Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sintesi ed attività anticonvulsivante di nuovi antagonisti del recettore AMPA: 1-ARIL-7,8-METILENDIOSSI-1,2,3,5-TETRAIDRO-4H-2,3-BENZODIAZEPIN-4-(TI)ONI

Le malattie neurodegenerative comprendono patologie croniche come il morbo di Parkinson, la malattia di Alzheimer, la corea di Huntigton e la sclerosi laterale amiotrofica, come anche disordini neurologici acuti quali l'ischemia cerebrale e l'epilessia. Anche se gli aspetti clinici e neuropatologici di queste malattie sono distinti, quello che le unisce è che ciascuna presenta un quadro caratteristico di neurodegenerazione in regioni anatomiche o funzionali connesse.
In questo contesto è noto che il glutammato, il principale neurotrasmettitore eccitatorio del SNC, è coinvolto oltre che in processi fisiologici quali le funzioni cognitive e la plasticità neuronale, anche in questo tipo di stati patologici di tipo neurodegenerativo. L'attività del glutammato si esplica mediante l'interazione con specifici recettori che sono classificati in recettori ionotropi (iGluR – recettori NMDA, AMPA e kainato) e recettori metabotropi (mGluR 1-8).
Attualmente i trattamenti farmacologici a disposizione per il trattamento delle malattie neurodegenerative acute e croniche sono sintomatici e non sono in grado di alterare il decorso o la progressione della malattia che sta alla base. Aree di ricerca promettenti per lo sviluppo di nuovi farmaci sono quelle riguardanti i meccanismi implicati in diverse di queste patologie: eccitotossicità, difetto del metabolismo energetico e stress ossidativo.
L'aumento delle conoscenze riguardo alla struttura e alle funzioni dei diversi sottotipi di recettori per il glutammato dovrebbe permettere lo sviluppo di nuovi composti selettivi. Pertanto, antagonisti competitivi e noncompetitivi dei recettori del
glutammato hanno un grande potenziale e potrebbero avere una notevole utilità terapeutica nel trattamento di tali patologie.
Attualmente la ricerca sembra essere focalizzata su antagonisti che agiscono selettivamente sui recettori AMPA e KA sia per la loro efficacia nel trattamento dell'epilessia e dell'ischemia cerebrale sia perché, a differenza degli antagonisti del recettore NMDA, sembrano essere relativamente ben tollerati e privi di effetti pscicostimolanti.
Le 2,3-benzodiazepine rappresentano una classe di antagonisti selettivi e noncompetitivi del recettore AMPA che agiscono legandosi ad un sito allosterico sul complesso recettoriale.
Il GYKI 52466 [1-(4-aminofenil)-4-metil-7,8-metilendiossi-5H-2,3-benzodiazepina] ed i suoi derivati 3,4-diidro-3-acetile (GYKI 53773) e 3,4-diidro-3-N-metilcarbamoile (GYKI 53655), prototipi di questa classe di modulatori allosterici, possiedono marcate proprietà anticonvulsivanti e neuroprotettive nell'ischemia focale e globale.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 1. SCOPO DELLA RICERCA Le malattie neurodegenerative comprendono patologie croniche come il morbo di Parkinson, la malattia di Alzheimer, la corea di Huntigton e la sclerosi laterale amiotrofica, come anche disordini neurologici acuti quali l’ischemia cerebrale e l’epilessia. Anche se gli aspetti clinici e neuropatologici di queste malattie sono distinti, quello che le unisce è che ciascuna presenta un quadro caratteristico di neurodegenerazione in regioni anatomiche o funzionali connesse. In questo contesto è noto che il glutammato, il principale neurotrasmettitore eccitatorio del SNC, è coinvolto oltre che in processi fisiologici quali le funzioni cognitive e la plasticità neuronale, anche in questo tipo di stati patologici di tipo neurodegenerativo 1,2 . L’attività del glutammato si esplica mediante l’interazione con specifici recettori che sono classificati in recettori ionotropi (iGluR – recettori NMDA, AMPA e kainato) e recettori metabotropi (mGluR 1-8). Attualmente i trattamenti farmacologici a disposizione per il trattamento delle malattie neurodegenerative acute e croniche sono sintomatici e non sono in grado di alterare il decorso o la progressione della malattia che sta alla base. Aree di ricerca promettenti per lo sviluppo di nuovi farmaci sono quelle riguardanti i meccanismi implicati in diverse di queste patologie: eccitotossicità, difetto del metabolismo energetico e stress ossidativo. L’aumento delle conoscenze riguardo alla struttura e alle funzioni dei diversi sottotipi di recettori per il glutammato dovrebbe permettere lo sviluppo di nuovi composti selettivi. Pertanto, antagonisti competitivi e noncompetitivi dei recettori del

Tesi di Laurea

Facoltà: Farmacia

Autore: Giuseppe Zuccala' Contatta »

Composta da 69 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1706 click dal 12/04/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.