Skip to content

Intelligenza visuo-spaziale: quali implicazioni didattiche? Uno studio su un campione sardo

Informazioni tesi

  Autore: Ylenia Moi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Pedagogia
  Relatore: Maria Pietronilla Penna
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 95

Il Disturbo dell'apprendimento non verbale, non ancora inserito all'interno delle categorie diagnostiche del DSM-IV o dell’ICD-10 è direttamente collegato ad un malfunzionamento della memoria di lavoro visuo-spaziale; il test di Corsi e il Visual Pattern Test (VMI) sono due dei test maggiormente utilizzati per la valutazione delle competenze visuo-spaziali. Le discipline scolastiche che coinvolgono il corretto utilizzo delle abilità visuo-spaziali sono: il disegno, la geometria, l'aritmetica, le scienze, la geografia, la comprensione del testo e l'informatica. Risulta, quindi, evidente l’importanza per gli insegnanti di conoscere le abilità cognitive visuo-spaziali dei propri alunni al fine di adeguare la propria metodologia didattica alle particolari esigenze dei singoli studenti. In letteratura esistono diversi programmi per il potenziamento delle competenze visuo-spaziali di cui le scuole potrebbero servirsi, tra questi: Abilità visuospaziali di Cornoldi, Memoria visiva di Andrich e Miato e Recupero in... Abilità visuo-spaziali di Fastame e Antonini. L’ultima parte della tesi ê dedicata alla presentazione dei risultati della ricerca sull’efficienza delle abilità visuo-spaziali dei bambini frequentanti il secondo ciclo della scuola primaria presso alcuni plessi scolastici del Medio Campidano e del Sulcis-Iglesiente.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Le abilità visuo-spaziali (come discusso nel terzo capitolo) permettono la realizzazione di diversi compiti cognitivi: scansionare una configurazione visiva in modo rapido ed efficiente al fine di raggiungere un determinato obiettivo; orientarsi nello spazio; ricostruire visivamente un’immagine; generare immagini; manipolare immagini mentali visuo-spaziali al fine di valutarle o trasformarle; ricordare sequenze di posizioni diverse o presentate simultaneamente e trattenere l’informazione spaziale per un lungo periodo di tempo (Cornoldi; 1997). Negli ultimi anni molti ricercatori cognitivisti hanno orientato le loro indagini sul modo in cui le abilità visuo-spaziali sono direttamente coinvolte negli apprendimenti scolastici. Tradizionalmente la scuola ha dato maggior peso alle abilità verbali rispetto a quelle non verbali, considerando l’apprendimento scolastico soddisfacente una volta acquisiti gli apprendimenti di base del leggere, scrivere e far di conto. Questa concezione, come esposto nel primo capitolo, deriva direttamente dalle teorie unitarie dell’intelligenza (Spearman; Raven) che la descrivono come una singola capacità mentale generalizzata, pervasiva di ogni prestazione intellettiva. Lo sviluppo successivo ha visto gli studiosi cognitivisti dividersi tra sostenitori di una teoria multipla dell’intelligenza (Thurstone, Gardner, Sternberg) e sostenitori di una teoria gerarchica (Horn- Cattell; Carroll) la quale riconosce l’esistenza di diverse forme intellettive collocandole però su differenti livelli gerarchici. Le diverse teorizzazioni sull’intelligenza sono state accompagnate da un acceso

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

intelligenza
difficoltà di apprendimento
intelligenza visuo-spaziale
ritardo mentale
memoria di lavoro
galton
cornoldi
raven
sindrome non verbale
potenziamento cognitivo
abilità visuo-spaziali
danv
rourke
baddeley
thurstone
primary mental abilities
matrici progressive
taccuino visuo-spaziale
genialità

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi