Skip to content

Parco lineare lungo il fiume Ribes

Informazioni tesi

  Autore: Cristian Ballarin
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università IUAV di Venezia
  Facoltà: Architettura
  Corso: Architettura
  Relatore: Maria Chiara tosi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 31

Il progetto denominato Parco lineare lungo il fiume Ribes è frutto di una tesi di laurea sviluppata allo IUAV di Venezia e affronta l’importante tema del trattamento dell’acqua e della sua preservazione, proponendo un’interessante strategia di riqualificazione ambientale e funzionale dell’ambito fluviale del fiume Ribes, fra le città di Sant Pere de Ribes e Sitges, nei pressi di Barcellona.
È sempre difficile rapportarsi con la natura quando essa mostra tutta la sua forza e fa sentire gli uomini così piccoli e impotenti al suo cospetto. La gestione dei corsi d’acqua, a causa degli sconvolgimenti climatici e della poca cura che l’uomo ha prestato recentemente al territorio che li ospita, è attualmente molto sentita da amministrazioni comunali e altri enti di tutela ambientale come azione di strategica importanza per la sicurezza ma anche il benessere di intere popolazioni. L’area di intervento oggetto di questa tesi di laurea si trova lungo il tratto finale del fiume Ribes, tra la città di Sant Pere de Ribes e Sitges, nel municipio di Barcellona in Spagna. L’acqua diventa la vera e propria protagonista nel progetto per l’ex autodromo di Terramar, un’area, attualmente abbandonata, di circa ventiquattro ettari che ospiterà un grande parco sportivo distribuito nella parte est dell’autodromo in cui si incontreranno campi da basket, pallavolo, tennis, calcio, arrampicata con appositi spogliatoi, mentre nella parte ovest si realizzerà il parco dell’acqua in cui, attraverso un sistema di vasche per la fitodepurazione, si depureranno le acque delle città vicine.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Il progetto denominato Parco dell’acqua di Terramar è frutto di una tesi di laurea sviluppata allo IUAV di Venezia e affronta l’importante tema del trattamento dell’acqua e della sua preservazione, proponendo un’interessante strategia di riqualificazione ambientale e funzionale dell’ambito fluviale del fiume Ribes, fra le città di Sant Pere de Ribes e Sitges, nei pressi di Barcellona. È sempre difficile rapportarsi con la natura quando essa mostra tutta la sua forza e fa sentire gli uomini così piccoli e impotenti al suo cospetto. La gestione dei corsi d’acqua, a causa degli sconvolgimenti climatici e della poca cura che l’uomo ha prestato recentemente al territorio che li ospita, è attualmente molto sentita da amministrazioni comunali e altri enti di tutela ambientale come azione di strategica importanza per la sicurezza ma anche il benessere di intere popolazioni. L’area di intervento oggetto di questa tesi di laurea si trova lungo il tratto finale del fiume Ribes, tra la città di Sant Pere de Ribes e Sitges, nel municipio di Barcellona in Spagna. L’acqua diventa la vera e propria protagonista nel progetto per l’ex autodromo di Terramar, un’area, attualmente abbandonata, di circa ventiquattro ettari che ospiterà un grande parco sportivo distribuito nella parte est dell’autodromo e in cui si incontreranno campi da basket, pallavolo, tennis, calcio, arrampicata con appositi spogliatoi. L’idea progettuale alla base dell’intervento proposto è la volontà di creare un collegamento tra due paesi attraverso un doppio percorso che costeggia il letto del fiume. La scelta di inserire due percorsi nasce dalla volontà di sfruttare i limiti estremi del fiume, ovvero i casi di siccità e i casi di inondazione; il primo percorso, definito come “permanente”, si trova a un livello superiore rispetto a quello del fiume; il secondo, invece, definito come “temporaneo”, si trova al livello del letto del corso d’acqua. le vecchie architetture in conci lapidei edificati a secco molto presenti nella zona della Catalogna. L’acqua, invece, è l’elemento che lega l’intero sistema del parco: sono state studiate delle soluzioni di protezione, nel caso di forti inondazioni, attraverso la realizzazione di vasche di contenimento e argini. Nella parte ovest invece si realizzerà il parco dell’acqua in cui, attraverso un sistema di vasche per la fitodepurazione, si depureranno le acque. I due percorsi creeranno così degli spazi “ibridi” che, in base al livello dell’acqua, saranno sfruttati in modo sempre diverso dalle persone che frequenteranno il parco. Oltre ai percorsi, sono presenti altri due elementi importanti all’interno del progetto, ovvero i terrazzamenti e l’acqua. I terrazzamenti, in base al loro impiego, diventano semplici terrapieni o veri e propri edifici. Essi sono costituiti da gabbioni in pietra che ricordano provenienti dalle città vicine, utilizzate per creare un bacino balneabile. Il sistema dell’acqua è stato pensato in modo che le acque delle due città arrivino al depuratore attraverso il sistema di reti fognarie per essere poi trattate; successivamente passano alla vasca di contenimento e scendono verso la vasca di distribuzione, attraverso l’acquedotto. Arrivate al parco, inizia la fase successiva del trattamento che avviene in vasche di diversa capacità. Uno degli aspetti più significativi del progetto risiede proprio nella diversificazione della vegetazione acquatica presente nelle vasche, utilizzata al meglio delle possibilità offerte da ciascuna specie vegetale. Così nella prima vasca troviamo i salici che grazie alle caratteristiche naturali delle radici forniscono un’iniziale depurazione e, successivamente, le acque entrano nelle vasche in cui si trovano piante galleggianti per poi arrivare alle vasche della vegetazione acquatica radicata. Conclusa questa fase le acque passano attraverso un percorso a serpentina che facilita la depurazione e poi in una serie di vasche gradonate che ne favoriscono l’ossigenazione. Il processo si conclude con il chador, una lastra inclinata in cui le acque subiscono un ulteriore miglioramento qualitativo grazie ai raggi ultravioletti del sole, quindi, finalmente depurate, possono essere utilizzate per creare un bacino balneabile.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

barcellona
fiume ribes
sant pere de ribes
sitges
parc del garraf

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi