Skip to content

La devianza giovanile di gruppo

Informazioni tesi

  Autore: Bernadetta Cecilia Ranieri
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Trento
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Sociologia
  Relatore: Bruno Bertelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 57

Negli ultimi anni è andato crescendo l’allarme per la commissione di reati commessi da parte di gruppi di minorenni, attuati con modalità talvolta particolarmente efferate, tali da destare preoccupazione nella società civile. Infatti, i circuiti di comunicazione colgono, rivelano e riportano, con una certa frequenza, fenomeni di violenza che caratterizzano un malessere allarmante fatto di gruppi giovanili che hanno assunto sempre più maggiore visibilità nel tempo per l’infrazione di leggi e regole costituite. Proprio questa esplosione di violenza mi ha fornito lo spunto per un’analisi psico-sociale della condizione adolescenziale applicata allo studio della devianza.
Si tratta, dunque, di una forma di devianza urbana che, però, non può essere definita come attività criminale in quanto le violenze perpetrate sembrano scaturire da reazioni impulsive: dovute alla noia, al sospetto di una offesa, alla voglia di dare una lezione a qualcuno, o solo di mostrarsi più forti. Ciò che emerge non è l’appartenenza a famiglia disagiata, a quartiere degradato del fatiscente centro storico o della periferia urbana, a fascia sociale culturalmente ed economicamente debole, ma è l’inerzia per cui dall’idea lanciata da qualcuno si arriva all’azione di gruppo, senza un perché e senza un pensiero sulle conseguenze.
Inoltre, i mezzi di comunicazione hanno messo in evidenza come le aggressioni siano compiute non più solo dai maschi, ma sempre più anche dalle femmine. Esse sono presenti in “gruppi misti” oppure, in rari casi in cui formino un gruppo tutto femminile, commettono reati minori (piccoli furti, ingiurie, ecc.).
Allo stato attuale, poi, quelli dell’adolescenza e delle cause del disagio giovanile non sono affatto temi nuovi, ma esitono da sempre e vanno di pari passo con le trasformazioni della società. La questione pregnante diventa allora osservare e studiare attentamente quali sono le caratteristiche peculiari delle aggregazioni giovanili che tendono a commettere atti devianti e, in particolare, analizzare tanto le modalità con cui i minorenni arrivano a compiere reati di gruppo, quanto le connotazioni specifiche che questi episodi assumono rispetto agli adulti, alla società nel suo insieme e alla istituzioni.
Sono situazioni che fanno da spia di un disagio più diffuso che coinvolge le giovani generazioni e che a volte nasce o, più semplicemente, non trovano spazio di esplicazione nell’ambiente familiare e che, attraverso il gruppo dei pari, traduce il malcontento e la problematicità in forma di relazione e comunicazione non lecite.
Pertanto, rispetto a tale problematica le parole chiavi sono: adolescenza, gruppo dei pari, comunicazione, identità, famiglia, scuola, coscienza di gruppo, ambiente sociale e attività intra-gruppale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 I GRUPPI DI ADOLESCENTI COME FENOMENO SOCIALE E COME FATTORE DI SOCIALIZZAZIONE La questione giovanile suscita sempre più attenzione da parte dei mass-media, delle forze politiche e sociali organizzate, e del governo. Anche i teorici delle scienze umane e sociali hanno, da tempo e con costanza, iniziato a formulare interrogativi, risposte, ipotesi e ricerche sui giovani, intesi come categoria sociale, soprattutto da quando questi pongono, fra l’altro, seri problemi sotto il profilo del controllo sociale e dell’ordine pubblico. Prima ancora di affrontare il problema riguardante i gruppi di adolescenti devianti e le loro azioni, andrebbe affrontato, o almeno inquadrato, lo sfondo e le ragioni della difficile comprensione della cosiddetta “età adolescenziale”. Anzitutto, ci si dimentica che si tratta di osservare un’età e delle generazioni che sono incredibilmente dinamiche, soggette a cambiamenti, per le quali non è detto che i modelli interpretativi di ieri possono funzionare anche oggi. Per questo, non è permesso dare per scontato le chiavi di lettura di fenomeni caratterizzanti il mondo adolescenziale e giovanile. La nozione di “adolescenza”, tra gli studiosi, trova dei punti controversi. Diventa sempre più difficile circoscrivere tale condizione solamente a variabili biologiche; in essa entrano in gioco anche fattori sociali e psicologici. Infatti, questa fase sembra essere, piuttosto, il risultato di valori, scelte, modi di vita, simboli che caratterizzano l’esistenza dei giovani in un particolare momento della loro crescita. A livello biologico, l’adolescenza è un’età di frontiera dai confini sempre più labili. Il suo percorso tende a iniziare con una pubertà più precoce rispetto al passato, che si 5

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi