Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I diversi attori del servizio di consulenza finanziaria

Nel lavoro vengono analizzate prima l'evoluzione della normativa del nostro paese per il servizio di consulenza finanziario, poi si analizzano brevemente la Mifid Review e la Retail Distribution Review per fornire un confronto. Si fa il punto sull'evoluzione del servizio di consulenza finanziario nel nostro paese e poi si passa ad analizzare i prestatori del suddetto servizio, ovvero i promotori finanziari, i consulenti finanziari indipendenti, le Sim di sola consulenza e le società di consulenza. Prima vengono analizzati singolarmente in un apposito capitolo e poi nell'ultimo vengono fatte delle considerazioni finali e conclusioni.

Mostra/Nascondi contenuto.
9 CAPITOLO 1 IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA 1.1 L’EVOLZIONE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA Nel nostro paese la normativa riguardante i servizi di investimento, tra cui è ricompresa la consulenza finanziaria, è stata soggetta a numerose modifiche negli anni spinte dall’evoluzione del mercato, dei sistemi di investimento, di pagamento e dalla normativa comunitaria. La prima legge italiana che ha disciplinato le attività di investimento era la legge n.1 del 2 gennaio 1991 “Disciplina dell’attività di intermediazione mobiliare e disposizioni sull’organizzazione dei mercati mobiliari”, la cosiddetta legge SIM perché ha istituito nel nostro ordinamento le Società di Intermediazione mobiliare. L’articolo 1, come in tutte le successive leggi, forniva una serie di definizioni ed in particolare al comma 1 definiva le attività di intermediazione mobiliare ed alla lettera e) includeva la “consulenza in materia di valori mobiliari”. Questo stava a significare che il servizio di consulenza finanziario era riconosciuto come un’attività principale, di conseguenza, per poterlo offrire ai consumatori era necessario che l’intermediario fosse autorizzato dall’autorità referente a determinate condizioni. Infatti, l’art. 16 L. 1/1991 prevedeva che il servizio fosse “esercitabile previa autorizzazione della Banca d’Italia da rilasciarsi secondo le modalità e alle condizioni da questa stabilite” ( art. 16 L. 1/1991). La prima direttiva comunitaria che ha regolato le attività e i servizi di investimento risale al 1993 ed è la DIRETTIVA 93/22/CEE DEL CONSIGLIO relativa ai servizi di investimento nel settore dei valori mobiliari. Con tale direttiva la comunità europea intendeva riorganizzare e uniformare nei diversi stati membri i servizi di investimento e le modalità di esecuzione. Per questo erano riportate alcune definizioni fondamentali come quella che si trovava nel comma 1 dell’articolo 1 che disciplinava «servizio di investimento» come qualsiasi servizio

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Economia

Autore: Lodovico Murari Contatta »

Composta da 125 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 890 click dal 19/04/2012.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.