Skip to content

Il controllo di gestione nelle joint venture

Informazioni tesi

  Autore: Simona Spadaro
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economico-aziendali
  Relatore: Rosa Alba Miraglia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 94

La JV rappresenta l’espressione formale più compiuta che un accordo tra soggetti economici diversi può assumere, ovvero la costituzione di una nuova società. Gli interessi e le motivazioni strategiche particolari che i soggetti coinvolti si attendono di realizzare tramite la nuova società, più convenientemente rispetto ad altre soluzioni, trovano composizione nella missione e negli obiettivi condivisi dell’impresa comune.
Quanto più sono diverse ed indipendenti tra loro le finalità specifiche delle imprese partecipanti, tanto più complesso è il problema del coordinamento e dell’integrazione delle JVs con le loro attività nella fase di gestione della nuova società. Ciò spiega la rilevante importanza che assume il controllo di gestione nelle JVs, come strumento in grado di indirizzare questi diversi interessi verso il raggiungimento degli obiettivi aziendali prestabiliti.
Inoltre, il fatto che le JVs siano "possedute" da diverse società indipendenti, ossia i partner genitori, rende necessario il controllo di gestione.
I partner genitori devono, non solo concentrare il controllo sulla JV stessa, ma anche sul partner genitore che coopera (collabora). Tutto questo complica la questione del controllo di gestione.
In generale, il controllo della joint-venture è stato definito come il processo tramite il quale i partner genitori influenzano il comportamento e/o i risultati della JV attraverso l'uso del potere, l’autorità e una vasta gamma (serie) di meccanismi burocratici, culturali e informali.
Alcuni autori, tra cui Geringer e Hebert, hanno riscontrato che i problemi del controllo sono una delle principali cause di fallimento delle JVs.
A tal proposito, il controllo di gestione può essere ulteriormente concettualizzato (definito) come un “condotto” attraverso cui i vantaggi firm-specific dei partner genitori vengono trasferiti all’impresa. Se, dunque, il controllo della JV non è ripartito correttamente tra i partner, allora è probabile che la performance della JV ne risenta a causa dell’inefficace trasferimento di tali vantaggi.
Spesso, quindi, i partner genitori utilizzano i sistemi di controllo di gestione come uno strumento per produrre performance della JV più elevate.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione <<Il tempo delle vecchie, classiche multinazionali è finito; nei prossimi anni si creeranno reti di alleanze, senza effetti di dominio tra i partner, con strutture di capitale incrociato e reti commerciali interconnesse. E’ la sola risposta al mercato globale>>. Così l’allora presidente della Olivetti, Carlo De Benedetti, concluse il suo intervento alla <<Convention informatique>> di Parigi il 15 settembre 1986, a sottolineare il valore delle nuove intese nella struttura dell’offerta per gli anni ’90. Oggi per la sopravvivenza di un’azienda risultano fattori critici, come la capacità di adattarsi rapidamente alle esigenze della domanda, di saper accedere in maniera rapida a nuove risorse, la necessità di muoversi su uno scenario mondiale, la convergenza e l’integrazione delle tecnologie 1 . Diversamente dagli anni ‘50/60, durante i quali la crescita era realizzata attraverso modalità interne, e dagli anni ’70, contraddistinti dal ricorso ad acquisizioni e fusioni, gli anni ’90 vedono la notevole diffusione dei rapporti di collaborazione tra più aziende, quali le joint ventures 2 (in seguito JVs) . In particolare, è in questi anni che tale fenomeno, di per sé non nuovo 3 , si è trasformato da scelta occasionale o contingente in modalità di attuazione delle strategie d’impresa per rispondere alle sfide provenienti dall’ambiente sempre più complesso e dinamico. L’incremento del grado di complessità e di incertezza dei sistemi economici è causato prevalentemente dai cambiamenti legati alla crescente globalizzazione e alle interdipendenze dei mercati, sia di sbocco che di approvvigionamento 4 e dalla maggiore criticità strategica assunta nel confronto internazionale dalle acquisizioni di conoscenze scientifiche e tecnologiche. Altri due fattori di cambiamento sono il mutamento dei rapporti tra domanda e offerta, nella direzione di una maggiore autonomia della prima nei confronti della seconda, e la maggiore incidenza sul comportamento strategico delle imprese delle specificità e dei 1 F. Vergnano, Le dieci barriere delle alleanze strategiche, in L’impresa, 1987, n.6. 2 Cfr. A.R. Janger, Organization of international joint ventures, The Conference Board, Inc., New York, 1980. 3 Si ricorda che le forme tipiche della cooperazione interaziendale, specie quelle degli accordi di sub-fornitura o contoterzismo, del licensing, dei consorzi e delle stesse JV costituiscono strumenti tradizionali da parecchi decenni utilizzati nell’ambito del “sistema delle imprese”. Cfr. C. Colombo, Accordi di cooperazione, complessità relazionale ed organizzazione degli oligopoli internazionali, in Economia e Politica Industriale, 1989, n.64, pp. 241 e segg. 4 Per gli aspetti qui trattati si fa riferimento agli studi di S. Vaccà e A. Zanfei, L’impresa globale come “sistema aperto” a rapporti di cooperazione, in Economia e Politica Industriale, 1989, n.64, pp. 50 e segg. Noti sono anche i contributi di K. Ohmae, La triade del potere. Le strategie vincenti per imporsi sul mercato globale, Sperling and Kupfer, Milano, 1986 e di M.E. Porter, Il vantaggio competitivo, Ed. di Comunità, Milano, 1987.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi