Skip to content

Hedging e valore dell'impresa

Informazioni tesi

  Autore: Sandro Versace
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Libera Univ. Internaz. di Studi Soc. G.Carli-(LUISS) di Roma
  Facoltà: Economia
  Corso: Finanza di Impresa
  Relatore: Claudio Boido
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 70

La tesi si propone di studiare la relazione tra l’uso di derivati finanziari con finalità di copertura e la creazione di valore per gli azionisti nel contesto delle imprese italiane quotate.

Numerosi studi evidenziano come, dal punto di vista teorico, l’hedging dovrebbe contribuire all’incremento del valore d’impresa in presenza di un mercato dei capitali imperfetto. Tuttavia la teoria non ha sempre trovato riscontri al momento della verifica empirica, e se alcuni autori hanno associato l’effettiva esistenza di un aumento di valore a fronte dell’uso di derivati, altri non hanno invece trovato una correlazione significativa.
L’obiettivo della tesi è di verificare se, e in che misura, esista una tale correlazione nel mercato italiano.

Il lavoro è suddiviso in due parti.
Nella prima, di carattere teorico, vengono descritte le motivazioni alla base dell’hedging, e le modalità con cui dovrebbe, secondo la letteratura, contribuire alla massimizzazione del valore aziendale. L’aumento della stabilità dei flussi di cassa riduce infatti alcuni costi di agenzia, come quelli legati al sottoinvestimento o all’asset substitution, e può migliorare l’efficacia del sistema di incentivi rivolti al management. Inoltre riduce i costi relativi al dissesto finanziario, consente di allineare i flussi di cassa in entrata e in uscita, e consente un risparmio stabilizzando il reddito imponibile in presenza di aliquote progressive.

Nella seconda parte si procede alla verifica dell’ipotesi di massimizzazione del valore prendendo come campione le imprese italiane quotate e tenute alla redazione del bilancio consolidato presenti nel database AIDA prodotto da Bureau Van Dijk Electronic Publishing e per cui sia presente il bilancio chiuso il 31/12/2010. Dal campione sono escluse le società finanziarie, seguendo l’approccio largamente usato in letteratura, ottenendo un totale di circa 168 società. Le informazioni sull’uso dei derivati sono invece ricavate dai report annuali.
La regressione è impostata usando come variabile dipendente il valore dell’impresa, approssimato dalla Q di Tobin, e come variabile indipendente il rapporto tra valore nozionale dei derivati utilizzati e valore totale dell’attivo. Inoltre vengono prese in considerazione diverse variabili di controllo già utilizzate in letteratura(dimensione,leverage,profittabilità,diversificazione,prospettive di crescita).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 1. Introduzione 1.1 Introduzione Nel corso delle ultime decadi, l‟uso di strumenti finanziari derivati ha conosciuto un incremento esponenziale. Secondo le stime della Bank of International Settlement (BIS), il valore nozionale dei contratti derivati complessivamente in essere nei paesi del G10 1 è passato da circa 80mila a oltre 600mila miliardi di dollari nel periodo 1998-2010. La responsabilità di questo aumento ricade in gran parte sulle istituzioni finanziarie; tuttavia i dati mostrano un chiaro trend anche per quanto riguarda le istituzioni non finanziarie, come evidenziato dal grafico in figura 1.1 2 . Figura 1.1-Andamento del valore nozionale dei contratti derivati sottoscritti da istituzioni non finanziarie nei mercati OTC. Valori in centinaia di miliardi di dollari. Dati da www.bis.org 1 Germania, Belgio, Canada, USA, Francia, Italia, Giappone, Olanda, Regno Unito, Svezia, Svizzera. 2 Si tenga presente che il valore nozionale calcolato dalla BIS risulta in un certo senso gonfiato, poiché considera anche i nuovi contratti aperti per chiudere posizioni preesistenti (Stulz 2004) 0 50 100 150 200 250 300 350 400 450 500 Interesse Cambio

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi