Skip to content

Uruguay Round

Informazioni tesi

  Autore: Marco Biagino
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Istituto Universitario Navale di Napoli
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia del Commercio Internaz. e dei Mercati Valutari
  Relatore: Adriana Castaldo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 105

L’Uruguay round è stato il negoziato commerciale più vasto, e probabilmente anche quello di maggiore successo, che sia mai stato intrapreso. Per un periodo di quasi otto anni, oltre 100 paesi si sono attivamente impegnati in una ricostruzione del sistema commerciale internazionale. La loro ricompensa è stata, alla fine di questo lungo sforzo, la World Trade Organization; e, nello stesso tempo, sia un sistema di regole per garantire la prevedibilità e la sicurezza agli operatori e agli investitori di tutto il mondo, sia un ampio contributo all’apertura dei mercati dei beni e dei servizi.
Per la prima volta, tutti i paesi potranno beneficiare di un sistema rapido, severo ed efficiente di composizione dei conflitti commerciali; di regole di concorrenza meglio definite sia per i beni sia per i servizi; di misure e di strumenti predisposti per il rispetto dei diritti di proprietà intellettuale; di una riforma, da qualche tempo attesa, nel settore tessile e in agricoltura. E, infine, di un’istituzione commerciale espressamente concepita per tutto questo: la WTO.
Il GATT, dato per morto durante le varie crisi negoziali, ha invece dimostrato di godere di ottima salute e ha smentito coloro che dubitavano di un risultato positivo. Il GATT non muore, anzi rinasce più forte di quanto si pensasse nel 1986.
L’attività del GATT (General Agreement on Trade and Tariff) fin dalla sua entrata in vigore, nel 1948, si è svolta attraverso una serie di negoziati, i primi cinque dei quali esclusivamente tariffari, basati cioè su concessioni daziarie reciproche concordate per ciascuna voce doganale. Con il Kennedy round (1964-67), che ha rappresentato la prima concertazione diretta ad una riduzione generalizzata dei dazi doganali, per la prima volta il negoziato si è esteso ad una tematica non tariffaria: quella dell’antidumping. Con il Tokyo round (1973-79), oltre ad una nuova riduzione generalizzata dei dazi (35%), sono stati concordati dei codici di comportamento per rimuovere i più importanti ostacoli non tariffari. Infine con l’Uruguay round, oltre a definirsi l’istituzione dell’Organizzazione Mondiale del Commercio, sono stati inclusi nelle trattative anche settori fino allora restati fuori dei negoziati GATT (agricoltura, servizi, proprietà intellettuale). L’agenda dell’Uruguay round è stata lunga, ambiziosa e contiene molto del lavoro non completato durante i precedenti negoziati del GATT ed anche nuovi punti che erano emersi dai più recenti sviluppi nell’ambito del commercio internazionale.
L’obiettivo dell’Uruguay round divenne così di affrontare il numero più alto possibile di problemi che avevano indebolito il GATT e che avrebbero potuto minacciare il ruolo, se non la sopravvivenza stessa, di un sistema commerciale fondato su regole multilaterali. Vi era, peraltro, un diffuso scetticismo sulle possibilità che i negoziatori avrebbero avuto di affrontare con successo queste sfide sempre più complesse. E questo portò più di un autorevole osservatore a pronosticare, forse un po’ troppo affrettatamente, la fine del sistema GATT. Alla fine, infatti, i pessimisti hanno avuto torto e i negoziatori sono riusciti a completare il negoziato nel 1994. E l’Uruguay round rappresenta una pietra miliare nelle trattative commerciali internazionali, non solo perchè ha esteso con successo le regole commerciali comuni incorporate nel GATT a nuove aree del commercio internazionale, ma anche perchè ha mostrato che il multilateralismo negli scambi mondiali costituisce un’opzione ancora percorribile.
Sono molti i motivi che spiegano le difficoltà del negoziato e le conseguenti incertezze che lo hanno circondato. Il numero di parti impegnate nella trattativa era fortemente aumentato a partire dalla conclusione del Tokyo round, nel 1979, ed era ulteriormente salito negli anni nel negoziato dell’Uruguay round. Si erano aggiunti in quegli anni circa trenta nuovi membri del GATT, quasi tutti Pvs. Il numero di paesi partecipanti al GATT era dunque aumentato, ma a scapito dell’omogeneità in termini di interessi nazionali e regionali. Per di più, come si è notato in precedenza, l’Uruguay round si era posto obiettivi molto ambiziosi, tra i quali l’estensione delle regole GATT ad aree fino a quel punto lasciate all’esterno, come gli scambi agricoli e di tessili, gli investimenti commerciali e i diritti della proprietà intellettuale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE L’Uruguay round è stato il negoziato commerciale più vasto, e probabilmente anche quello di maggiore successo, che sia mai stato intrapreso. Per un periodo di quasi otto anni, oltre 100 paesi si sono attivamente impegnati in una ricostruzione del sistema commerciale internazionale. La loro ricompensa è stata, alla fine di questo lungo sforzo, la World Trade Organization; e, nello stesso tempo, sia un sistema di regole per garantire la prevedibilità e la sicurezza agli operatori e agli investitori di tutto il mondo, sia un ampio contributo all’apertura dei mercati dei beni e dei servizi. Per la prima volta, tutti i paesi potranno beneficiare di un sistema rapido, severo ed efficiente di composizione dei conflitti commerciali; di regole di concorrenza meglio definite sia per i beni sia per i servizi; di misure e di strumenti predisposti per il rispetto dei diritti di proprietà intellettuale; di una riforma, da qualche tempo attesa, nel settore tessile e in agricoltura. E, infine, di un’istituzione commerciale espressamente concepita per tutto questo: la WTO. Il GATT, dato per morto durante le varie crisi negoziali, ha invece dimostrato di godere di ottima salute e ha smentito coloro che dubitavano di un risultato positivo. Il GATT non muore, anzi rinasce più forte di quanto si pensasse nel 1986.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

gatt
negoziati commerciali
uruguay round
wto
world trade organization
general agreement on tariffs and trade

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi