Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

iDIFFERENT -dal garage di Cupertino all'universo Think Different-

Tesi riguardante la campagna pubblicitaria "Think Different" della Apple. Partendo dalla campagna che ha reso celebre l'azienda di Cupertino facendo un intero excursus sulla nascita, creazione, innovazione, sviluppo tecnologico dell'azienda di Cupertino. Sottolineando il ruolo e l'influenza di Jobs all'interno dell'azienda. È nota la grande influenza che l'azienda di Cupertino, è riuscita ad avere sui propri clienti. Ma non possono essere neanche definiti “clienti”, bensì “seguaci”. Seguaci di un culto, andando oltre il semplice interesse verso i loro prodotti, che con le loro numerose sfaccettature, creatività, innovazioni hanno reso l'azienda della “mela morsicata” un vero e proprio universo “differente”. Lo studio che vado a presentare è, suddiviso in tre fasi. Fasi “bio(tecno)logiche dell' azienda che ha (ri)innovato il settore della tecnologia, imponendosi con la campagna pubblicitaria (THINK DIFFERENT) che l'ha resa “differente” alle altre.

Mostra/Nascondi contenuto.
iDIFFERENT dal garage di Cupertino all'universo Think Different 1.1 UN PÒ DI APPLE... La strana coppia Steve Jobs e Steve Wozniak diede vita ad una nuova identità creativa, informatica e di vita, chiamata APPLE, fondata il 1° aprile del 1976 a Cupertino, nella Silicon Valley in California. Ebbe inizio per scherzo, sfruttando al massimo il loro ingegno e la loro creatività per costruire qualcosa di importante nel loro tempo libero o, in altri termini, per puro hobby. L'elevata conoscenza nell'ambito dell'elettronica, contribuì a fondare, successivamente la APPLE, agli inizi del settembre 1971. Quando Wozniak lesse su "Esquire" un articolo di giornale dal titolo Segreti della piccola scatola blu di Ron Rosenbau, quest'ultimo spiegava come gli hacker e i phone phreakers avessero trovato il modo di fare telefonate interurbane gratis, e da lì Woz (così era soprannominato) non esitò a chiamare Jobs. I due si recarono in biblioteca per prendere il numero del giornale Bell System Technical Journal. Non appena preso il numero del giornale, i due ebbero dinanzi ai loro occhi, tutte le caratteristiche necessarie (toni di segnalazione, frequenze, ...) per costruire la versione digitale della Blue Box. 8

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Alberto Leo Contatta »

Composta da 54 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1118 click dal 15/05/2012.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.