Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La filiera dell'olio vegetale puro a fini energetici: incentivi, redditività e impatto sull'agricoltura

Gli obiettivi delle dell’Unione Europea sono dichiaratamente a favore dello sviluppo delle energie rinnovabili e l’Europa ha scelto le biomasse di origine agricola quale mezzo per centrare gli obiettivi posti in ambito ambientale, per uno sviluppo sostenibile.
L’Italia si trova in questo contesto e solo da alcuni anni si sta osservando la nascita di una filiera del tutto nuova per l’agricoltura italiana: la filiera dell’olio vegetale puro (OVP) a fini energetici.
Si tratta di una nuova filiera agro energetica anche nel nostro paese con forti potenzialità di sviluppo. Con il presente lavoro analizzeremo gli aspetti tecnici della produzione di olio vegetale per fini energetici per poi descrivere l’ambito legislativo incentivante lo sviluppo della filiera. Nella parte sperimentale sarà analizzata la redditività dei progetti di OVP utilizzati a fini energetici e saranno eseguite analisi e confronti che permetteranno di mettere in luce gli aspetti positivi e negativi della filiera. Infine, saranno fornite delle riflessioni sulla filiera stessa mettendola a confronto con il biogas e valutando il potenziale italiano in termini di disponibilità di terreno e del potenziale produttivo energetico italiano.

Mostra/Nascondi contenuto.
8 CAPITOLO 1 LA TECNOLOGIA DELL’OLIO VEGETALE PURO PER LA PRODUZIONE D’ENERGIA In questo capitolo andremo ad analizzare gli aspetti pratici per la produzione dell’olio vegetale puro partendo dalla sua definizione giuridica e definendo la terminologia utilizzata nel settore. Cercheremo di esaminare il tipo di processo e le destinazioni energetiche che l’olio vegetale può avere e quelle dei suoi sottoprodotti; analizzeremo quali colture agrarie sono utilizzabili per questi scopi. Inoltre vedremo quali sono gli aspetti fondamentali per determinare la qualità dell’olio vegetale e la normativa esistente in materia. Prenderemo in esame anche le singole tipologie d’olio vegetale cercando di definirne pregi e difetti per le diverse destinazioni che possono avere in ambito energetico. L’insieme di queste informazioni risulterà determinante per sviluppare i temi successivi in quanto sono le basi per comprendere quali siano le caratteristiche della filiera. 1.1 –OLIO VEGETALE PURO: DEFINIZIONE E COLTURE DA CUI DERIVA 1.1.1 – Definizione e caratteristiche L’olio vegetale puro (in avanti chiamato anche con la sigla OVP) dalla Direttiva 2003/30/CE è definito come: olio prodotto da piante oleaginose mediante pressione, estrazione o processi analoghi, greggio o raffinato ma chimicamente non modificato, qualora compatibile con il tipo di motore usato e con i corrispondenti requisiti in materia di emissioni. E’ un prodotto di origine vegetale ricco di sostanze lipidiche ad alto contenuto energetico che può essere sfruttato per generare energia tramite un trattamento termico di combustione, a sua volta l’energia liberata viene sfruttata per generare energia meccanica (in macchinari agricoli o automobili con motore adattato all’utilizzo dell’olio vegetale puro) oppure, più frequentemente, per generare energia elettrica e/o calore da vendere poi sul mercato; infine può essere sfruttato per produrre biodiesel tramite un processo di tipo industriale chiamato trans esterificazione (fig.2). La figura 1 schematizza tutti processi di conversione che riguardano le biomasse e mette in evidenzia la conversione fisico-chimica, che riguarda specificatamente questo lavoro. E’ bene fornire una panoramica dei termini che nel settore sono spesso utilizzati, ma che possono essere confusi facilmente: - «biomassa»: la frazione biodegradabile dei prodotti, rifiuti e residui di origine biologica provenienti dall’agricoltura (comprendente sostanze vegetali e animali), dalla silvicoltura e dalle industrie connesse, comprese la pesca e l’acquacoltura, nonché la parte biodegradabile dei rifiuti industriali e urbani (Direttiva 2009/28/CE). - «bioliquidi»: combustibili liquidi per scopi energetici diversi dal trasporto, compresi l’elettricità, il riscaldamento ed il raffreddamento, prodotti a partire dalla biomassa (Direttiva 2003/30/CE).

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Agraria

Autore: Daniele Montesi Contatta »

Composta da 106 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1501 click dal 09/05/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.