Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Promozione e sviluppo di un turismo di nicchia in Abruzzo: il volo libero

Dopo una presentazione generale del Volo Libero con apparecchi privi di motore, e quindi del Parapendio e Deltaplano, con la relativa organizzazione www.fivl.it, www.manualedivololibero.com, www.aeci.it, analizzo la possibilità per l’Abruzzo di entrare in un circuito turistico di nicchia basato sul Volo Libero, attraverso l’offerta di diversi modelli adatti al “Turista Volatore”.
Tra i modelli turistici considerati, quello di Volandia (www.volandia.com), si evidenzia a livello internazionale come campo di volo collinare e performance paragonabili a voli di montagna, con il vantaggio di avere una struttura sul campo interamente dedicata al VDS, in grado di soddisfare tutte le esigenze del “Turista Volatore”.
Il mio lavoro vuole essere anche una proposta ai Parchi d’Abruzzo, allo scopo di aprire le proprie Aree Protette al Volo Libero, in modo da realizzare un “piano di volo turistico” all’interno dei Parchi, esponendoli di conseguenza ad un nuovo Turismo serio e qualificato.

Mostra/Nascondi contenuto.
I PREMESSA Se fosse possibile disegnare un territorio ideale, per la pratica del volo libero in deltaplano e parapendio, probabilmente la somiglianza con l’Abruzzo sarebbe eccezionale. Con un territorio montano che occupa oltre la metà della superficie regionale, l’Abruzzo si pone tra le regioni più favorevoli alla pratica di questo Sport. Per volo libero s’intende il volo con apparecchi privi di motore, dalla struttura relativamente semplice, come il deltaplano, che ha una struttura rigida, ed il parapendio che è la macchina volante più semplice mai realizzata. Questi apparecchi consentono di realizzare diversi tipi di volo, come il volo in dinamica, in termica, in planata, di Cross-Country, acrobatico e da competizione, generando un movimento di piloti sia a livello nazionale che internazionale. Questo “ migrare “, da parte dei piloti alla continua ricerca di nuove esperienze di volo, sia a livello amatoriale che a livello agonistico, hanno sviluppato un turismo finalizzato al Volo Libero, che si aggiunge alle altre svariatissime forme di turismo esistenti, da quello sportivo e attivo, a quello “ Estremo “.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Fabio Chiulli Contatta »

Composta da 147 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4246 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.