Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il complesso conventuale seicentesco di S. Antonio in Acerno (SA): verifiche sismiche del terzo lotto secondo le norme N.T.C. 2008

[...] Di questo complesso conventuale è stata fatta una ricerca storico-architettonica nonché una descrizione della struttura in muratura resistita al terremoto dell’80. Si sono analizzati, poi, i motivi che hanno portato alla costruzione ex-novo dei vari corpi giuntati in c.a., dei quali si è scelto di analizzare il Corpo A del terzo lotto che presenta una struttura portante intelaiata, solai in latero-cemento con travetti prefabbricati, copertura composta acciaio-calcestruzzo e graticcio di fondazione. Per effettuare l’analisi, tale struttura è stata modellata con il programma SAP2000 che ha fornito i valori delle sollecitazioni da confrontare con le resistenze degli elementi strutturali. Sono state riportate le verifiche di due travate, una per ogni direzione, una pilastrata e una travata di fondazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
Premessa Pag. 9 Premessa Così come la laurea specialistica rappresenta una continuazione di quella triennale, il presente lavoro costituisce il completamento della tesi che ho presentato in seduta di laurea all’Università degli studi di Salerno nell‘ Ottobre del 2008. Ora come allora la scelta dell’argomento della tesi è stata condizionata dall’ intenzione di applicare quanto maturato negli anni di studio (riguardante l’ingegneria civile) ad un qualcosa di tangibile caratterizzante il territorio delle mie origini. Così ho analizzato il complesso conventuale di S.Antonio in Acerno (SA) prima da un punto di vista storico, architettonico e descrittivo (lavoro della tesi triennale) e poi da un punto di vista strutturale (lavoro della specialistica). La struttura oggetto di studio rappresenta un elemento rilevante per la storia di Acerno. Purtroppo per diversi anni, dopo il sisma dell’80 in Irpinia, è stata dimenticata e abbandonata a se stessa. Per questa ragione è stato realizzato, alla fine degli anni ’90, un progetto di recupero della struttura in muratura e parziale ricostruzione ex-novo in calcestruzzo armato, che trasformerà il vecchio complesso conventuale in un “Ostello della Gioventù”.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Ingegneria

Autore: Andrea Pantalena Contatta »

Composta da 254 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 203 click dal 11/07/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.