Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il "Copernico" di Giacomo Leopardi, ovvero la messa in scena del negativo

Una lettura fenomenologica teatrale del "Copernico" di Giacomo Leopardi.
Il "Copernico" viene presentato come se fosse una vera e propria rappresentazione teatrale, comprendente tutti i segni distintivi di un’opera che dovesse essere portata sulla scena: abbiamo la divisione in scene, quattro, l’indicazione dei personaggi presenti in essi, ancora quattro, e addirittura una didascalia che descrive le azioni di Copernico all’inizio della seconda scena. Sin dalla semplice constatazione del numero dei personaggi è possibile notare come in questa operetta è presente una situazione drammaturgica più complessa rispetto al puro dialogo a due voci degli altri testi: difatti, nonostante in ogni scena compaiano contemporaneamente al massimo due personaggi, la presenza di più “attori” sulla scena permette a Leopardi di creare una rete di rapporti tra i personaggi fitta e stratificata. Non soltanto ogni personaggio del Copernico possiede una propria caratterizzazione psicologica e linguistica ma, nell’interagire col proprio interlocutore, si fa portatore di alcuni valori o modi di interpretazione del reale, senza per questo divenire una mera allegoria.
Il titolo della raccolta in cui il "Copernico" è compreso, "Operette morali", suggerisce che questi componimenti hanno una forte finalità etica; perciò, considerando la struttura teatrale dell’operetta, si può rimanere sorpresi da questa "abdicazione" dell’autore dal proprio testo, ritenendo una contraddizione in termini impegno dell’opera e distacco oggettivo.

Mostra/Nascondi contenuto.
Genesi del Copernico Il primo annuncio delle Operette morali si può scorgere nei Disegni letterari del 1819-20: Dialoghi Satirici alla maniera di Luciano, ma tolti i personaggi e il ridicolo dai costumi presenti o moderni […]; insomma piccole commedie, o Scene di Commedie […]: le quali potrebbero servirmi per provare di dare all’Italia un saggio del suo vero linguaggio comico che tuttavia bisogna assolutamente creare, e in qualche modo anche nella Satira ch’è, secondoch’io sento dire, nello stesso caso. Potrebbero anche adoperarsi delle invenzioni ridicole simili a quelle che adopera Luciano ne’ suoi opuscoli per deridere questo o quello […]. 1 Poco più avanti ci si imbatte in una lista di possibili titoli e tra questi compare il primo riferimento all’operetta avente come protagonista lo scienziato polacco: “Il sole e l’ora prima, o, Copernico”. Nel 1827, anno in cui a Milano esce una prima edizione delle Operette morali a cura dell’editore Stella, Leopardi scrive due operette che non avranno facili rapporti con la censura: queste sono il Dialogo di Plotino e Porfirio e Il Copernico. A causa delle tematiche in esse espresse (la possibilità del suicidio e una poco velata requisitoria contro il cristianesimo nella prima, il rovesciamento del sistema tolemaico operato dalla rivoluzione copernicana e le conseguenti ripercussioni metafisiche nella seconda) vedranno la luce soltanto in un’edizione postuma delle Opere di Giacomo Leopardi a cura di Ranieri, dopo essere state escluse dall’edizione Piatti del 1834. Lo stesso Leopardi aveva avvertito la pericolosità delle due opere: Ho bensì due dialoghi da essere aggiunti alle Operette, l’uno di Plotino e Porfirio sopra il suicidio, l’altro il Copernico sopra la nullità del genere umano. Di queste due prose voi siete il padrone di disporre a vostro piacere […]. Esse non potrebbero facilmente pubblicarsi in Italia. (Lettera a Luigi de Sinner, Firenze 21 giugno 1832) L’interesse di Leopardi per la figura di Copernico è di antica data e va fatto risalire 1 Per tutte le citazioni tratte dalle opere di Giacomo Leopardi, ad eccezione dello Zibaldone, si fa riferimento a Tutte le opere, a cura di Walter Binni con la collaborazione di Enrico Ghidetti, vol. I, Firenze, Sansoni, 1989. 3

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere

Autore: Alessio Cappuccio Contatta »

Composta da 40 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6565 click dal 24/04/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.