Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Internazionalizzazione e Fattori di successo del Made in Italy

La tesi tratta i processi di internazionalizzazione, quali sono le modalità di ingresso nei mercati esteri a disposizione delle imprese, con particolare riferimento alle pmi. Descrive il Made in Italy e analizza le sue forze e le sue debolezze. Infine tratta il caso delle Cantine Argiolas spa, dopo una breve storia si descrivono i motivi per cui hanno varcato il confine nazionale e in che modo l'hanno fatto.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Sono sempre più numerose le imprese che scelgono di entrare nei mercati esteri. Queste si trovano ad operare in un contesto competitivo ed istituzionale complesso, caratterizzato da una estesa rete di relazioni commerciali, produttive, finanziarie e comunicazionali. Tale scenario rende difficile le scelte di internazionalizzazione, soprattutto per le imprese di piccola e media dimensione che hanno necessità di estendere la propria dimensione oltre i confini del mercato locale. Le imprese italiane al fine di rafforzare la loro presenza sul mercato mondiale e attuare le strategie e le politiche di sviluppo, hanno fatto leva sui fattori strettamente legati al territorio nazionale nonché su quelli che sono in grado di valorizzare l’identità italiana. In ambienti complessi come quelli fronteggiati dal made in Italy all’estero, in cui le condizioni mutano rapidamente richiedendo un continuo processo di interpretazione del sapere precedente, le agglomerazioni di PMI distrettuali 1 possono raggiungere vantaggi competitivi in virtù del fatto che costituiscono forme organizzative flessibili in grado di fondare la propria capacità competitiva interagendo con territori di riferimento dove si intrecciano società, cultura e storia. Il consolidamento del made in Italy, ha fatto in modo che le PMI, nell’intraprendere il processo di internazionalizzazione, al fine di difendere la tipicità locale, abbiano dovuto attivare forme di collaborazione con altri territori, esternalizzando le attività a minor valore aggiunto e preservando le funzioni (core business) che caratterizzano il prodotto come prodotto italiano di qualità. Il primo capitolo del presente lavoro, è dedicato al Processo di internazionalizzazione. Si è cercato di descrivere i motivi che inducono le imprese ad operare oltre i confini del mercato locale. Questi sono rappresentati principalmente dalla necessità di dare una ulteriore spinta alla crescita della domanda, che nel mercato domestico o nei mercati esteri, in cui un’impresa è già presente, ha subìto un rallentamento. In relazione ai motivi che spingono le imprese ad operare al di fuori del mercato locale, si sono descritte le modalità di presenza delle stesse nei mercati esteri. Le piccole e medie imprese che caratterizzano il sistema italiano, privilegiano la forma di presenza più semplice costituita dalle esportazioni. Solo dopo aver raggiunto una posizione competitiva soddisfacente, e rielaborando le conoscenze e competenze acquisite, arrivano a mettere a punto altre modalità di presenza più articolate come quelle basate su accordi contrattuali o su investimenti diretti esteri. 1 Becattini, 1998. 6

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Giorgia Rubiu Contatta »

Composta da 44 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3016 click dal 25/05/2012.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.