Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Regalare e consumare esperienze: il fenomeno Gift Experience

Questa tesi è nata dalla curiosità per dei nuovi prodotti che si sono presentati sul mercato italiano e che consentono di acquistare e vivere delle esperienze particolari. Questi prodotti fanno parte di una nuova tendenza: la Gift Experience che sta fornendo un modo innovativo di vivere le dimensioni: ‘Regalo’ e ‘Tempo libero’. Ho cercato quindi di approfondire questa attuale forma di consumo che da più spazio alle emozioni, alla propria identità, alla creatività, all’immaginazione, alla qualità del piacere nella scelta dei prodotti per vedere anche come si inserisce nelle società dei consumi odierna.L’idea di regalare esperienze si è presentata sul mercato sottoforma di eleganti cofanetti suddivisi in 4 grandi tematiche (soggiorni, gourmet, attività benessere e attività sportive).Per meglio capire come questi prodotti si stanno sviluppando e inserendo nelle pratiche di consumo sono partita con l’intervistare i creatori dei 4 grandi brand presenti in Italia. La nascita e affermazione dei cofanetti ben si inserisce nel mutamento degli stili di vita a cui stiamo assistendo, che non vengono più definiti solo dal consumo, ma anche dalle scelte delle attività di tempo libero. Questo si presenta oggi come un’area importante per il benessere individuale, sia perché svolge una funzione ricreativa sia perché consente di esprimere i propri desideri e soggettività. Il benessere inteso come stare bene diventa qualcosa che il soggetto può acquistare e di cui è responsabile. I cofanetti esperienziali sono un mezzo per creare un nuovo equilibrio tra le esigenze utilitaristiche della società e quelle disinteressate dell’individuo. Ho avuto modo di approfondire la mia ricerca da un punto di vista qualitativo anche attraverso il lavoro di promoter per l’azienda regalbox. Inserendomi nel processo di scelta e acquisto del prodotto ho avuto modo di osservare gli acquirenti nella situazione e trarre conclusioni interessanti. Ho individuato 4 tipi di acquirenti in base a 4 dimensioni latenti: la creatività o la prudenza nell’acquisto intersecate con l’esperienza o inesperienza del prodotto. Sulla base di questa osservazione, delle interviste che ho effettuato a persone che hanno acquistato o usufruito di un cofanetto e dello studio dei blog online un aspetto è emerso prevalentemente: attraverso i cofanetti esperienziali i consumatori cercano il miglioramento del benessere e della qualità del tempo libero per sé stessi ma soprattutto per parenti e amici. Il carattere relazionale sotteso al prodotto fa si che si sia presentato sul mercato soprattutto come regalo da fare a altri significativi. Una parte del mio lavoro è stata dedicata quindi alle caratteristiche che questi cofanetti assumono in quanto regali. Regalare e ricevere esperienze crea un sistema che segue e integra quello tradizionale dello scambio di doni. Oggi la tendenza è quella di liberarsi dai beni materiali e dalla loro tangibilità percepita come priva di significato. L’intangibilità e flessibilità dell’esperienza è percepita invece positivamente in quanto non occupa spazio e attraverso il consumo permette accumulo di memoria, di ricordi piacevoli. Una novità sta nell’accentuazione della creatività del donante durante la scelta del cofanetto che aiuta a incrementare l’originalità del regalo stesso. La novità assoluta però è che, a differenza dei beni materiali, le esperienze possono essere consumate in futuro e per questo richiedono una progettazione. Questo comporta un sacrificio del ricevente in termini di tempo per decidere. Inoltre questo tipo di regali prevede anche uno spostamento per raggiungere la struttura. Possiamo quindi sostenere che il cofanetto esperienziale è consumato nella dimensione spazio-temporale.
A conclusione di questo lavoro penso sia giusto dire che si sta assistendo nel mondo dei consumi a un cambiamento derivante senz’altro dal contesto socio-culturale in cui ci troviamo a vivere che rende più complesse le scelte da fare, che tendono a divenire più responsabili oltre che emotivamente coinvolgenti premiando quei settori che più rispondono ai desideri e al senso di misura ricercato dai consumatori. Il fenomeno della G.E. si afferma oggi in quanto introduce flessibilità e immaginazione in un mercato che sembrava ormai saturo di prodotti standardizzati. In particolare i cofanetti regalo permettono di aumentare significatività, qualità e autenticità del tempo libero e delle relazioni in una società definita individualistica e sempre di corsa.

Mostra/Nascondi contenuto.
11 CAPITOLO 1 IL FENOMENO GIFT EXPERIENCE La società in cui viviamo è in costante trasformazione e continuarla a chiamare società postmoderna è un po’ riduttivo. Siamo entrati in un’era nuova che certamente è influenzata e porta ancora segni di quello che è il postmodernismo, ma ha caratteri del tutto peculiari. È nata una nuova realtà che coincide con la civiltà del desiderio (Lipovetsky, 2011) che si è costruita nel corso della seconda metà del XX secolo. Questo cambiamento ha portato a un nuovo modo di relazionarsi con le cose, con se stessi, con il tempo e con gli altri. In questo lavoro quello che ci interessa è vedere come questo ha influito sui consumi, sui prodotti e sui consumatori. 1. 1. La genesi del consumo e della società postmoderna Secondo Brown “la scienza postmoderna si fonda sul rifiuto della visione del mondo meccanicistica, deterministica, statica e particolaristica a favore di un nuovo paradigma basato sui principi dell’incertezza, del caos, dell’evoluzione e dell’olismo [...] Il postmoderno significa individualismo contrapposto a universalità, pluralità verso consenso, dissenso verso conformismo, eterogeneità verso omogeneità, la differenza verso la somiglianza” (Brown, 1995). È nato un modo di consumare che da più spazio alle emozioni, alla propria identità, alla creatività e all’immaginazione. Gli oggetti che sono espressione di questa società guardano al realismo, al ludico, a raccontare storie. Quella che ci lasciamo alle spalle non è più una società della produzione ma è la società del consumo. Il consumo inteso come consumo di beni materiali, che si trasforma sempre più in consumo di servizi, di esperienze. Non ci sono più solo i bisogni, ma i desideri iniziano a farsi strada. Questa svolta ha significato innanzitutto una crescente autonomia dei consumatori

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Giorgia Zatta Contatta »

Composta da 123 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1749 click dal 05/04/2012.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.