Skip to content

Personalità e perversione - Aspetti relazionali

Informazioni tesi

  Autore: Paolo D'addario
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Urbino
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze Psicologiche dell'intervento clinico
  Relatore: Serena Marchitelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 58

Da qualche anno anche l’Italia ha approvato delle misure repressive nei confronti dei responsabili di questo fenomeno patologico, infatti oggi gli stalkers (aggressori) sono perseguibili penalmente. La mia curiosità è stata rivolta inizialmente alle modalità con cui potevano essere punite queste azioni moleste, mi chiedevo: “come può fare la polizia ad accertare se si tratta di molestia o di un tentativo passionale di recuperare un rapporto con il compagno o la compagna? E la cultura e le tradizioni? Si potrà considerare i comportamenti perversi di questo tipo punibili allo stesso modo (ad esempio in Sicilia e in Lombardia), considerando gli stereotipi dei rapporti affettivi nelle differenti regioni? Se si tratta di una perversione, dunque una patologia, è il caso di curare o di punire? In quel corso ho avuto solo alcune delle risposte che cercavo.
Attraverso questo lavoro mi sono riproposto di approfondire e chiarire le dinamiche della perversione (di cui lo stalking non è che uno dei diversi risvolti possibili, nel campo affettivo-relazionale) analizzandone la storia da un punto di vista fenomenologico-intersoggettivo, cercando di circoscrivere e delineare le forme patologiche che essa può assumere oltre alle vicende ambientali e intrapsichiche che hanno determinato il tipo di funzionamento perverso. Nel definire il concetto di perversione mi sono imbattuto in una pluralità di significati a cui il termine rimanda, riscontrando poca chiarezza e difficoltà nella sua comprensione. Trovo che in letteratura si parli spesso di perversione come un tutt’unico, passando indistintamente dalla perversione sessuale o come tipo di transfert, alla perversione come difesa o come modalità relazionale.
Ho voluto far riferimento ad alcuni autori che rappresentino almeno in parte la varietà di significati che la letteratura psicoanalitica nazionale e internazionale attribuisce al concetto di perversione, distinguendo le perversioni sessuali dalla perversione della relazione. Il mio intento è stato quello di descrivere la fenomenologia delle suddette patologie, circoscrivere e delimitare un’area clinica, altrimenti troppo vasta. Nel secondo capitolo ho affrontato il tema del narcisismo, descrivendone soprattutto i risvolti patologici e il suo ruolo determinante nella personalità e nel funzionamento dell’individuo perverso. Nel capitolo tre ho analizzato la questione dal punto di vista intrapsichico e ambientale, durante lo sviluppo. Ho cercato di seguire la linea dello sviluppo bio-psicologico normale del bambino, cercando di capire che cosa è successo nello sviluppo psichico del perverso, in che cosa si differenzia rispetto allo sviluppo normale e quali sono state le vicissitudini che lo hanno portato ad adottare questo tipo di funzionamento. Nel quarto capitolo l’attenzione è stata rivolta alle dinamiche perverse nella coppia eterosessuale: ho tentato di far emergere il grave problema della violenza psicologica, la cui distruttività rimane sotterranea, impercettibile, quasi invisibile. L’attenzione è stata rivolta in particolar modo alle modalità con cui le dinamiche perverse si sviluppano e come queste possano essere alimentate e occultate dallo stereotipo sociale per cui la donna si trova in una posizione di sottomissione. Sono state analizzate distintamente le figure del perpetratore e della vittima e le conseguenze che la relazione patologica perversa può avere su quest’ultima. Ho cercato di dimostrare come si può analizzare la personalità del perpetratore secondo un profilo di personalità, e come non si possa fare altrettanto con la vittima, in quanto non necessariamente corrisponde ad un profilo psicologico. Ho affrontato e cercato di dimostrare le lacune di quelle teorizzazioni che cercano di dare una spiegazione delle dinamiche perverse, attraverso il masochismo o la personalità dipendente della vittima. Nell’ultimo capitolo ho cercato di evidenziare come le dinamiche perverse siano insediate dietro la facciata della quotidianità, dando dei brevi cenni sui fenomeni dello stalking e del mobbing, ho cercato poi di evidenziare come le dinamiche perverse possano essere rintracciate nella coppia, nel lavoro, nella famiglia, ma soprattutto nella nostra società, nella collettività.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
- 3 - INTRODUZIONE Durante il mio periodo di tirocinio ho avuto la possibilità di partecipare ad un corso di criminologia clinica e psicopatologia forense in cui ho avuto l’occasione di affrontare il tema dello stalking, un fenomeno noto come molestia morale e punibile dalla legge negli Stati Uniti e in altri paesi. Da qualche anno anche l’Italia ha approvato delle misure repressive nei confronti dei responsabili di questo fenomeno patologico, infatti oggi gli stalkers (aggressori) sono perseguibili penalmente. La mia curiosità è stata rivolta inizialmente alle modalità con cui potevano essere punite queste azioni moleste, mi chiedevo: “come può fare la polizia ad accertare se si tratta di molestia o di un tentativo passionale di recuperare un rapporto con il compagno o la compagna? E la cultura e le tradizioni? Si potrà considerare i comportamenti perversi di questo tipo punibili allo stesso modo (ad esempio in Sicilia e in Lombardia), considerando gli stereotipi dei rapporti affettivi nelle differenti regioni? Se si tratta di una perversione, dunque una patologia, è il caso di curare o di punire? In quel corso ho avuto solo alcune delle risposte che cercavo. Attraverso questo lavoro mi sono riproposto di approfondire e chiarire le dinamiche della perversione (di cui lo stalking non è che uno dei diversi risvolti possibili, nel campo affettivo- relazionale) analizzandone la storia da un punto di vista fenomenologico-intersoggettivo, cercando di circoscrivere e delineare le forme patologiche che essa può assumere oltre alle vicende ambientali e intrapsichiche che hanno determinato il tipo di funzionamento perverso. Nel definire il concetto di perversione mi sono imbattuto in una pluralità di significati a cui il termine rimanda, riscontrando poca chiarezza e difficoltà nella sua comprensione. Trovo che in letteratura si parli spesso di perversione come un tutt’unico, passando indistintamente dalla perversione sessuale o come tipo di transfert, alla perversione come difesa o come modalità relazionale. Nell’enciclopedia Treccani, sotto il termine perversione, troviamo: “dal lat. perversio-onis, der. di pervertĕre «pervertire». – 1. Genericam., deviazione,allontanamento dalle norme morali e sociali riconosciute e condivise: p. dei costumi, dei principi, degli animi. 2. Per estens., qualsiasi modificazione in senso ritenuto deteriore, patologico, di un processo psichico, di un sentimento o comportamento, di una tendenza istintiva: p. del gusto (anche fisiologico); p. del senso estetico. In partic., p. sessuali, espressione usata, spec. in passato, per indicare sindromi psicopatiche caratterizzate da deviazioni del comportamento sessuale considerato normale, per cui l’istinto sessuale è diretto verso un oggetto anomalo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

violenza
mobbing
personalità
perversione
stalking
perversione narcisistica
narcisismo perverso
perversione relazionale
perpetratore vittima
perversione nella coppia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi