Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il contributo della logoterapia e dell'analisi esistenziale per la responsabilizzazione dell'insegnamento alla Scuola d'infanzia. un'ipotesi

L’obiettivo della tesi è quello di verificare se la dimensione assiologica influenzi la tipologia di motivazione dell’insegnante di Scuola d’infanzia. Per giungere a questa riflessione dunque, come si intuisce dalla rassegna della letteratura appena descritta, viene proposta la logoterapia.

Con logoterapia si intende ricerca del significato della vita; nel primo capitolo si descrivono le fondamenta che la costituiscono, per comprendere come si è passati dalla volontà di potenza adleriana alla volontà di significato frankliana. Nel secondo capitolo viene descritta la vita di Frankl sia in età giovanile sia dopo l’esperienza nei campi di concentramento. Nella parte centrale del secondo capitolo vengono descritti i concetti principali della logoterapia e dell’analisi esistenziale e le similitudini molto forti esistenti fra il pensiero frankliano e quello di Haidegger

Il terzo capitolo cerca di sistematizzare l’approccio logoterapeutico all’interno della teoria pedagogica, che aderisce in particolare verso un approccio a matrice umanistico-personalista.
La parte centrale si occupa dei valori principali e del loro ruolo all’interno della Scuola d’infanzia. L’ultima parte esplora alcuni riferimenti espliciti sia nel pensiero di alcuni autori del XX secolo sia all’interno dei documenti ministeriali.
Il quarto e ultimo capitolo propone una ricerca-pilota e costituisce il passo finale per giungere all’obiettivo sopra annunciato. Dopo aver introdotto la ricerca si presenta lo strumento Work and Organisational Motivation Inventory, per la misurazione della motivazione, e la Scala dei valori della vita per la misurazione dei valori prioritari nella vita delle persone intervistate. Successivamente vengono presentati brevemente altri strumenti logoterapeutici che analizzano la dimensione assiologica. La parte finale del capitolo affronta le analisi di ognuno dei due strumenti analizzati in precedenza e dunque la loro correlazione. Altri risultati sono commentati in appendice mentre nelle conclusioni del lavoro sono descritti i risultati complessivi della ricerca-pilota contestualizzati all’argomento della tesi.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE “Qual è il senso che la professione d’insegnante aggiunge alla mia vita?”. È questa la domanda che ha portato al problema affrontato nella tesi che si sta introducendo, che esplora i risvolti pedagogici della logoterapia (scuola di psicoterapia) ed in particolare all’educazione ai valori. Si cerca in particolare di verificare quanto e come la dimensione assiologica influenzi la sfera motivazionale. Questo modo di procedere fa emergere delle questioni che mi hanno interrogato spesso durante la frequenza al tirocinio nelle Scuole d’infanzia nella regione Friuli Venezia-Giulia. Tali questioni si riferiscono in generale per l’appunto al mondo assiologico, come per esempio “quali valori è giusto trasmettere ai bambini?” oppure “dove è corretto intervenire senza deresponsabilizzare i genitori o la famiglia?”. Vorrei in questo contesto precisare che la riflessione non vuole essere di natura etica e nemmeno di natura tecnica. Per comprendere invece quale sia la reale finalità della riflessione, riporto alcune domande più specifiche rispetto alla dimensione dei valori, frutto di alcune osservazioni o lezioni condotte nelle Scuole in questi anni: “è necessario fare educazione sessuale alla Scuola d’infanzia? Entro quali parametri? Come è possibile parlarne senza precludere la responsabilità dei genitori?” o ancora “è necessario precludere a tutti i bambini di una sezione la possibilità di costruire un albero genealogico della propria famiglia, perché alcuni bambini hanno una situazione familiare difficile? Esistono altre soluzioni?”, “è necessario festeggiare a Scuola halloween, festa che non rientra nella nostra tradizione? Cosa trasmettere invece della nostra tradizione”, “come valorizzare la diversità o l’interculturalità, senza trascurare la propria cultura?”; sono solo alcune domande più specifiche sulla dimensione assiologica, che collocano la riflessione su questo binario. In altre parole quale ruolo hanno i valori nell’educazione di oggi? Tuttavia il reale motivo che ha prodotto questa lavoro non deriva solamente dall’esperienza nel tirocinio, ma è un problema che sorge da un domanda interiore di chiarezza di senso già ricordata all’inizio di questa introduzione “Qual è il senso che la professione d’insegnante aggiunge alla mia vita?”. Questa domanda non è però completa, avevo bisogno di un ulteriore campo d’indagine. Il secondo fattore è la motivazione. Tale scelta è dovuta ad una domanda che mi è stata rivolta al cominciamento del percorso di studi nella facoltà di scienze della formazione primaria “perché hai scelto questa facoltà?”. Domanda molto semplice, pensavo di avere una risposta pronta e invece non è stato così. Se all’inizio forse non ci pensavo troppo, spinto dall’entusiasmo di iniziare un nuovo ciclo di studi e quindi in fondo un nuovo modo di vivere, con il passare del tempo ha cominciato a pesarmi. Perché voglio fare

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Mattia Ianza Contatta »

Composta da 348 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 928 click dal 09/03/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.