Skip to content

Valutazione di efficacia dei Programmi Urbani Integrati. I PRUACS in Puglia: speranza o realtà?

Informazioni tesi

  Autore: Ornella Bruno
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Politecnico di Bari
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria edile
  Relatore: Carmelo Maria Torre
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 153

L’esigenza di un’adeguata risposta ai bisogni abitativi, crescenti e differenziati, delle fasce più deboli della popolazione è urgente e sta assumendo un carattere di vera e propria emergenza. Non si tratta solo di un problema di giustizia sociale, di ridurre il rischio di una loro esclusione dal contesto civile, ma anche di migliorare le condizioni per lo sviluppo armonico del Paese, aiutando la mobilità territoriale, costruendo processi concreti di integrazione, recuperando contenitori in via di abbandono ed elevando così la qualità stessa della vita all’interno dei quartieri del paese.
L’Italia fa parte di quei Paesi dove il divario tra i due comparti abitativi è decisamente più accentuato, sia in termini di qualità che di offerta, e che la porta ad essere, in questo ambito, il Paese con minor copertura sociale in Europa. Le dinamiche interne, peraltro, risultano fortemente differenziate a seconda della regione o dell’ambito territoriale. Nel panorama europeo l’Italia ha forme
d’intervento abitative non dissimili dalla Francia e dalla Gran Bretagna, pur se con modelli e tempi d’intervento diversi. Già dagli anni Ottanta la proprietà è andata crescendo, dapprima al 36%, sino a toccare il 72% nel 2000; allo stato attuale siamo a circa l’85-87% di abitazioni di proprietà in persona fisica.
Sarebbe un segnale di per sé positivo, visti anche gli aumenti di acquisti delle prime case, come registrato dal Censis ultimamente, se il declino del comparto in affitto non lasciasse scoperta una parte della domanda. In termini di offerta l’affitto è sceso oggi a circa il 20% sul totale nazionale e con canoni sempre più incidenti sui redditi. Si tratta principalmente di abitazioni di proprietà in persona fisica affittate a terzi.
Ne risulta una politica tesa a realizzare da sempre abitazioni di proprietà - i cui costi sono andati aumentando negli ultimi anni - e pochissime abitazioni in affitto e sociali. Non mancano interventi agevolativi, previsti ad esempio dalla legge 431 del dicembre 1998, che prevede contributi integrativi agli affittuari meno abbienti per il pagamento dei canoni di locazione dovuti ai proprietari di immobili, contributi ritenuti però ancora insufficienti.
Sembra mancare inoltre l’offerta per la domanda di diverse fasce d’utenza: da quella marginale, quali ad esempio anziani ed immigrati, a quelle fasce di reddito non necessariamente di emergenza o estreme, ma che non riescono ad avvicinarsi al mercato abitativo: famiglie monoreddito, famiglie con a carico uno o più anziani, famiglie monogenitoriali, studenti, ovvero tutta quella fascia “intermedia” non in grado di accedere al comparto in affitto perché di reddito eccedente a quello previsto dalla Regione o dal Comune, e non in grado di
accedere al comparto privato perché troppo oneroso. Ed è su questo tipo di utenza che le politiche abitative devono anche muoversi ed in realtà, nonostante l’Europa cerchi di dirigere l’orchestra da tempo, il primo vero concerto si sta tenendo ora, grazie al bando PRUACS che porta già nel nome tutti i principi dello sviluppo socio economico del concetto dell’abitazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1: Passaggio delle competenze sulla casa alle regioni 1 CAPITOLO 1 PASSAGGIO DELLE COMPETENZE SULLA CASA ALLE REGIONI Il quadro di riferimento per le politiche abitative è profondamente cambiato. Il ritiro dello Stato dal settore con il passaggio delle competenze alle Regioni è coinciso con un ampliamento inatteso dell’area dei bisogni abitativi e con una prolungata e forte crescita dei prezzi immobiliari. Come noto è anche definitivamente entrato in crisi il modello di intervento tradizionale basato sul PEEP e sull’esproprio. Di qui la difficoltà delle amministrazioni a far fronte a fabbisogni sociali in crescita non potendo più disporre di aree a basso costo né di finanziamenti adeguati. Alcune Regioni hanno tentato faticosamente di rispondere in modo nuovo a questi bisogni e, recentemente, anche lo Stato è rientrato nel settore, con la legge 9/2007 e la finanziaria 2008 fino ad arrivare agli incerti passi dell’ultimo Piano Casa. L’insieme di questi provvedimenti configura un quadro di non facile lettura, ancora privo di sperimentazioni significative e che le amministrazioni faticano ad utilizzare nelle sue potenzialità, mentre l’urgenza di far fronte a una vera emergenza sociale richiede una risposta qualitativa e quantitativamente valida. D’altro canto non mancano gli aspetti positivi: questo importante passaggio delle responsabilità alle Regioni coincide con una politica di decentramento più complessiva, costringendo ad una maggiore integrazione fra le attività.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

regione
gestione
fondi
diritto
affitto
valutazione
sociale
programmi
stato
proprietà
casa
edilizia
abitazione
urbana
canone
integrati
estimo
periferie
housing
complessi
pruacs
pirp
sovvenzionata
agevolata

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi