Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I processi motivazionali in una ASL: il caso di Lecce

In questi ultimi anni le strutture sanitarie pubbliche e gli enti preposti al loro controllo sono stati oggetto di un processo di rinnovamento che ha prodotto mutamenti di notevole interesse. Tra questi, rilevante è stato quello che ha trasformato le USL in Aziende Sanitarie. Le Aziende Sanitarie Locali (ASL) sono enti dotati di personalità giuridica pubblica, di autonomia organizzativa, amministrativa, patrimoniale, contabile, gestionale e tecnica, che provvedono ad organizzare l’assistenza sanitaria nel proprio ambito territoriale e ad erogarla attraverso strutture pubbliche o private accreditate.
Il cambiamento di denominazione è corrisposto ad una radicale modifica della concezione e dell’organizzazione del servizio pubblico sanitario.
I nuovi dirigenti, secondo questa nuova visione, devono dunque essere professionisti con alle spalle una formazione manageriale, indispensabile per una adeguata conoscenza della materia economica, supportata da una cultura medica che permetta loro di comprendere appieno la realtà nella quale operano.
In questo modo si assiste alla trasposizione in ambito ospedaliero di quei principi e quei metodi che sono basilari nell’attività manageriale privata, parliamo di: progettualità negli obiettivi da raggiungere, pianificazione dei ruoli e delle attività individuali e collettive, creazione di un team di lavoro, valutazione dell’impegno finanziario di un progetto, programmi di aggiornamento continuo a garanzia della crescita professionale e meccanismi di controllo e di verifica che coinvolgono tutta l’equipe sanitaria.
Questo lavoro di tesi analizza questa tematica nell'ambito della ASL di Lecce.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE In questi ultimi anni le strutture sanitarie pubbliche e gli enti preposti al loro controllo sono stati oggetto di un processo di rinnovamento che ha prodotto mutamenti di notevole interesse. Tra questi, rilevante è stato quello che ha trasformato le USL in Aziende Sanitarie. Le Aziende Sanitarie Locali (ASL) sono enti dotati di personalità giuridica pubblica, di autonomia organizzativa, amministrativa, patrimoniale, contabile, gestionale e tecnica, che provvedono ad organizzare l’assistenza sanitaria nel proprio ambito territoriale e ad erogarla attraverso strutture pubbliche o private accreditate. Il cambiamento di denominazione è corrisposto ad una radicale modifica della concezione e dell’organizzazione del servizio pubblico sanitario. L’intento dichiarato era quello di avere moderne e produttive azienda amministrate con criteri manageriali. Pressante è stata fin da subito l’esigenza di formare figure professionali qualificate in grado non solo di affrontare la delicata fase di transizione ma anche di introdurre i principi e i metodi che regolano l’attività imprenditoriale privata in ambito sanitario senza comunque perdere di vista l’obiettivo principale che è la tutela della salute pubblica. Il processo di cambiamento vede lo Stato impegnato a devolvere progressivamente competenze alle Regioni mantenendo solamente poteri di indirizzo e controllo. La riforma costituzionale del 2001 ha iniziato questo percorso, con la modifica dell’art. 117 1 della Costituzione, con la quale viene demandata alle Regioni “la potestà legislativa esclusiva” nell’assistenza e organizzazione sanitaria, oggi la Regione sta assumendo il ruolo centrale nell’organizzazione e gestione del servizio sanitario. Gli amministratori regionali, essendo direttamente responsabili della propria politica sanitaria risponderanno direttamente al cittadino che valuterà il loro 1 Art. 117 della Costituzione, la potestà legislativa è esercitata dallo Stato e dalle Regioni nel rispetto della Costituzione, nonché dei vincoli derivanti dall’ordinamento comunitario e dagli obblighi internazionali; sono materie di legislazione concorrente, tra le altre, la tutela della salute. Nelle materie di legislazione concorrente spetta alle Regioni la potestà legislativa, salvo che per la determinazione dei principi fondamentali, riservata alla legislazione dello Stato. 3

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Marco De Franco Contatta »

Composta da 73 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 659 click dal 29/05/2012.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.