Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I poteri di indagine del difensore tra legislazione e prassi

« […] Appartiene alla natura intrinseca del processo di parti riconoscere, accanto al potere investigativo della polizia giudiziaria e del Pubblico Ministero, il diritto di indagine ai soggetti privati, quale prima espressione del diritto alla prova, e più precisamente del diritto di difendersi provando. »
(G. Frigo)

Quali sono le "armi" a disposizione dell'avvocato difensore per costruire un efficace impianto di difesa? Che ruolo ha l'investigatore privato nella raccolta delle prove e quanto il suo lavoro può essere considerato valido ai fini del processo penale.
Breve dissertazione sui temi delle indagini difensive, tra teoria e prassi.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione « […] Appartiene alla natura intrinseca del processo di parti riconoscere, accanto al potere investigativo della polizia giudiziaria e del Pubblico Ministero, il diritto di indagine ai soggetti privati, quale prima espressione del diritto alla prova, e più precisamente del diritto di difendersi provando. » 1 (G. Frigo) Il punto centrale della legittimazione delle indagini difensive nel processo penale italiano è ravvisabile già in questa osservazione del avv. Frigo, attuale membro della Consulta e considerato da molti il padre della riforma costituzionale che ha introdotto il cosiddetto “giusto processo”, ovvero quella riforma generale che ha legittimato per la prima volta le investigazioni difensive. In precedenza, l‟argomento delle indagini della difesa veniva trattato esclusivamente in maniera sbrigativa e generica dall‟art. 38 delle norme di attuazione del codice di procedura penale, nel quale era sancita la mera facoltà per il difensore di svolgere indagini per raccogliere elementi di prova a favore del proprio assistito, anche avvalendosi della collaborazione di consulenti tecnici e sostituti, ha concesso la possibilità di ottenere colloqui con persone informate sui fatti e la possibilità di delegare queste attività ad investigatori privati autorizzati. La norma risulta chiaramente formulata con scarsa attenzione nei confronti del problema e anche la posizione in cui si trova, nelle norme 1 Siracusano D., Elementi di diritto processuale penale, vol. II cap. V L’investigazione difensiva, pag. 165

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Marta Clelia Dessalvi Contatta »

Composta da 78 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 815 click dal 12/03/2012.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.