Skip to content

Gli insediamenti eremitici nella Toscana senese tra XI e XIV secolo

Informazioni tesi

  Autore: Paola Pozzessere
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Università degli Studi di Siena
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Storia dell'Arte
  Relatore: italo Moretti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 142

In questo lavoro si tratterà di quelle fondazioni eremitiche che nascono in Toscana e nei territori limitrofi come piccoli movimenti laicali e che ottengono in seguito il riconoscimento dalla Santa Sede. Non si tratterà delle comunità Camaldolesi e Vallombrosane poiché, pur nascendo dalla vocazione eremitica del fondatore si sviluppano in comunità monastiche con vocazione cenobitica, né si tratterà delle numerose esperienze eremitiche individuali che caratterizzano i secoli del pieno Medioevo ma che non hanno nel tempo alcuna continuità (basti pensare alle figure del beato Benedetto Ricasoli di cui rimane oggi la cella denominata ‘Eremo del beato Benedetto’, collocato tra Siena e Montevarchi. Al beato Gargalini di Montieri sulla cui cella è stata costruita la Canonica di San Giacomo ; e Santa Verdiana di Castelfiorentino alla cui memoria rimane un santuario costruito sul suo rifugio).
Si parlerà degli eremiti ‘di Fratel Giovan Bono’, dei Brettinesi, faremo luce sugli Eremiti toscani e sugli Agostiniani, distinguendo l’eremitismo sorto in Occidente tra XI e XIV secolo dal precedente orientale, diffusosi tra V e VIII secolo. Fine ultimo del lavoro è quello di verificare attraverso la schedatura degli insediamenti, questo è compito del secondo capitolo, l’esistenza di un’architettura propriamente eremitica almeno in ambito senese, poiché l’eremitismo ha una grande e rapida diffusione in tutto l’Occidente e non sarebbe contraddittorio che si fosse creato uno stile peculiare. Certo è che la repentina scelta papale e degli Ordini stessi di aderire ad un unico ordine più grande, quello Agostiniano, non ha permesso alle singole congregazioni di espandersi individualmente e propagare i propri canoni stilistici adeguati ai dettami delle regole seguite. Un filone indipendente risulta invece essere quello guglielmita, che non cederà alla volontà unificatrice della Santa Sede, ma continuerà per lungo tempo ad osservare la Regola di San Benedetto e ad espandersi al di fuori della nostra penisola. Percorreremo con interesse la storia di questo ordine, l’unico veramente ‘toscano’, poiché sorto nelle vicinanze di Castiglione della Pescaia, nelle Diocesi e Provincia di Grosseto. È l’unico ad aver dato il nome del proprio ‘fondatore’ alla casa madre situata in zona anticamente detta “Malavalle” e ad aver lasciato segni nella topomastica maremmana, (pensiamo all’antica strada detta “di San Guglielmo” che passava davanti al romitorio di Santa Maria Maddalena presso Montepescali; o al podere San Guglielmo nei pressi dell’abbazia di Giugnano). Le considerazioni tratte dall’osservazione degli eremi di quest’ordine hanno dato lo stimolo iniziale per questa ricerca, dato che si riscontrano negli insediamenti da loro occupati singolari affinità costruttive. La schedatura degli eremi del territorio senese permetterà di evidenziare tipologie simili agli insediamenti maremmani.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE In questo lavoro si tratterà di quelle fondazioni eremitiche che nascono in Toscana e nei territori limitrofi come piccoli movimenti laicali e che ottengono in seguito il riconoscimento dalla Santa Sede. Non si tratterà delle comunità Camaldolesi e Vallombrosane poiché, pur nascendo dalla vocazione eremitica del fondatore si sviluppano in comunità monastiche con vocazione cenobitica, né si tratterà delle numerose esperienze eremitiche individuali che caratterizzano i secoli del pieno Medioevo ma che non hanno nel tempo alcuna continuità (basti pensare alle figure del beato Benedetto Ricasoli 1 di cui rimane oggi la cella denominata ‘Eremo del beato Benedetto’, collocato tra Siena e Montevarchi. Al beato Gargalini di Montieri sulla cui cella è stata costruita la Canonica di San Giacomo 2 ; e Santa Verdiana di Castelfiorentino 3 alla cui memoria rimane un santuario costruito sul suo rifugio). Si parlerà degli eremiti ‘di Fratel Giovan Bono’, dei Brettinesi, faremo luce sugli Eremiti toscani e sugli Agostiniani, distinguendo l’eremitismo sorto in Occidente tra XI e XIV secolo dal precedente orientale, diffusosi tra V e VIII secolo. Il fenomeno eremitico ha una vastissima estensione ed è difficilmente inquadrabile in un preciso momento storico. Nonostante sia un fenomeno antichissimo, ne sono i primi protagonisti i profeti biblici e, in successione gerarchica, i Padri del deserto. Nella presente occasione ci interessa il periodo che va dall’XI al XIV secolo in quanto l’eremitismo in Occidente assume proporzioni considerevoli e caratteri che lo differenziano da quello precedente orientale. Quest’ultimo era un eremitismo anacoretico per cui il monaco conduceva una vita all’insegna della solitudine individuale, favorita dal ritiro 1 Benedetto Ricasoli da Coltibuono: monaco vallombrosano nell’abbazia di Coltibuono e successivamente in ritiro come eremita in un eremo detto “il castellaccio” non lontano dall’abbazia. Vedi, su questo argomento, Bibliotheca Sanctorum, vol. II, pp. 1097-1098. 2 G. VATTI, Montieri, notizie storiche, Sarno, 1970. 3 Santa Verdiana: vissuta tra XII e XIII secolo rimase chiusa in un eremo costruito per lei dai concittadini sulla riva dell’Elsa, dedita alla preghiera e alla penitenza per ben 34 anni. Vedi su questo argomento: Bibliotheca Sanctorum, vol. XIII, pp. 1023; 1027.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

chiesa
gotico
medioevo
romanico
toscana
monastero
ordini
medievale
grosseto
moretti
conventi
monasteri
maremma
italo
medioevale
eremitismo
san guglielmo
guglielmiti
malavalle
castiglione della pescaia
agostiniani
eremita
eremitici
monastici

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi