Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'immagine di Cuba attraverso i giornali spagnoli dal 1958 al 1962

La tesi è la ricostruzione degli avvenimenti che nel periodo 1958 1962 portarono all'insediamento e al consolidamento di Fidel Castro alla guida di Cuba, la quale divenne, per qualche anno, il centro politico militare della guerra fredda.
La ricostruzione viene fatta attraverso gli articoli dei principali giornali spagnoli, soprattutto perchè la Spagna e il paese caraibico erano talmente vicini che gli spagnoli considerava Cuba come "un pezzo di Spagna nel Mar dei Caraibi"

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Capitolo 1 : 1958 1.1: situazione politico-sociale a Cuba Il 1958 si presenta subito come l‟anno più difficile per il dittatore cubano Batista. Dopo 25 anni di autoritarismo il popolo si era stancato di lui. I gruppi di rivolta nell‟isola erano sempre più numerosi e ben organizzati. I più pericolosi, determinati e preparati erano sicuramente i ribelli del Movimento 26 de Julio comandati da Fidel Castro, i quali continuavano a riportare vittorie di rilievo contro i soldati dell‟esercito regolare cubano. La fama di Castro era aumentata notevolmente nell‟isola e nei vicini USA grazie ad un‟intervista rilasciata l‟anno prima a Herbert Matthews, un giornalista del New York Times. L‟intervista mostrava Castro ed i suoi uomini come eroi ben equipaggiati e pronti a tutto. Grazie della simpatia che il giornalista provava per il ribelle non fu difficile far credere allo stesso Matthews che la truppa castrista fosse formata da circa un centinaio di uomini, anche se in realtà non erano nemmeno venti. L‟intervista venne riportata da tutti i giornali cubani grazie anche alla sospensione della censura effettuata l‟anno prima dallo stesso Batista. Il clamore suscitato dall‟intervista ed i continui successi delle truppe ribelli portano ad al reclutamento sempre maggiore di operai, impiegati, contadini e studenti nelle file dei rivoltosi 1 . E proprio gli studenti cubani si rivelarono tra i più attivi nella lotta. Il quotidiano spagnolo Informaciones del giorno 11 marzo da notizia che alcuni gruppi studenteschi avevano fatto esplodere alcune bombe nelle città di Cárdenas e di Santa Clara. Un giovane venne arrestato a Cienfuegos per aver tentato di incendiare la propria scuola. A causa di queste manifestazioni il Ministero dell‟Educazione ordinò la chiusura delle Università, degli istituti privati e di quelli di pertinenza della Federación de Escuela Católica per una settimana 2 . La stessa Chiesa comincia a prendere le distanze dal Presidente, stanca di tutto quel libertinaggio e quella corruzione che Batista aveva portato nell‟isola. Questo fu un duro colpo per il 1 Moscato, Antonio, Breve storia di Cuba, Roma, Datanews, 1996. 2 CUBA: orden de clausura de las Universidades. Informaciónes, 11 marzo 1958.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Juri Senici Contatta »

Composta da 324 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1501 click dal 14/03/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.