Skip to content

La prima Intifada nella visione politica del Fronte Democratico per la Liberazione della Palestina - FDLP

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Podavini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Marcella Emiliani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 275

La scorsa estate mi sono trovato a parlare con Ali Rashid, segretario dell'ambasciata palestinese in Italia. Alla domanda: “La seconda Intifada è realmente terminata?”, ha dato una risposta non scrupolosa: “Sta terminando”. Ecco, credo che la risposta di Rashid sia significativa per indicare quanto sia difficile stabilire delle date precise riguardo a rivolte di vasta portata, e dalle caratteristiche ardue da definire, come sono state le due ribellioni palestinesi.

Nemmeno l'inizio della prima Intifada si può ricondurre ad una data esatta. Lo stesso vale per la fine della rivolta. Seguendo la cronaca dei mesi e degli anni successivi la stretta di mano alla Casa Bianca, ci si rende immediatamente conto che scontri e violenze non sono terminati dopo quella data. Gli attentati terroristici dei movimenti palestinesi – islamici e non – e le seguenti ritorsioni israeliane, sono continuati fino allo scoppiare della seconda Intifada.

Ma, fin dall'inizio del lavoro, sono stato intenzionato a voler proporre, con maggior precisione possibile, una cornice di peculiarità entro le quali ricondurre i termini della rivolta. Tra le più significative possiamo senz'altro indicare la SPONTANEITA' dell'insurrezione. Caratteristica che nessun testo o pubblicazione ha cercato di smentire e che troviamo confermata anche nelle dichiarazioni di chi vi ha preso parte. L'Intifada non è infatti nata da una decisione presa dall'alto, dall'OLP, da un partito politico o movimento religioso, bensì da un traboccare del senso di frustrazione ed esasperazione del popolo palestinese. L'unico dubbio può venire dalle parole di Tayseer Khaled quando, alla domanda – lo ammetto – piuttosto maliziosa: “Esiste un controllo governativo sui media palestinesi?” risponde che: sì “l'informazione pubblica palestinese […] è sotto il controllo dell'Autorità Nazionale ed è quindi di parte. L'Autorità controlla un buon numero di giornali”. Ma poi continua affermando che: ”In quasi tutte le città ci sono tv locali e radio locali dove trovano spazio anche le forze di opposizione”. Dimostrando quindi che non esiste un controllo assoluto nemmeno sui mezzi di informazione, nonostante una guida politica vi sia. Bisogna ricordare inoltre che questa affermazione si riferisce alla situazione odierna e non a quella del 1987, quando l'Autorità Palestinese di cui Khaled ci parla, non esisteva ancora e quando canali satellitari erano tutt'altro che diffusi. Va fatto anche notare che, nelle trasmissioni radio-televisive di quelle prime settimane di rivolta, non si incoraggiava particolarmente alla lotta, non più di quanto si facesse solitamente. Inoltre si è visto come il termine stesso “Intifada” sia stato utilizzato solo più tardi, a rivolta avviata. Anche questo lascia supporre che non ci fosse una regia precisa dietro alla ribellione. Si può concludere quindi tranquillamente che nessuna delle fonti reperite ha messo in discussione la spontaneità dell'Intifada, almeno ai suoi inizi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
9 INTRODUZIONE Sono circa le quattro e trenta di un caldo pomeriggio di settembre. Da una decina di giorni Fabian ed io viaggiamo attraverso l‟Italia. Partiti da Brescia la mattina del due abbiamo fino ad ora visitato i dintorni di Latina, la reggia di Caserta, Amalfi, Positano, Pompei ed altre località della Campania. Ora siamo a Napoli. “Finalmente!”, esclama Fabian, che da diverso tempo desidera vedere la città partenopea. Passeggiamo per un lungo viale in discesa, diretti verso piazza del Plebiscito quando un uomo, magro e piuttosto anziano, si affaccia ad una vetrina e ci invita energicamente ad entrare nella sua bottega. Indica un televisore acceso e ci sprona ad osservarne le immagini. Vediamo un aereo di linea che si schianta contro un palazzo di New York. Per qualche istante crediamo che sia un film, poi ci rendiamo conto è la realtà. Si tratta infatti di un‟edizione speciale del telegiornale che mostra gli attentati avvenuti alcune ore fa negli Stati Uniti. Al momento non ce ne rendiamo conto ma, quello che stiamo osservando, è l‟evento che segna l‟inizio del nuovo millennio. Vediamo le torri crollare e sentiamo i primi tentativi di dare delle cifre a quella spaventosa tragedia. Si parla di migliaia di morti, forse ventimila. Ci chiediamo chi può essere stato. La televisione risponde: “Gli attentati sembra siano stati rivendicati dal Fronte Democratico per la Liberazione della Palestina”. Fabian resta impietrito. Già perché, l‟amico che in piedi accanto a me sta osservando le Twin Towers rovinare al suolo, è Fabian Odeh Khaled, figlio di Tayseer Khaled,

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

israele
medio oriente
medioriente
arafat
accordi di oslo
intifada
israelo-palestinese
palestina khaled
thayseer
taysheer
israeliana
fdlp
fronte democratico per la liberazione palestina

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi