazione, sempre più teorici e ricercatori hanno concordato nel definirla come una sindrome, cioè come un insieme di sintomi (fisiologici, comportamentali, neuropsicologici, fenomenologici, ecc…), di cui però nessuno singolarmente è sufficiente nella definizione di uno stato emozionale. Attraverso studi condotti da Shaver e collaboratori, sono state delineate sei categorie emozionali di base: amore, gioia, sorpresa, collera, tristezza e paura. Di

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Deborah Falzone Contatta »

Composta da 58 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2621 click dal 21/03/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.