Skip to content

Forme dell'incarnato nel cinema della postmodernità

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Palazzo
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze dello spettacolo multimediale
  Relatore: Rino Schembri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 123

Con il termine «incarnato» vogliamo riferirci al colore e al colorito, all’espressione che il corpo può assumere all’interno di un film, sia in presenza di un referente reale, sia in sua assenza. Va sin da subito chiarito che lo spunto per questo taglio di analisi del cinema post- moderno ci è venuto leggendo il saggio di Didi- Hubermann dal titolo La pittura incarnata, nel quale vengono analizzate le tipologie dell’incarnato riferite alle arti figurative. Su tale impronta metodologica dunque, imposteremo la nostra analisi inerente al cinema post- moderno. Talvolta, ci discosteremo dalle tesi hubermiane, ma vedremo come, spesso, l’incarnato del corpo è utilizzato al fine di veicolare significati e attivare simbologie. Sappiamo come il corpo possa essere considerato (o studiato) sotto diverse prospettive. Quest’ultimo può identificare una cultura, può esprimere uno stato d’animo, può simboleggiare qualcosa. Da sempre, infatti, il corpo è stato oggetto di discussione o di rappresentazione, non solo nel campo del cinema. Si pensi alla pittura, in cui è spesso al centro di molte raffigurazioni: la rappresentazione della pelle e dell’incarnato è stata sempre oggetto di studio, al fine di mostrare non un semplice disegno, ma vera e propria vita. Così anche il cinema. Nel nostro percorso di analisi ipotizzeremo varie forme dell’incarnato in relazione a una costante attenzione del cinema digitale al corpo e alla pelle. Oggi più che mai, con l’era digitale, abbiamo una continua tensione tra rappresentazione e riproduzione mimetica della realtà. Gli attori possono essere esclusivamente digitali e le scenografie dei grandi teli verdi, ma se in una prima fase tendevano a destare meraviglia nello spettatore, ora vengono usati per rafforzare l’effetto di realtà.
Difatti, la resa e il colorito di una rappresentazione cinematografica, possono confondere a tal punto lo spettatore da sembrare reali. In questo studio analizzeremo in quattro capitoli altrettante forme di incarnato, rintracciandole in film che vanno dagli anni ‘70 a oggi. Ciò che ci proponiamo di dimostrare è, quindi, che il cinema post-moderno, specialmente dopo l’avvento delle tecnologie digitali, ha talvolta optato per una tendenza realistica della rappresentazione, cercando di nascondere l’inganno illusionistico dovuto alle immagini di sintesi; altre volte ha inteso costruire mondi e corpi verosimili ma, nell’uno e nell’altro caso, tendenzialmente ha prestato molta attenzione alla pelle, al colorito, all’incarnato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione La ricerca foto-realistica dell’industria degli effetti speciali, la cui massima ambizione e obiettivo tecnicamente e tecnologicamente più avanzato, è sempre stato la perfetta riproduzione sintetica del volto e del complessivo corpo umano, al punto da renderli indistinguibili rispetto a quelli reali. 1 Con il termine «incarnato» vogliamo riferirci al colore e al colorito, all’espressione che il corpo può assumere all’interno di un film, sia in presenza di un referente reale, sia in sua assenza. Va sin da subito chiarito che lo spunto per questo taglio di analisi del cinema post- moderno ci è venuto leggendo il saggio di Didi- Hubermann dal titolo La pittura incarnata, nel quale vengono analizzate le tipologie dell’incarnato riferite alle arti figurative. 2 Su tale impronta metodologica dunque, imposteremo la nostra analisi inerente al cinema post- moderno. Talvolta, ci discosteremo dalle tesi hubermiane, ma vedremo come, spesso, l’incarnato del corpo è utilizzato al fine di veicolare significati e attivare simbologie. Sappiamo come il corpo possa essere considerato (o studiato) sotto diverse prospettive. Quest’ultimo può identificare una cultura, può esprimere uno stato d’animo, può simboleggiare qualcosa. Da sempre, infatti, il corpo è stato oggetto di discussione o di rappresentazione, non solo nel campo del cinema. Si pensi alla pittura, in cui è spesso al centro di molte raffigurazioni: la rappresentazione della pelle e dell’incarnato è stata sempre oggetto di studio, al fine di mostrare non un semplice disegno, ma vera e propria vita. Così anche il cinema. Nel nostro percorso di analisi ipotizzeremo varie forme dell’incarnato in relazione a una costante attenzione del cinema digitale al corpo e alla pelle. A tal proposito, il sociologo Roland Barthes, afferma: “Che corpo? Ne abbiamo parecchi. Ho un corpo digestivo, un corpo nauseabondo, un corpo col mal di testa, e così via: sensuale, muscolare, umorale e soprattutto emotivo: che è commosso, agitato, o appesantito, o esaltato, o spaventato, senza che vi appaia nulla”. 3 Oggi più che mai, con l’era digitale, abbiamo una continua tensione tra rappresentazione e riproduzione mimetica della realtà. Gli attori possono essere esclusivamente digitali e le scenografie dei grandi teli verdi, ma se in una prima fase 1 G. Latini, Forme digitali, Meltemi editore srl, Roma 2007. 2 G. Didi-Hubermann, La pittura incarnata. Saggio sull’immagine vivente, trad. it. S. Guindani Il Saggiatore Milano 2008 (1985). 3 G. Canova, L’alieno e il pipistrello. La crisi della forma nel cinema contemporaneo, Studi Bompiani, Milano 2009.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi