Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'uso di cellule staminali come possibile terapia delle lesioni traumatiche del midollo spinale

Negli ultimi anni, l’aumento delle conoscenze e delle capacità medico-scientifiche hanno permesso ai pazienti con lesione midollare di sopravvivere e, a volte, di recuperare alcune funzioni perse nell’incidente. I costi sostenuti dalla società per garantire una qualità di vita sufficientemente accettabile a queste persone sono altissimi. Da diversi anni si ipotizza la possibilità di utilizzare le cellule staminali per ricostituire i nervi e le connessioni nervose danneggiate. In questi anni sono stati aperti numerosi progetti di ricerca e studio con prospettive differenti, che prevedono l’uso di cellule staminali di origine diversa (embrionali o adulte, pluripotenti o differenziate, di origine fetale, cordonale, amniotica). Tra le tante scoperte, le più importanti riguardano le induced pluripotent stem cells (iPSC), staminali adulte presenti nelle nicchie tissutali, riprogrammate in modo da de-differenziarsi e tornare ad uno stadio precedente, le staminali neurali presenti nelle nicchie dell’ippocampo, facendo decadere uno dei postulati sulle caratteristiche delle cellule che definiva “perenni” le cellule nervose, le mesenchymal stem cells (MSCs), staminali provenienti dal tessuto mesenchimale che possono essere riprogrammate e/o funzionare come sostegno per altri tipi di cellule staminali. Studi relativi alle mielolesioni hanno portato ad agire già in fase acuta, direttamente sul paziente, per ridurre la degenerazione legata al processo infiammatorio e alle sue conseguenze. Seppur oggi oggetto di discussione, il metilprednisolone viene utilizzato da anni con indubbi vantaggi, mentre è tutt’ora utilizzata, in attesa di ulteriori certezze, l’eritropoietina come farmaco d’elezione in fase acuta; i bloccanti dell’IL-8 ed i macrofagi attivati ancora in fase di studio.
Il paziente mieloleso può essere trattato in fase acuta o cronica. In fase acuta viene trattato farmacologicamente, mentre ancora in fase preclinica sono le altre metodiche quali l’innesto di cellule staminali, di precursori neurali o di staminali mesenchimali, la stimolazione di cellule staminali endogene, l’uso di cellule del cordone ombelicale programmate.
Innestare nuove cellule nel sito di lesione non è però sufficiente, bisogna spingere tali cellule a creare connessioni nuove e funzionanti.
Un approccio multidisciplinare riguarda l’inserzione di nanofibre bioriassorbibili contenenti peptidi autoassemblanti, che a contatto con i liquidi corporei si trasformano in gel creando uno scaffold su cui le fibre nervose superstiti, poste a monte ed a valle, possano rigenerarsi e connettersi. All’interno di queste fibre vi sono sostanze neurotrofiche e fattori di crescita. I risultati preclinici di queste ricerche sembrano promettenti.

Mostra/Nascondi contenuto.
9 CENNI DI ANATOMIA E PATOLOGIA

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Maria Cristina Vanni Contatta »

Composta da 71 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3303 click dal 27/03/2012.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.