Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La lingua come strumento di identità: La Lézarde e Ormerod di E'douard Glissant

Questo lavoro è uno studio riflessivo ed interpretativo della lingua francese nei paesi d'oltremare individuati nelle ex colonie.
E' una riflessione di come la lingua, in questo caso quella francese, possa trasformarsi in un linguaggio specifico all'interno di una comunità multietnica e diventarne così il proprio simbolo identificativo, unificando tutti i suoi individui in una unico gruppo culturale.

Mostra/Nascondi contenuto.
…..a mouen Doudou, pou tout bèl bagay nou pòkò konnen…. (mouen renmen li) PREFAZIONE Dopo un percorso di studi dedicato alla conoscenza delle lingue straniere, e soprattutto a quella francese, mi sono chiesta perché nei territori appartenenti alle ex- colonie è nato il creolo, quali sono state le ragioni che ne hanno determinato lo sviluppo e la funzione che riveste all’interno di quelle comunità. La lingua creola è stata un mezzo fondamentale in quei territori raggiunti da diverse etnie che, entrando in contatto tra loro soprattutto per ragioni economiche, hanno sviluppato questa particolarità linguistica per sopperire ad esigenze comunicative, ma in quei luoghi è nata anche la cultura creola e la sua letteratura. Queste due forme espressive, linguistica e letteraria, si sono generate dallo stesso contesto creato dalla colonizzazione e dunque ho voluto ripercorrere le principali tappe della letteratura franco-caraibica che si è sviluppata dai racconti popolari tramandati nelle piantagioni,dove gli schiavi non avevano il diritto di parlare ma solo quello di riunirsi alla sera ad ascoltare la voce di un narratore 1 . Qui è nata la prima forma di letteratura orale tipicamente creola,che della tradizione importata dall’Africa ha tradotto solo i proverbi,gli indovinelli ed alcune canzoni popolari 2 . Gli schiavi giunti in queste isole sono stati inseriti all’interno delle piantagioni di canna da zucchero e, in un ambiente rinchiuso e multi etnico come questo, la 1 Maryse Condé,La civilisation du bossale:réflexions sur la littérature orale de la Guadeloupe et de la Martinique,L’Harmattan,Paris 1978,p.7 2 ibid.,p.12 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Simona Guidotti Contatta »

Composta da 134 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1979 click dal 20/06/2012.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.