Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La tortura. Un'analisi filosofico politica.

Il dibattito sulla tortura è antico almeno quanto la storia del pensiero politico. Gli attacchi terroristici dell'11 settembre 2001 hanno ridato vita ad una riflessione vasta e profonda che ha un antecedente, per qualità della discussione, soltanto in epoca illuministica, allorquando la disputa si concluse con una condanna pressoché unanime ai tormenti e al sistema penale che ne giustificava l'esistenza.
Ogni storia della tortura implica l'influenza di quattro soggetti: l'autorità, il torturatore, il torturato e l'opinione pubblica.
L'autorità contemporanea ha alle sue dipendenze il torturatore, invero, soprattutto nell'antichità, è accaduto che le stesse autorità politiche, religiose o economiche esercitassero in prima persona anche il ruolo del carnefice.
Il torturatore da mero esecutore della volontà punitiva e indagativa dell'autorità raffinerà nei secoli la sua arte, da abile manipolatore del corpo delle persone diverrà, come lo è ora, un interrogante professionista dotato di un bagaglio tecnico che spazia dall'utilizzo di tecniche barbare ad altre raffinatissime miranti perlopiù a colpire la resistenza psichica del prigioniero.
La vittima, chi si oppone ideologicamente all'autorità, se agli albori degli usi della tortura era solitamente un nemico catturato sul campo di battaglia, è stato in seguito, principalmente, il reo di lesa maestà in epoca romana, l'eretico durante il medioevo, il rivoluzionario o l'avversario politico durante il novecento e il terrorista nel nuovo millennio. La vittima della tortura è oggetto, tra le mani del torturatore, della volontà dell'autorità di punire, terrorizzare, redimere, destrutturare, annichilire ma, soprattutto, ciò che l'autorità vuole è sapere ciò che il torturato conosce.
L'opinione pubblica, ossia l'opinione della maggioranza, prese una forma strutturata in Europa durante l'Illuminismo, ovvero nel momento in cui entrarono in crisi i regimi assoluti e si formarono i moderni Stati nazionali. L'opinione pubblica avrebbe assunto un ruolo sempre più decisivo nel condizionare sia i singoli individui che il potere costituito; essa ha esercitato una forza straordinaria durante il XVIII e il XIX secolo, epoca in cui la critica intellettuale si è indirizzata con precisione contro il sistema penale inquisitoriale allora vigente. La caduta di questa arte punitiva ha portato con sé la scomparsa dell'uso legale della tortura.
I rapporti tra i quattro soggetti nei confronti della tortura sono inevitabilmente condizionati dal diritto internazionale e nazionale che, come dimostra il caso della caduta del sistema penale inquisitoriale, è incline e soggetto oltre che alla volontà dell'autorità anche, indirettamente, alla volontà dell'opinione pubblica.
Nel primo capitolo, dedicato all'autorità, ci soffermeremo sulle principali tappe storiche che hanno contraddistinto le alterne fortune della tortura, mettendo a fuoco le motivazioni date dalle autorità per sostenerne o meno l'utilizzo. In particolare analizzeremo l'uso della tortura in epoca contemporanea, in quanto interesse precipuo di questa tesi è comprendere cosa sia la tortura oggigiorno, quali funzioni abbia, quali conseguenze sugli individui e sulla società, e quali siano le giustificazioni che i suoi apologeti presentano per sostenerla ed eventualmente legalizzarla. Inoltre, in questo capitolo illustreremo la situazione giurisprudenziale attuale in merito alla tortura e alle altre pene o trattamenti crudeli, inumani e degradanti.
Nel secondo capitolo, analizzeremo la figura professionale del torturatore, dalla evoluzione del mestiere alla forma mentis che lo caratterizza fino ai suoi strumenti di lavoro. Tra quest'ultimi, nei dettagli, studieremo le due tecniche più diffuse, la deprivazione sensoriale e il dolore autoinflitto.
Nel terzo capitolo, daremo spazio alla voce di alcuni torturati. Cercheremo inoltre di capire quali siano i migliori metodi terapeutici atti a fornire la possibilità ai torturati di superare il trauma.
Nel quarto capitolo analizzeremo le tesi più valide sostenute dai contrari e dai favorevoli alla tortura.
Nella conclusione esporremo la nostra posizione in merito ad una eventuale legalizzazione della tortura all'interno di una società democratica.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 Capitolo I Autorità I. I Storia della tortura I. I .I Le origini In questi primi paragrafi affronteremo in estrema sintesi le tappe più significative dell'andamento storico della tortura, per poi soffermarci più a lungo sull'epoca illuminista e contemporanea, questo per una serie di motivi; in primis, perché nostro interesse primario è comprendere nello specifico la tortura contemporanea, e in secondo luogo per diverse ragioni tecniche, tra cui la presenza di un maggior numero di fonti a disposizioni verificabili e di qualità sul tema soltanto dall'Illuminismo in poi. Come vedremo, l'epoca dei Lumi è stato il periodo storico in cui il discorso sulla tortura è stato, come mai prima d'allora, intenso, sistematico e completo. La storia della tortura racconta lungo i millenni l'attuarsi, nel modo più tangibile e diretto, di un'idea, quella di un dominio che non riconosce limiti se non nella propria sola volontà. Verri scrive a tal proposito: L'origine di una così feroce invenzione oltrepassa i confini della erudizione e verosimilmente potrà essere tanto antica la tortura quanto è antico il sentimento nell'uomo di signoreggiare dispoticamente un altro uomo, quanto è antico il caso che la potenza non sia sempre accompagnata dai lumi e dalla virtù, e quanto è antico l'istinto nell'uomo armato di forza prepotente di stendere le sue azioni a misura piuttosto della facoltà che della ragione. 1 Tanto è antico e radicato il ponderare, da parte dell'autorità, l'uso della distribuzione di sofferenza come strumento e manifestazione di potere che, nel Vecchio Testamento, così Dio parlò alla prima donna: Moltiplicherò la sofferenza delle tue gravidanze e tu partorirai figli con dolore. Eppure il tuo istinto ti spingerà verso il tuo uomo, ma egli ti dominerà! 2 E così al primo uomo: Tu hai dato ascolto alla tua donna e hai mangiato il frutto che ti avevo proibito. Ora, per colpa tua, la terra sarà 1 P. Verri, Osservazioni sulla tortura, a cura di S. Contarini, Bur, Milano 2006, p. 132. 2 Genesi 3, 16.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Ilario Damiano Caccia Contatta »

Composta da 239 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2270 click dal 19/04/2012.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.