Skip to content

Il comportamento di "Panthera leo" nel nuovo exhibit naturalistico del Giardino Zoologico di Pistoia

Informazioni tesi

  Autore: Ilaria Franchi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze Naturali
  Relatore: Francesca Gherardi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 244

La tesi si proponeva di mettere a punto un metodo comportamentale per valutare gli effetti di un exhibit di tipo "naturalistico" sul benessere del leone (Panthera leo). Il lavoro si è articolato in due fasi.
Nella prima, ho raccolto informazioni relative alla biologia e al comportamento della specie di studio e ai metodi veterinari usati per il mantenimento dei felini in cattività. L'analisi bibliografica ha inoltre fornito un panorama aggiornato delle moderne tendenze dell'exhibit design.
Nella seconda fase, ho condotto un lavoro sperimentale presso il Giardino Zoologico di Pistoia con lo scopo di studiare l'adattamento di una femmina e di due maschi di leone al nuovo exhibit. Nel periodo ottobre novembre 2004, gli animali sono stati osservati per un totale di 125 ore; durante le osservazioni, registravo una serie di dati relativi al comportamento
dei tre esemplari. Gli animali di studio provenivano dal Giardino Zoologico di Napoli, dove erano stati allevati in un exhibit tradizionale. Dai dati ottenuti ho inizialmente elaborato un etogramma, ad integrazione di quello già disponibile in letteratura. Ho quindi analizzato le modalità di esplorazione dell'exhibit da parte degli animali di studio, l'uso e le preferenze
spaziali, l'influenza di alcune variabili ambientali sul movimento, la frequenza e le differenze nelle varie categorie comportamentali e le interazioni sociali.
I risultati hanno mostrato un'intensa attività di esplorazione nei dieci giorni successivi alla liberazione dei soggetti nel nuovo exhibit, seguita da una sua costante diminuzione, a dimostrazione di un incremento della loro familiarità al nuovo ambiente. Le zone maggiormente frequentate dai leoni erano le più criptiche, cioè quelle in prossimità dei reparti notturni e il bosco. Ho inoltre osservato un'elevata diversità individuale nei comportamenti, la cui frequenza variava significativamente col tempo. In particolare, i comportamenti legati alla locomozione e al controllo si facevano meno frequenti, mentre aumentavano quelli legati alle attività di riposo, come risultato di un decremento dello stato di allerta dei soggetti.
Infine, l'analisi delle interazioni sociali ha confermato l'esistenza di una gerarchia tra maschi. La femmina interagiva più frequentemente con il maschio dominante. Se confrontato con il subordinato, il maschio dominante si dimostrava più attivo e aveva il controllo sulla riproduzione.
La disponibilità di spazio e la complessità dell'exhibit a Pistoia, con abbondante vegetazione ed elementi di arredo, sembrano agire favorevolmente sul comportamento dei soggetti, fornendo ai leoni una quantità di stimoli assai elevata. In effetti, i comportamenti da me registrati mostrano un'alta diversità, soprattutto per quanto riguarda le interazioni sociali.
Questo risultato appare incoraggiante per l'allevamento in cattività del leone, dal momento che, in generale, i felini del genere Panthera, allevati in strutture di tipo tradizionale, mostrano un repertorio comportamentale limitato e spesso stereotipato

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CAPTIOLO 1 11 IL RUOLO DEGLI ZOO 1.1 LA STRATEGIA MONDIALE DI ZOO E ACQUARI La prima Strategia Mondiale di Zoo e Acquari per la Conservazione, pubblicata nel 1993 e stabilita dalla WAZA (World Association of Zoos and Aquariums), era caratterizzata da grandi aspettative e si collocava in un periodo di notevoli cambiamenti - i Giorni di Rio, la nascita della Convenzione sulla Diversità Biologica e della Strategia di Conservazione dell’IUCN (Unione Mondiale per la Conservazione della Natura) (Philips e Dollinger, 2006). In quegli anni, iniziò a diffondersi il concetto dello sviluppo sostenibile e la prospettiva degli zoo fu quella di assicurare agli animali un futuro migliore: questa aspettativa non fu completamente soddisfatta e la situazione globale andò peggiorando (Philips e Dollinger, 2006). Le minacce ambientali sono ancora oggi in aumento e hanno determinato un grave declino della diversità biologica: gli ultimi 10 anni sono stati caratterizzati da cambiamenti climatici, sovrasfruttamento delle risorse naturali, impatto negativo delle specie invasive e distruzione dell’ambiente su vasta scala; questi problemi sono connessi direttamente all’incremento della popolazione umana, che porta a limitazioni nello sfruttamento delle risorse naturali disponibili per le altre specie non-umane (Philips e Dollinger, 2006). La prospettiva futura, ciò nonostante, non è del tutto negativa, in quanto sono state sviluppate strategie nazionali per la conservazione della biodiversità delle specie animali e vegetali e sono state intensificate le restrizioni e le normative ambientali; inoltre, Zoo e Acquari sono diventati luoghi ove si svolgono attività di supporto e si attuano strategie necessarie per il progresso della conservazione (Philips e Dollinger, 2006). Molte persone si chiedono se è giusto sostenere zoo e acquari, qual è

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

etologia
scienze naturali
comportamento
conservazione della natura
studio sperimentale
zoo
cattività
arricchimento ambientale
ruggito
stereotipia
exhibit naturalistico
panthera leo
leoni
giardino zoologico
allevamento ex-situ

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi