Skip to content

Costruzione di portafoglio basata sullo studio dei momenti di ordine superiore al secondo e sull'utilizzo di multivariate generalized hyperbolic distributions per la simulazione dei rendimenti: un'analisi empirica

Informazioni tesi

  Autore: Lorenzo Ragona
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Economia
  Corso: Finanza
  Relatore: Ugo Pomante
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 202

Lo spunto da cui nasce la mia idea deriva dal fatto che la costruzione di molti dei modelli a supporto dell’attività di asset allocation risulta spesso fondata sull’ipotesi di distribuzione gaussiana dei rendimenti. Questa condizione, tuttavia, è stata ormai ampiamente rigettata dalla letteratura finanziaria grazie a numerosi contributi, in quanto l’evidenza empirica ha dimostrato che le serie storiche finanziarie sono molto spesso caratterizzate da fenomeni di asimmetria non nulla e leptocurtosi. Rappresentare un indice finanziario tramite una distribuzione Normale, quindi, può condurre ad imprecisioni nella quantificazione del rischio sottostante, poiché si sottovaluterebbe la frequenza probabilistica delle realizzazioni estreme del campione.
Lo scopo di questo lavoro è proporre un metodo di costruzione di portafoglio basato sul superamento della condizione di normalità dei rendimenti. Il framework di riferimento è costituito dal modello del Resampling (ricampionamento), un procedimento che presenta importanti caratteristiche di robustezza. La necessità di integrare il metodo del Resampling con la condizione di non normalità dei rendimenti mi ha spinto a proporre soluzioni personali sia in sede di simulazione degli scenari di rendimento, che in sede di ottimizzazione quadridimensionale rispetto ai valori di mean-variance-skewness-kurtosis di portafoglio.
Per quanto riguarda la prima fase di simulazione degli scenari, il problema di trovare modelli probabilistici in grado di considerare gli higher moments della distribuzione è stato affrontato ricorrendo alle distribuzioni della classe iperbolica (multivariate generalized hyperbolic distributions). In particolare, tramite il calcolo della log-likelihood associata ad ogni modello, è stato dimostrato che l’adattamento migliore al campione fosse offerto dal modello specifico di multivariate normal inverse gaussian (MNIG). Per la stima dei parametri ho seguito un procedimento noto con il nome di algoritmo EM (expectation-maximization), che permette di calcolare la soluzione tramite un metodo iterativo di massima verosimiglianza.
Con riguardo alla fase di ottimizzazione, quindi, è stato necessario produrre un set di portafogli efficienti all’interno di ogni scenario simulato. Il problema richiedeva l’utilizzo di una funzione di ottimizzazione con obiettivi multipli simultanei. In questo caso mi è sembrato adeguato il ricorso al metodo del Polynomial Goal Programming (PGP). La complicazione deriva dal fatto che il PGP offre una soluzione unica al problema di ottimizzazione, mentre nella mia analisi era richiesta la produzione di un set di portafogli efficienti, associati a livelli di rendimento crescenti. Per far fronte a questo problema ho agito fissando obiettivi di rendimento crescenti all’interno di un intervallo uniforme, e lanciando una ottimizzazione PGP per ognuno di questi obiettivi. Dato che il livello di rendimento è fissato, in questo caso l’ottimizzazione lavora rispetto alle tre variabili di portafoglio residue: variance, skewness e kurtosis.
La derivazione della frontiera ricampionata, in analogia con il modello Resampling, è risultata tramite il calcolo della composizione media di tutti i portafogli relativi allo stesso rank. Data l’impossibilità di rappresentare figure quadridimensionali, la frontiera ricampionata è disegnata su un piano tridimensionale, quindi sono state considerate tre variabili per volta.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 Introduzione “Le previsioni sono estremamente difficili, specialmente sul futuro”. Questa citazione dal senso ironico di Niels Bohr, celebre fisico danese le cui teorie risalgono alla prima metà del Novecento, racchiude un concetto ancora molto attuale. L’evoluzione della ricerca e dei sistemi di elaborazione, complice lo sviluppo di nuove piattaforme informatiche, ha reso possibile un progressivo affinamento delle tecniche previsionali e computazionali fino a livelli molto avanzati. Tuttavia, quando si parla di previsioni, ancora oggi l’incertezza assume un ruolo predominante ed imprescindibile. Ambire a prevedere esattamente il futuro è un lavoro da veggenti, piuttosto che da studiosi. Di conseguenza, in campo finanziario, molti dei modelli esistenti prevedono delle ipotesi semplificatrici che contrastano con le reali condizioni dei mercati. Procedere in questo modo è necessario per assicurarne la trattabilità analitica, ma allo stesso tempo comporta inevitabili imprecisioni a livello di risultati. Per cui l’obiettivo ultimo si è spostato dalla ricerca della soluzione giusta, alla ricerca della soluzione meno erronea. Si tratta di un compromesso che qualunque modello previsionale deve accettare, per poter funzionare. È mio interesse specificare che con questo discorso non si vuole affermare che non esistano tecniche in grado di garantire risultati comunque validi, altrimenti tutto il lavoro personale sviluppato in questa sede non avrebbe senso. Tornando al concetto di imprevedibilità dei mercati finanziari, essa è stata ampiamente dimostrata dalle vicissitudini turbolente degli ultimi anni. La crisi finanziaria ha messo in luce tutte le debolezze presenti nell’operatività dei soggetti partecipanti, sia da un punto di vista previsionale e, più in generale modellistico ex- ante, che da un punto di vista di ricerca delle soluzioni ex-post. Nel tempo si è sviluppato un meccanismo distorto basato sulla falsa credenza che gli eventi estremi fossero sinonimo di eventi impossibili, in contrasto proprio con la tendenza del tempo dell’affermarsi di modelli e tecniche sempre più improntati su misure di rischio, quali il VaR o il downside-risk, costruiti in modo da enfatizzare proprio il

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

management
ottimizzazione
asset
portfolio
asimmetria
allocation
kurtosis
curtosi
modelli statistici
skewness
resampling
ricampionamento
higher moments
portfolio optimization
portfolio construction
terzo momento
quarto momento
polynomial goal programming
simulazione rendimenti
multivariate generalized hyperbolic
multivariate normal inverse gaussian
distribuzioni iperboliche

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi