Skip to content

L'evoluzione del sistema bancario italiano e dualismo territoriale.

Informazioni tesi

  Autore: Erika Nugnes
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Napoli
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia delle istituzioni e dei mercati finanziari
  Relatore: Antonio Lopes
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 72

Scopo del presente lavoro è quello di analizzare l’evoluzione del sistema bancario nazionale e il dualismo territoriale nel corso degli ultimi anni. Il lavoro è suddiviso principalmente in due parti; la prima formata dal primo e dal secondo capitolo, fondamentalmente più teorici.

In essi sono esposte tutte le riforme istituzionali del sistema bancario che si sono verificate nel corso del secolo scorso in Italia e, s’illustra il rapporto banca – impresa sempre nel nostro Paese e si chiariscono, i punti fondamentali riguardanti il rischio, la regolamentazione e la vigilanza. Nel primo capitolo, si parte dalla legge bancaria del 1936 (formulata subito dopo la Grande Depressione) con la quale sono affermati: il principio della specializzazione temporale del credito, il principio del pluralismo istituzionale e il principio della separatezza tra banca e industria; si arriva alla legge Amato - Carli del 1990 riguardante, le disposizioni in materia di ristrutturazione e integrazione patrimoniale degli Istituti di credito di diritto pubblico e con la quale sono state introdotte le fondazioni bancarie. Ultima ma non meno importante riforma istituzionale arriva con il d.lgs. 385/1993 meglio conosciuto come Testo Unico delle leggi in materia bancaria creditizia.
Il d. lgs 385/1993 (tub) stabilisce: quali sono i criteri necessari per ottenere l’autorizzazione da parte della Banca d’Italia, affinché una banca possa iniziare la propria attività; da una definizione precisa di attività bancaria; determina quali sono le attività ammesse al mutuo riconoscimento.

Nel secondo capitolo viene analizzato e approfondito il rapporto banca – impresa nel nostro Paese evidenziando le caratteristiche salienti di tale rapporto. Si analizzano in seguito i possibili rischi dell’attività bancaria distinguendoli fra: rischi connessi all’attività di intermediazione creditizia e mobiliare. Per poter gestire al meglio questi rischi sono previste diverse autorità di controllo che svolgono anche attività di vigilanza.
Al fine di poter meglio stabilire le linee guida dei requisiti patrimoniali delle banche vengono esposte le innovazioni e le modifiche apportate da Basilea I e Basilea II che hanno cercato di: estendere la vigilanza a tutte le istituzioni bancarie; coordinare le autorità di vigilanza nazionali e rendere più efficace la regolamentazione di vigilanza. Basilea II inoltre rivisita i requisiti patrimoniali minimi delle banche cercando di renderli più sensibili al rischio dei singoli prestiti e introduce nuovi sistemi di misurazione del rischio degli investimenti bancari.

La seconda parte del lavoro è formata dal terzo capitolo riguardante le banche e il Mezzogiorno e di conseguenza il dualismo territoriale che si presenta nella realtà italiana. È illustrato il contributo della teoria economica soffermandosi sulla convinzione diffusa che i problemi delle imprese italiane siano riconducibili all’incapacità del sistema bancario nazionale di offrire i servizi adeguati e di stimolare la competitività. Si passa successivamente ad affrontare il problema del Mezzogiorno in sé, soffermandosi sugli aspetti riguardanti il sistema bancario meridionale nel corso degli anni Novanta. Il lavoro si chiude con una breve analisi del sistema bancario meridionale nelle recenti valutazioni della SVIMEZ (Associazione per lo sviluppo dell’industria nel Mezzogiorno).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO PRIMO RIFORME ISTITUZIONALI DEL SISTEMA BANCARIO IN ITALIA 1.1 La legge bancaria del 1936 Le trasformazioni che il sistema bancario italiano ha visto imporsi negli ultimi vent’anni sono state profonde e la sua riorganizzazione ha reso possibile alle banche italiane di cominciare a reggere il passo con le grandi “concorrenti” del mercato europeo e internazionale, che con i processi di globalizzazione ormai avanzati sono il vero campo d’azione su cui confrontarsi. Negli anni Trenta l’economia Italiana risentì fortemente del propagarsi della crisi del mercato mondiale. A pagarne gli effetti fu soprattutto il mercato industriale e quello borsistico, in cui si verificò il crollo dei corsi azionari. Le principali Banche miste italiane (Comit e Credito Italiano), che controllavano direttamente o indirettamente gran parte dei pacchetti azionari delle imprese in crisi, si trovarono in serie difficoltà:  Precarietà dei fidi concessi alle imprese industriali.  Ulteriore acquisto dei propri titoli nel tentativo di difenderne la quotazione. 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sistema bancario
basilea uno
basilea due

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi