Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Canine minute virus e mortalità neonatale nel cane

Il parvovirus del cane tipo 1 (CPV-1), in passato conosciuto anche come virus minuto del cane (minute virus of canine, MCV) ed oggi noto come Canine minute virus (CnMV), è un parvovirus autonomo isolato nel 1967 per la prima volta dalle feci di cani sani (Binn et al., 1970).
CnMV è responsabile, nei cuccioli di 1-3 settimane di età, di patologie a carico dell’apparato gastroenterico e, nelle cagne gravide, di turbe riproduttive caratterizzate da riassorbimento embrionale, aborto e nascita di cuccioli disvitali

Mostra/Nascondi contenuto.
4 TASSONOMIA Canine minute virus (CnMV) appartiene alla famiglia Parvoviridae (dal latino parvus: piccolo), sottofamiglia Parvovirinae, genere Bocavirus. La famiglia Parvoviridae attualmente è divisa in due sottofamiglie Densovirinae e Parvovirinae. La sottofamiglia Densovirinae comprende i generi Densovirus, Iteravirus, Brevidensovirus e Pefundensovirus che causano infezioni solo negli artropodi. La sottofamiglia Parvovirinae comprende i generi Parvovirus, Erytrovirus, Dependovirus, Amdovirus e Bocavirus (Tattersall et al., 2005; Ma et al., 2006) che causano infezioni nei vertebrati. A questi generi appartengono principalmente virus animali, tranne che i virus adeno-associati (adeno-associated viruses, AAV) inclusi nel genere Dependovirus, che infettano l’uomo, anche se attualmente sono ritenuti completamente apatogeni, nonchè il parvovirus B19. I virus AAV sono detti virus dipendenti o difettivi, poiché per dare malattia necessitano di coinfezioni con virus helper non correlati, come herpesvirus o adenovirus, a differenza di tutti gli altri parvovirus che sono autonomi.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Medicina Veterinaria

Autore: Micaela Linzalata Contatta »

Composta da 61 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1062 click dal 06/07/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.