Skip to content

Vasco Pratolini e il cinema. Quattro casi di adattamento

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Medina
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Pavia
  Facoltà: Lettere
  Corso: Filologia moderna
  Relatore: Federica Villa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 180

Nel corso del nostro lavoro, abbiamo tentato di esaminare, oltre all'intensa e feconda collaborazione di Vasco Pratolini con il cinema, il suo modo di lavorare e di procedere all'interno di un testo cinematografico. Per giungere a qualche possibile riflessione conclusiva è necessario suddividere i film in due categorie: i film tratti da opere letterarie di altri scrittori (La viaccia, La colonna infame); e quelli tratti dai romanzi di Pratolini stesso (Cronaca familiare, Cronache di poveri amanti).
Per quanto riguarda le trasposizioni delle opere di Pratesi e Manzoni, così vistosamente divergenti a tutti i livelli, anche per il genere (il romanzo di Pratesi e l'analisi storico-civile tormentata e sottile della Colonna infame), abbiamo notato come Pratolini lavorò alle due sceneggiature con modalità del tutto diverse, e ciò non sorprende. La viaccia, film del 1961 diretto da Mauro Bolognini, risulta parecchio lontano dal romanzo L'eredità (1889) da cui è tratto: Pratolini, insieme agli altri sceneggiatori Pasquale Festa Campanile e Massimo Franciosa, ridusse l'intreccio del romanzo alla sola storia d'amore tra i due protagonisti (Amerigo e Bianca), modificò il tempo storico della vicenda (trasportandolo dai primi anni dell'Ottocento alla fine del secolo, in un contesto unitario e post-risorgimentale) e il luogo dell'ambientazione (da Siena a Firenze, allora capitale d'Italia). Nel corso della tesi si è rilevato come Pratolini accusò Valerio Zurlini, il regista delle Ragazze di San Frediano (uscito nel 1954), di aver eseguito una trasposizione molto infedele del suo romanzo, alterandone la trama e i personaggi. Possiamo però verificare che nella Viaccia Pratolini si comportò in modo analogo, rimanendo fedele all'Eredità quasi esclusivamente nel riportare un punto pur centrale del testo: l'aspra opposizione tra gli abitanti della campagna e quelli della città, ma modificandone le coordinate generali (temporali, ambientali) e riducendone fortemente lo stesso intreccio.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
PREMESSA Questo lavoro si propone di analizzare l'intensa relazione di Vasco Pratolini con il mondo del cinema, relazione avviata nel 1946 con la collaborazione al soggetto di Paisà di Rossellini. Pratolini, nel corso della sua lunga e produttiva carriera, firmò molte sceneggiature e soggetti e collaborò spesso con altri sceneggiatori e registi che portarono sullo schermo i suoi romanzi. Non nascose mai la passione per il cinema: lo dimostrano non solo le numerose citazioni cinematografiche presenti nelle sue opere narrative, ma anche la feconda attività di critico, negli anni Cinquanta, e la collaborazione a riviste come «Cinema Nuovo», «ABC» e «Bianco e Nero» (dove pubblicò l'articolo Per un saggio sui rapporti fra letteratura e cinema 1 ), e infine l'impegno che profuse in tutti i film a cui prestò il suo lavoro, impegno riconosciuto anche dai colleghi e compagni di strada. Non a caso Pasquale Festa Campanile e Suso Cecchi d'Amico sottolinearono la sua capacità di portare anche all'interno di un film la sua grandezza di scrittore. Perché Pratolini rimase, per tutta la vita, prima di tutto un grande narratore: un narratore capace di rievocare, nelle prime opere (Il tappeto verde, Via de' Magazzini), gli anni dell'infanzia e dell'adolescenza, segnati dalla drammatica scomparsa della madre Nella, per poi allargare la sua visione con sguardo “corale” sulla sua città, Firenze, protagonista di numerosi romanzi (come Il Quartiere e Cronache di poveri amanti) e sull'intera società italiana, come dimostra la trilogia Una Storia italiana. Nonostante la resistenza mostrata in certe circostanze a cedere i diritti dei suoi romanzi al cinema (basti pensare a quanti anni occorsero a Valerio Zurlini per convincerlo a realizzare il film tratto da Cronaca familiare, uscito solo nel 1962, ben quindici anni dopo il romanzo!), e la delusione provata per aver visto stravolte dal cinema le sue opere (come Le ragazze di San Frediano dello stesso Zurlini), Pratolini non nascose mai l'entusiasmo nel vedere riprodotti sullo schermo con successo alcuni suoi testi, come Metello, Cronaca familiare e Cronache di poveri amanti. Nel corso della tesi abbiamo analizzato quattro adattamenti molto dissimili ai quali 1 «Bianco e Nero», n. 4, luglio 1948. 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

alessandro manzoni
carlo lizzani
valerio zurlini
mauro bolognini
vasco pratolini
antonio medina
cronaca familiare
cronache di poveri amanti
mario pratesi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi