Skip to content

Eventi sportivi e diritti televisivi

Informazioni tesi

  Autore: Anna Zambotti
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Trento
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Giovanni Pascuzzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 172

Il calcio in Italia si è trasformato negli anni in un fenomeno dalle connotazioni marcatamente economiche: sono infatti sempre più evidenti le connessioni che si evidenziano tra “lo sport più amato dagli italiani” ed il business.
Lo sfruttamento dei diritti audiovisivi degli eventi sportivi ha avuto, e continua ad avere, all’interno di questa dinamica evolutiva, un ruolo determinante.
Il rapporto tra lo sport – ed il calcio in particolare - e la televisione si è instaurato fin dalle origini del mezzo elettronico e, non a torto, è stato definito un “amore a prima vista consolidato da un matrimonio di interesse”.
Elemento fondamentale per il consolidamento di tale relazione è stato l’affacciarsi sul mercato dapprima delle televisioni private, che hanno intuito da subito le opportunità di guadagno derivanti dagli spettacoli sportivi, e conseguentemente dell’evoluzione tecnologica che ha accentuato questo fenomeno.
Le problematiche legate alla qualificazione giuridica di “diritti televisivi”, rendono necessaria l’analisi delle diverse teorie definite in materia. Innanzitutto le teorie assolutistiche, tese ad attribuire ai diritti televisivi la consistenza di un diritto azionabile erga omnes, qualificandoli talvolta come diritti connessi al diritto d’autore (considerati come opera creata dall’organizzatore), in altri casi come beni “imprenditoriali” oggetto di tutela di natura proprietaria (considerati come prodotto dell’attività economica dell’organizzatore / imprenditore).
In secondo luogo le tesi relativistiche che, alla luce della specificità dei diritti in questione, definiscono il rapporto in chiave negoziale, riconoscendo una tutela obbligatoria all’organizzatore della manifestazione, limitata dal diritto di cronaca e dal diritto all’informazione.
Aspetto centrale è l’approfondimento delle modalità di esercizio e di cessione dei diritti televisivi sportivi: innanzitutto il passaggio, avvenuto con il D.L.15/1999, dalla contrattazione collettiva condotta dalla Lega Calcio e dalla TV di Stato ad un sistema di contrattazione individuale, sorretto dal principio di soggettività dei diritti televisivi criptati.
In secondo luogo il D.Lgs.9/2008 che ha sancito il ritorno alla contitolarità dei diritti in capo all’organizzatore della competizione sportiva e ai partecipanti alla stessa, a alla contrattazione collettiva, attraverso la Lega Calcio, dei relativi diritti.
Il coinvolgimento dello sport all’interno del mercato e il consolidato binomio tra attività sportiva e attività economica, rende necessaria una valutazione dei rapporti che si instaurano tra i soggetti coinvolti nel mercato dei diritti televisivi, al fine di accertarne la conformità rispetto alla disciplina antitrust.
Fondamentale è l’analisi del “mercato rilevante”, con particolare riferimento a quello dei diritti televisivi sportivi ed ai rapporti economici, orizzontali o verticali, che vengono ad instaurarsi tra i vari protagonisti, ossia i titolari dei diritti televisivi, le emittenti ed i consumatori.
Un altro aspetto interessante e problematico è la necessità di contemperare gli interessi economici legati al diritto di sfruttare le immagini degli eventi sportivi con la fondamentale tutela del diritto di cronaca e di informazione.
Il punto di equilibrio è stato ottenuto, in seguito a diversi interventi giurisprudenziali, tracciando una linea di confine tra il concetto di “spettacolo” e quello di “notizia”, e tra le esigenze informative e quelle economiche.
Il lavoro si conclude con una specifica analisi della commercializzazione dei diritti televisivi, con un focus sul Campionato di calcio di Serie A, descrivendo gli aspetti fondamentali della procedura di vendita ed assegnazione dei diritti, con una particolare attenzione alla modalità di distribuzione dei ricavi ottenuti dalla vendita collettiva.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Che il calcio in Italia stia diventando sempre più un fenomeno economico, piuttosto che meramente sportivo, è certamente una realtà inconfutabile. Sono infatti sempre più numerosi ed evidenti le connessioni che si instaurano tra “lo sport più amato dagli italiani” ed il business. Ruolo fondamentale tra gli interessi economici che scendono in campo è ricoperto, senza ragion di dubbio, dallo sfruttamento dei diritti audiovisivi degli eventi sportivi. Con il presente lavoro si vuole offrire un’analisi organica dell’argomento, partendo dall’imprescindibile analisi del rapporto tra lo sport, il calcio in particolare, e la televisione. Il rapporto, ormai indissolubile, si è instaurato fin dalle origini del mezzo elettronico e, non a torto, è stato definito “amore a prima vista consolidato da un matrimonio di interesse”. Fondamentale per il suo consolidamento è stato l’affacciarsi nel mercato delle televisioni private. Queste ultime, infatti, comprendendo fin da subito le opportunità di guadagno celate dietro gli spettacoli sportivi, hanno iniziato a scavare quella che si sarebbe rivelata poi la miniera d’oro dei diritti televisivi sportivi. L’evoluzione tecnologica e lo sviluppo di nuove piattaforme trasmissive non hanno fatto altro che accentuare questo fenomeno: l’offerta di sport in televisione è sempre maggiore, sia per qualità che per quantità, ed i canali sportivi monotematici sono il mezzo più efficiente per attirare e fidelizzare gli spettatori. Addentrandosi più specificatamente nella materia dei diritti televisivi, si ritiene opportuno affrontare, in primo luogo, gli aspetti problematici legati alla definizione del concetto che, seppur presente nelle parole dei più, non ha avuto e, ad onor del vero, non ha tuttora, un significato univoco. A tal fine si riportano le teorie assolutistiche, tese ad attribuire ai diritti televisivi la consistenza di un diritto azionabile erga omnes, qualificandoli talvolta come diritti connessi al diritto d’autore (riconoscendoli come opera creata dall’organizzatore), tal’altre come beni “imprenditoriali” oggetto di tutela di natura proprietaria (riconoscendoli come prodotto dell’attività economica dell’organizzatore/imprenditore).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

diritto di cronaca
diritti televisivi
sport e televisione
sport nella disciplina antitrust
procedura di assegnazione diritti televisivi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi