Skip to content

Divario digitale e nuovi media: barriere d'accesso all'informazione in Italia

Informazioni tesi

  Autore: Silvia Gregorio
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Pavia
  Facoltà: Interfacoltà - Comunicazione Interculturale e Multimediale
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Muzzio Fabio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 135

L’informazione è la moneta del mondo contemporaneo.
L'accesso all'informazione tramite i media, o meglio il non accesso, costituisce uno dei problemi più discussi nel mondo informatico, ma si tratta di una tematica di pari interesse per la sfera sociale.
Questo lavoro si propone di definire e analizzare il fenomeno del Digital divide; vuole comprenderne le cause, le dinamiche di diffusione, e azzardare ipotesi sulle conseguenze e gli scenari futuri.
La tesi sostenuta riguarda la circolarità del fenomeno, che non si attenua con la diffusione della tecnologia, ma si rigenera con nuove grammatiche.
Il lavoro comprende anche un’analisi della situazione italiana, una valutazione dello scenario attuale paragonato ai traguardi e ai dati europei grazie alla comparazione di indagini fornite dai maggiori enti di ricerca.
In ultimo è studiato il rapporto tra divario digitale e media di ultima generazione; sono considerate applicazioni collaborative del web 2.0 attraverso uno studio di vari siti e portali con un occhio di riguardo per gli aggregatori di notizie.
In concreto dunque ciò che mi sono proposta di fornire è un quadro generico ma dettagliato dell’evoluzione italiana del divario digitale e di identificare i problemi concreti e le implicazioni per il nostro sistema economico sociale e culturale.
Propongo in proposito alcune delle soluzioni studiate ma mai applicate oltre a un mix di suggerimenti e linee guida che ho elaborato durante lo studio del fenomeno.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
- 1 - INTRODUZIONE “L’informazione non è un connotato facoltativo, ma una delle condizioni essenziali per l’esistenza dell’umanità. La lotta per la sopravvivenza, biologica e sociale, è una lotta per l’informazione” Jurij M. Lotman 1 Il perno attorno cui ruota il nostro intero mondo è l‟informazione. Sono cambiati i canali di accesso e si sono evolute le modalità di fruizione, è aumentata esponenzialmente la quantità di dati alla nostra portata, ma informarsi è sempre stata e sempre sarà un‟esigenza basilare dell‟uomo. Siamo oggetto ogni giorno di un infinito numero di notizie, molte delle quali archiviamo come inutili e presto dimentichiamo, molte che tentiamo di memorizzare. Riceviamo una serie di impulsi di ogni genere che indipendentemente dalla loro forma (visiva, scritta, sensoriale) sollecitano i nostri sensi e la nostra mente fornendoci, che lo vogliamo o no, un‟informazione. Informazione: una parola tanto semplice quanto complessa, che nella storia ha ispirato una serie di studi in merito e diversi tentativi di definire un concetto così ampio e volatile. Ecco alcune delle definizioni che si sono succedute fino ad oggi: Georges Ifrah 2 nel 1469, nell‟ "Enciclopedia universale dei numeri", così si esprime dando una prima definizione elaborata del concetto: 1 Yurij Michajlovič LOTMAN (San Pietroburgo 1922 – Tartu 1993) è stato linguista e semiologo russo. È ricordato come il fondatore della culturologia nonostante abbia toccato varie discipline tra cui la teoria della cultura, la storia, la semiotica, le arti, la letteratura e la robotica. Tra le più influenti opere semiotiche si ricordano Semiotica del cinema, Analisi del testo poetico e La struttura del testo artistico. È inoltre fondatore del termine Semiosfera.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

comunicazione
e-commerce
informazione
barriere
digital divide
banda larga
divario digitale
web 2.0
aggregatori
web collaborativo
portali informazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi