Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Principi contabili internazionali e US GAAP: conceptual framework e primary users del financial reporting

Nell'attuale periodo di forte e continua globalizzazione dei mercati, sorge la necessità di creare un corpus omogeneo di principi contabili che permettano alle realtà internazionali di confrontarsi tra loro e fornire un'informazione equa a tutti i soggetti interessati a prendere parte all'attività d'impresa. IASB e FASB, che si occupano rispettivamente di IAS/IFRS e US GAAP, hanno intrapreso un progetto di armonizzazione degli standard per giungere ad un comune insieme di principi che appianino le differenze attualmente presenti tra i mercati statunitense ed internazionale (nella fattispecie, europeo, anche se non è l'unico ad adottare gli IAS/IFRS) il testo tratta del progetto di armonizzazione tra principi contabili internazionali e us gaap, soffermando l'attenzione sui rispettivi framework, e la presentazione del joint conceptual framework per quanto riguarda i capitoli piubblicati nel 2010.Si pone l'attenzione, poi, sugli users identificati, dando una rapida descrizione di quelle che sono le rispettive esigenze informative e relative modalità di soddisfacimento delle stesse.

Mostra/Nascondi contenuto.
  3  INTRODUZIONE  In un’epoca come la nostra pervasa dal fenomeno della globalizzazione, che vede lo scambio di beni e servizi non più relegato ai semplici confini nazionali ma allargato all’intero sistema, così come dall’intensificarsi dei movimenti finanziari tra paesi e il sempre maggior ricorso alla Borsa per trovare un finanziamento per le proprie attività, la necessità è diventata quella di creare un insieme omogeneo e armonico di regole contabili che permettano sia ad aziende che ad attori connessi ad esse di studiarsi e conoscersi, di adottare un linguaggio comune nei vari paesi in cui essi operano 1 . Questa progressiva apertura dei mercati ha portato alla luce alcune diversità esistenti tra gli Stati componenti la stessa Unione Europea: le difformità a livello locale per quanto riguarda i principi contabili erano sufficientemente rilevanti da portare lo stesso Parlamento europeo a prevedere un piano di armonizzazione tra i vari standard nazionali e IAS/IFRS. L'ingresso di tali principi è stato salutato con favore fin dall'origine, e attraverso lo strumento di appositi regolamenti comunitari sono state individuate le categorie societarie portare, per obbligo o facoltà, ad attenersi all'adozione degli stessi 2 . Lo scopo di perseguire una continua revisione e armonizzazione degli accounting standard è stata (e continua ad essere) portata avanti da IASB (International Accounting Standard Board) che stabilisce gli IAS/IFRS (International Financial and Reporting Standards), e della Comunità Europea, che emanò una circolare nel 2002 la quale definiva le società che devono seguire i principi sanciti dallo IASB: dal 2005, tutte le società quotate europee sono chiamate a redigere i loro documenti contabili e di informativa economico-finanziaria attenendosi a quanto stabilito negli IAS/IFRS 3 . Tuttavia, se le differenze tra principi contabili nazionali degli Stati europei sono state parzialmente omologate con l’utilizzo degli IFRS, permangono delle sostanziali differenze tra tali standard e quelli adottati in un altro grande mercato, quello statunitense: divergenze si riscontrano tra IFRS e US GAAP (US Generally Accepted                                                          1 B.Frizzera,”Principi Contabili Nazionali ed Internazionali” della collana “Guida pratica fiscale”, 2004 2 R.Macchioni, “Il bilancio secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS: regole e applicazioni”, Giappichelli editore, pag.3. 3 Regolamento (CE) n. 1606/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio, datato 19 luglio 2002, relativo all'applicazione di principi contabili internazionali.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Marta Schibuola Contatta »

Composta da 70 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1919 click dal 05/06/2012.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.