Skip to content

Lo sviluppo del cluster della Bioedilizia

Informazioni tesi

  Autore: Eleonora Callino
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e gestione delle aziende
  Relatore: Giancarlo Coro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 137

Nell’ultimo decennio il tema dello sviluppo sostenibile ha conosciuto una maggiore diffusione, grazie anche al lavoro svolto dalle istituzioni che hanno introdotto norme e regolamenti che hanno contribuito a sviluppare una coscienza collettiva sul tematica, che è stata invece per lungo tempo proprietà di pochi.
Le ragioni di questo sviluppo, oltre ad essere legate ad una sensibilità nei confronti dell’ambiente e al rispetto del bene comune, sono anche di tipo economico: è richiesto un passaggio graduale, ma non più rimandabile, da un’economia tradizionale, basata sullo sfruttamento delle risorse naturali e che valuta il benessere in termini di crescita della produzione e dei consumi materiali, ad un nuovo modello economico che valorizza il patrimonio naturale e che sappia offrire adeguati servizi tesi a migliorare le condizioni di vita e ad aumentare le possibilità di scelta dei diversi soggetti.
Con particolare riguardo al settore delle costruzioni, una sua riqualificazione in chiave sostenibile permetterebbe, attraverso nuove costruzioni e interventi sul patrimonio edilizio esistente, una forte riduzione dell’impatto ambientale ed energetico che gli edifici comportano, in termini di erosione di suolo, sfruttamento di risorse ed emissioni inquinanti.
Ma non solo: la prolungata crisi economica mondiale ha intaccato pesantemente il settore edile, causando una forte riduzione degli investimenti e la perdita di numerosi posti di lavoro. Durante questi anni però il comparto dell’edilizia sostenibile ha dato forti segnali di stabilità ed anzi, ha visto aumentare il numero di imprese che hanno deciso di affrontare il cambiamento ed investire in questo nuovo settore.
Il quadro che emerge rivela però carenze e lacune che dimostrano come la strada verso lo sviluppo sostenibile sia ancora lunga e non priva di ostacoli; se oramai il mondo della progettazione e della pianificazione urbanistica, così come le imprese di nicchia più innovative, sviluppano progetti che ruotano tutt’attorno alle tematiche ambientali, il sistema produttivo, soprattutto quello italiano, sta affrontando a piccoli passi il cambiamento e non perché voluto, ma soprattutto perché risulta inevitabile.
Una nuova concezione e qualità dell’abitare stenta ancora a radicarsi nel nostro Paese, a differenza dei Paesi del Nord Europa, a causa di una carenza di investimenti da parte delle piccole e medie imprese in questo settore ritenuto innovativo e altresì per una scarsa attenzione da parte dei possibili acquirenti al momento dell’acquisto, in quanto le principali variabili considerate restano ancora il prezzo e la collocazione e, solo secondariamente, la tecnica costruttiva utilizzata per la realizzazione dell’edificio.
Per far sì allora che anche in Italia il settore dell’edilizia sostenibile non resti un mercato di nicchia, ma diventi nel tempo la prassi costruttiva adottata per la maggior parte degli edifici, residenziali o meno, sono necessari alcuni interventi, non solo a livello di comunicazione e diffusione dei benefici delle nuove tecniche costruttive presso la cittadinanza, ma soprattutto a livelli superiori, nei processi produttivi delle imprese e presso le istituzioni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
13 CAPITOLO 1 LO SVILUPPO SOSTENIBILE E LA NASCITA DELLA GREEN ECONOMY 1.1 Sviluppo tradizionale e sviluppo sostenibile Il concetto di sviluppo sostenibile è un argomento relativamente recente in quanto il dibattito riguardante la “questione ambientale” ebbe il suo inizio a cavallo tra gli Anni Sessanta e Settanta del secolo scorso, in seguito alla presa di coscienza relativa alla necessità di preservare il patrimonio naturale e dalla consapevolezza di dover ricercare nuovi modelli di sviluppo in grado di garantire il miglioramento delle condizioni economiche e sociali dell'intera popolazione mondiale. L'uomo ha da sempre modificato l'ambiente circostante e utilizzato le risorse che la natura gli offriva impiegandole per le proprie attività, che all'inizio erano semplicemente attività fondamentali per la sua stessa sopravvivenza, come la ricerca e la produzione di cibo, l'allevamento degli animali, la costruzione di manufatti, di indumenti, di abitazioni e di strumenti per gli scopi più svariati. Questo modello di sviluppo, basato principalmente sullo sfruttamento delle risorse naturali, è stato per secoli l'unico modello conosciuto e perseguito dalla società e funzionò a lungo per il fatto che le società avevano essenzialmente una struttura agricola o al massimo, in tempi più recenti, di tipo pre-industriale, con bassa densità di popolazione, produzioni artigianali e nelle quali la cultura prevalente era di riutilizzo e riciclo delle risorse materiali. Fu con l'avvento della Rivoluzione Industriale nel XVIII secolo in particolare, che lo sviluppo tradizionale subì una forte spinta, a causa dell'elevata richiesta di energia da impiegare nelle operazioni di estrazione delle materie prime e nella produzione dei primi beni industriali. L'energia veniva ricavata inizialmente dai combustibili fossili e successivamente ottenuta tramite l'impiego di elettricità, prodotti chimici e petrolio, ovvero tutte risorse naturali presenti in quantità non illimitata sul suolo terrestre.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi