Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Geografia politica e geopolitica: proposte di lettura di un contesto storico culturale

Un excursus storico sul pensiero geopolitico. Vengono analizzate le varie scuole geopolitiche: tedesca, francese e angloamericana. La parte finale è dedicata alla situazione geopolitica oggi e alla geopolitica critica con i suoi lati oscuri.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione L’argomento per questo lavoro è stato scelto dopo alcune letture sulla figura di Friedrich Ratzel, con l’idea di rivisitare le sue idee, la trasmissione delle quali è divenuta con il passare del tempo poco chiara, confusa. Inizialmente deciso a seguire il filone etnologico di Ratzel – con la sua Anthropogeographie, opera che gli costerà fra l’altro l’etichetta di determinista – mi accorgo della mancanza, ancora oggi, a centoquindici anni dalla sua pubblicazione, di una traduzione italiana della Politische Geographie, con le immaginabili conseguenze che una tale omissione può aver avuto sulle conoscenze italiane in merito al geografo di Karlsruhe; È stato proprio questa sorta di “buco nero” nella bibliografia geografica italiana che mi ha spinto a scegliere la strada più tortuosa – ma a mio avviso la più ricca di soddisfazioni – per questo mio lavoro. Prenderemo quindi l’ultimo ventennio dell’XIX secolo, coincidente grosso modo al periodo di maggior produttività scientifica di Ratzel, come inizio di questo nostro excursus storico del pensiero geopolitico. Il secondo capitolo sarà dedicato al padre del termine geopolitica, lo svedese (ma appartenente alla scuola tedesca) Rudolf Kjellén. Il trittico della geopolitica tedesca si chiuderà nel terzo capitolo, con colui che durante il secondo conflitto mondiale era visto dagli Alleati come il geopolitico del nazismo, Karl Haushofer. Con capitolo quarto, dedicato all’americano Alfred Thayer Mahan, prenderemo in considerazione la scuola geopolitica anglosassone, oltre alla teoria del potere marittimo, quest’ultima contrapposta all’Heartland di Halford Mackinder affrontata nel capitolo quinto. Il Rimland di Nicholas J. Spykman verrà affrontato nel capitolo sei, e con esso si chiuderà anche la trilogia anglo-americana.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Alfonso Caracappa Contatta »

Composta da 127 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1925 click dal 30/04/2012.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.