Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Obbligo di motivazione dell'avviso di accertamento

Il lavoro di occupa di indagare un tema classico del diritto tributario quale è l'obbligo di motivazione dell'avviso di accertamento. L'indagine scientifica viene condotta sia attraverso la stesura di un parere legale sulla motivazione a supporto di un avviso di rettifica che con la nota a sentenza relativa alla pronuncia della Corte di Cassazione, ° 5082 del 2 marzo 2011 che affronta, in particolare, le condizioni per il corretto utilizzo della motivazione per relationem

Mostra/Nascondi contenuto.
3 PARERE LEGALE. La società Alfa spa impugna l’avviso di rettifica n. 15554 di un accertamento definitivo, emesso ai sensi dell’art. 78 del Regolamento CEE n. 2913/92, dall’Ufficio delle Dogane di Firenze, a seguito di un controllo eseguito dagli Uffici delle Dogane di La Spezia e di Livorno nei confronti della società Beta srl. Lo stesso Ufficio aveva accertato che le lampade dichiarate in bolletta non erano di origine tunisina, bensì cinese e pertanto aveva liquidato maggiori diritti doganali. La ricorrente società, coobbligata in solido con la società Beta, importatrice, eccepisce carenza di motivazione perchè nessun documento contenente la provenienza cinese delle suddette lampadine è allegato all’avviso di rettifica. Il candidato, dopo aver osservato la fattispecie in questione, rediga un parere per risolvere la questione proposta, soffermandosi sull’obbligo di motivazione dell’avviso di accertamento. Svolgimento. Il caso illustrato impone una disamina nell'ambito dell'istituto dell'accertamento tributario doganale e del relativo avviso di rettifica nonché degli obblighi di motivazione da parte dell'amministrazione. Si impone, al fine di ben inquadrare le possibili soluzioni, una premessa di inquadramento generale. 1. Inquadramento generale. Il prelievo di un tributo in connessione con l’attraversamento da parte di beni o di persone di una linea di confine costituisce una forma risalente di imposizione. Nel caso dei dazi doganali, infatti, il territorio, profilo che più direttamente si collega ad una nozione di tributo come manifestazione di sovranità, costituisce il nucleo centrale della fattispecie del tributo. Questa forma di prelievo, benché antica e caratterizzata da elevato tecnicismo,

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Pietro Cucumile Contatta »

Composta da 63 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1386 click dal 05/07/2012.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.