Skip to content

''Slow Travels'' - La riscoperta della lentezza e dei luoghi nei testi di Bouvier, Heat-Moon e Rumiz

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Zanelli
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Parma
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Editoria, comunicazione multimediale e giornalismo
  Relatore: Luigi Marfè
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 179

L’obiettivo di questa tesi, articolata in cinque capitoli, è quello di mostrare come la dimensione del viaggio sia stata, e possa tutt’oggi continuare a essere, una forma imprescindibile di esperienza, uno strumento irrinunciabile per la conoscenza del mondo, dell’altro e del sé, anche all’interno di una realtà in cui, per diversi motivi, lo spostamento nello spazio si è ormai ridotto a essere un mero transito tra un punto di partenza iniziale e una destinazione da raggiungere nel più breve tempo possibile.
A tal proposito, la prospettiva adottata è quella di un’analisi critica incentrata sul ‘travel writing’ contemporaneo, un genere letterario che si pone «da qualche parte tra il documento e la narrativa», attraverso il quale un certo numero di scrittori della seconda metà del Novecento ha provato a ‘ridare voce’ ai luoghi, spostando il tradizionale approccio documentario sul piano della re-invenzione narrativa. In particolar modo, sono state prese in considerazione le vicende bio/bibliografiche di tre diversi autori, appartenenti a realtà spaziali, temporali e linguistiche differenti, in grado di fornire un esempio soddisfacente circa i diversi approcci possibili alla dimensione del viaggio e del suo racconto, nonché di aprire uno spiraglio sulle potenzialità future di questa tipologia di esperienza e di scrittura.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE «Viaggiatore, non esiste un sentiero, la strada la fai tu andando» (ANTONIO MACHADO, Caminante) C’è una scena in Easy Rider (1969), il film di Denis Hopper divenuto manifesto della voglia di libertà espressa da un’intera generazione, che resta a suo modo indelebile e può essere pertanto assunta quale simbolo di una ben determinata idea del viaggio: si tratta del momento in cui Wyatt (il protagonista della vicenda interpretato da Peter Fonda), poco prima di partire, lascia cadere il suo orologio sulla sabbia. Spogliandosi del tempo che scorre inesorabile, identificato dunque come la prima delle costrizioni da cui dover liberare la propria esistenza, egli entra all’interno di una dimensione vissuta secondo nuove regole: quella del viaggiatore, del nomade, del ribelle, di colui che veramente decide di compiere quel gesto «folle e sconsiderato» rappresentato dalla partenza. Certo, fin dall’inizio di questo viaggio esiste una meta da raggiungere, ma l’impressione è che essa non abbia in realtà alcuna importanza, che sia solo un pretesto per poter intraprendere quella «particolarissima poetica che è il canto della strada», un’avventura che non smette di affascinare «anche ora che si preferisce viaggiare anestetizzati dal ronzio dell’aereo, anche ora che lo spostamento sembra solo un intralcio tra una meta e un’altra» 1 . Il fascino di questa pellicola sta, in fondo, proprio qui: nel tempo rappresentato «non più come una retta, ma come gli infiniti punti che costituiscono una retta»; nel fatto che ciò che importa davvero è solamente «quell’aprirsi dell’andatura del mezzo di trasporto alle occasioni che si presentano»; nel proposito di non retrocedere di fronte alle infinite possibilità del reale e alla straordinarietà degli incontri, emblemi del desiderio di far parte della strada, quasi di «confondersi con essa», invece di farsi trascinare dalla voglia prorompente e tipicamente post-moderna di cancellare il percorso sotto i colpi della velocità. 1 G. DE PASCALE, Slow travel. Alla ricerca del lusso di perdere tempo, Milano, Ponte Alle Grazie 2008, pp. 26-27.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

luoghi
letteratura di viaggio
lentezza
travel writing
rumiz
slow travel
bouvier
heat-moon

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi