Skip to content

Sono solo canzonette? Il problema dell’autenticità nella popular music.

Informazioni tesi

  Autore: Enrico Colca
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Comunicazione strategica
  Relatore: Silvia Pezzoli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 231

Esistono nel linguaggio umano alcune parole che sembrano possedere di una sorta di potere magico; esse rimandano di solito a concetti che sono dotati di una forza evocativa tale da proiettare la loro luce il significato che la semantica può aver attribuito loro in secoli di storia. Uno di questi concetti è quello dell‘"autenticità", che trova spesso una rappresentazione estetica in ciò che viene definito "tipico".
La tipizzazione stessa è un‘operazione molto meno innocente di quanto comunemente si pensi: dal momento che la cultura è costantemente soggetta ai rivolgimenti e ai rimescolamenti cui sono soggetti i suoi portatori, ossia gli esseri umani – guerre, conquiste, migrazioni e deportazioni di massa ne sono gli esempi più evidenti – affermare la "tipicità" di un certo elemento culturale implica o spesso il riferimento a una particolare epoca, o la dimenticanza, più o meno deliberata, della vera origine di tale elemento. Infatti, ciò che rende smisuratamente impervia la ricerca dell‟autenticità è il fatto che molto spesso l‘origine dalla quale un certo elemento culturale ricava il proprio status di "autentico" viene essa stessa, come si è già detto, trasfigurata attraverso un processo di idealizzazione.
Particolari forme culturali e varianti storiche si cristallizzano in luoghi comuni e acquistano valore universale, finiscono per incarnare un concetto, un‘idea platonica capace di piegare a sé tutte le successive forme che si origineranno. In campo musicale, le massime espressioni dell‘"autentico" sono probabilmente la tradizione folk – che negli U.S.A. si declina nel country – e la tradizione blues. L‘una di matrice bianca, l‘altra di origine nera, esse esprimono due mondi sociali diversi, per lungo tempo perfino contrapposti, ma hanno caratteristiche tali da renderle in qualche modo simili, se non per l‘aspetto strettamente musicale – nel quale esistono importanti differenze – sicuramente nel fatto di rappresentare l‘ideale di “musica autentica”: esse rappresentano la verginità di un mondo rurale ormai minacciato – nella sua integrità culturale, per l‘appunto – dalla modernità. Se l‘industrializzazione e l‘urbanizzazione hanno già reso, a livello sociale, la modernità una realtà ormai affermata, anzi colta con l‘entusiasmo di un popolo che dell‘adattamento a contesti diversi ha fatto la propria forza e che è abituato a vedere ogni cambiamento storico come un‘opportunità, quando si entra nel discorso sulla cultura le cose possono cambiare, anche sensibilmente.
Perciò quando, negli anni Sessanta, la modernizzazione della musica americana si sarà concretizzata nelle forme di una musica sempre più elettrica‖, il pubblico rock sarà costretto a dividersi: fra coloro che sposeranno il nuovo status quo accorrendo in massa ai concerti di Jimi Hendrix, grande domatore di quel un nuovo mostro fatto di legno, trasduttori e cavi di rame, che è la chitarra elettrica, e fra coloro che, invece, preferiranno il suono grezzo e "genuino" della chitarra acustica di Woodie Guthrie. Questa dicotomia sarà credibile finché Bob Dylan, folksinger di razza allevat al Greenwich Village, spiazzerà tutti i nostalgici del folk presentandosi con una Fender Stratocaster e un amplificatore.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
8 Introduzione Il peso dell‘autenticità nella popular music Abbiamo scritto belle canzoni, perché non sapevamo scrivere canzoni. Gino Paoli. In qualsiasi momento vi sia divisione del lavoro musicale emerge la questione della risposta alla produzione da parte di coloro che sono collocati nella parte inferiore della catena di produzione (che siano diffusori, interpreti, ri-creatori, partecipanti o ascoltatori): sarà appropriazione, accettazione, tolleranza, apatia o rifiuto? In presenza di una stratificazione sociale, e quindi di musiche alternative, la questione diventa più pressante: da dovunque provenga questa musica, la faccio mia, la rifiuto come qualcosa di estraneo, o la consumo con più o meno entusiasmo? La musica veramente autentica è la musica di cui si appropria, la musica che viene integrata in una pratica sociale soggettivamente motivata. R. Middleton. Esistono nel linguaggio umano alcune parole che sembrano possedere di una sorta di potere magico; esse rimandano di solito a concetti che sono dotati di una forza evocativa tale da proiettare la loro luce il significato che la semantica può aver attribuito loro in secoli di storia. Uno di questi concetti è quello dell‘autenticità. Prossimo, talora sinonimo, dei concetti di fedeltà e coerenza, ―autentico‖ è un vocabolo che si presta tanto a descrivere una qualità dell‘animo quanto una virtù del fare umano. Il concetto di ―integrità‖, ad esso altrettanto vicino, rende ancora più trasparente la forte valenza etica dell‘autenticità: da un punto di vista puramente descrittivo, si dice solitamente che ―integro‖ sta ad indicare un oggetto o soggetto le cui parti si trovano in una comunione tale da conferirgli unità e coerenza - tanto che nel secondo caso usiamo il termine in-dividuo; dall‘altro lato, con spirito invece normativo, si afferma poi che

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

media
arte
musica
mercato
consumo
contestazione
jazz
cultura
rock
canzone
discografia
pop
controcultura
indipendente
indipendenti
music
popular
autenticità
folk
popular music
riproducibilità tecnica
68
country
pop music

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi