Skip to content

Processi di semplificazione e aggregazione nel sistema delle Comunità Montane dell'Appennino Forlivese

Informazioni tesi

  Autore: Riccardo Milanesi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Massimo Bianchi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 29

Questo elaborato ha lo scopo di esaminare, dal punto di vista organizzativo, i potenziali effetti derivanti dal riordino territoriale degli enti locali nella Provincia di Forli-Cesena, derivante dalla legge regionale dell’Emilia-Romagna n.10 del 30 Giugno 2008, con particolare riguardo per i comuni dell’area appenninica Forlivese.
A tal fine è stata effettuata una rilevazione, presso gli enti dell’area, rivolta ad individuare le gestioni, associate e non, dei servizi erogati, e le risorse umane coinvolte (Amministratori, Dipendenti). I dati sono stati elaborati attraverso una Matrice Organizzativa Territoriale (M.O.T) che ha permesso di quantificare, in prima istanza, gli effetti ipotizzabili in tema di semplificazione degli enti e quelli che in sintesi sono indicati come “costi della politica”, in realtà meglio definibili come costi di governo.
Inoltre è stato verificato l’attuale apporto dell’Information and Communication Technology ai Comuni della Comunità Montana Appennino Forlivese e sono state ipotizzate alcune possibili innovazioni (tra cui “La carta dei Servizi”) allo scopo di migliorare la gestione manageriale, la qualità dei servizi e la comunicazione, presso gli enti pubblici considerati.
In particolar modo, in questo elaborato, si ritiene di fondamentale importanza l’utilizzo combinato della M.O.T e della Carta dei Servizi che garantiranno, se saranno correttamente introdotte all’interno della Pubblica Amministrazione, una maggiore chiarezza espositiva, funzionale e gestionale degli Enti Pubblici.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 1.Normativa 1 e relativo campo d’applicazione. 1.1 Le ragioni politico-istituzionali alla base della legge regionale dell’Emilia- Romagna n. 10 del 30 Giugno 2008. La legge regionale n.10 del 30 Giugno 2008 traduce in dato normativo gli indirizzi in materia di riordino territoriale e di autoriforma dell’amministrazione regionale e locale indicati dalla Giunta regionale con la deliberazione n.1641 del 5 novembre 2007 condivisi con il sistema delle autonomie locali attraverso la sottoscrizione del“Patto interistuzionale per l’autoriforma dell’Amministrazione, la razionalizzazione delle funzioni ed il riordino territoriale”, avvenuta il 10 dicembre 2007. L’obiettivo è quello di adottare misure di riforma organizzativa e funzionale, al fine di elevare il livello di qualità delle prestazioni e di ridurre complessivamente gli oneri organizzativi, procedimentali e finanziari, nel contesto dei processi di riforma volti alla semplificazione ed al rafforzamento dell’efficacia delle politiche pubbliche e con riferimento agli obiettivi specifici condivisi con Province, Comuni e Comunità montane. La realizzazione di questi obiettivi viene perseguita attraverso l’adozione di misure immediatamente operative, nell’ambito di principi generali che guideranno anche successivi interventi legislativi volti a completare, in particolare, il riassetto organizzativo e la ridistribuzione delle funzioni tra i diversi livelli di governo territoriale, in modo da superare la frammentarietà, attuando comuni obiettivi di coesione territoriale. Gli oggetti della riforma riguardano, in particolar modo:  Il Riordino territoriale, attraverso la riforma delle Comunità montane, con la revisione dei rispettivi ambiti territoriali e la loro valorizzazione quali enti di presidio dei territori montani e di esercizio associato delle funzioni comunali, assimilandole alle Unioni di Comuni, l’incentivazione delle Unioni di comuni, quali livelli istituzionali appropriati per l’esercizio associato delle funzioni e dei servizi e per la stabile integrazione delle politiche comunali; mediante conferimenti alle Comunità montane riformate ed alle Unioni; la riforma della normativa in materia di programmazione dello sviluppo della montagna, contenuta nella legge regionale n.2 del 2004, con l’obiettivo di semplificare ed accelerare l’operatività degli strumenti ivi previsti e delle relative procedure.  La riorganizzazione dei servizi pubblici locali, attraverso la revisione degli assetti organizzativi ora regolati dalle l.r. 30/1998 e 25/1999 in materia di trasporto pubblico locale e di servizio idrico integrato e gestione dei rifiuti urbani, mediante la razionalizzazione o il superamento delle Agenzie d’ambito ottimale in un quadro di rafforzamento del ruolo regolatorio regionale e di riconoscimento al sistema locale della competenza in relazione all’affidamento dei servizi.  La razionalizzazione organizzativa del sistema degli enti e delle società regionali, mediante la previsione di norme volte a garantire un efficace sistema delle partecipazioni societarie, fondata sul principio dell’interesse pubblico prevalente e con la riduzione degli oneri organizzativi e finanziari e la trasformazione della natura giuridica di alcune società attualmente partecipate dalla Regione. Per ciascuna delle materie interessate dalle misure di riordino territoriale e organizzativo sono individuati i livelli istituzionali cui sono attribuite le funzioni amministrative già collocate presso i livelli e gli enti oggetto di 1 Cfr. L.R. dell’Emilia Romagna n.10 del 30/06/2008.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi