Skip to content

Struttura a termine dei tassi d'interesse: modelli continui.

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Aghilar
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Foggia
  Facoltà: Economia
  Corso: Vecchio ordinamento
  Relatore: Andrea Di Liddo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 206

Lo scopo del presente lavoro è l’illustrazione della metodologia di lavoro e dei concetti di fondo impiegati nell’elaborazione dei modelli matematici (continui rispetto al tempo) comunemente impiegati per la rappresentazione della dinamica della struttura a temine dei tassi d’interesse, attraverso il ricorso ad un bagaglio matematico relativamente “leggero” come quello fornito da un corso di laurea magistrale in Economia. A tal fine si è ritenuto di dividere il lavoro in due parti. Una parte principale, che rappresenta il lavoro espositivo vero e proprio sulla modellistica riguardante i tassi ed una parte complementare, in cui si è cercato di concentrare tutta la teoria di base dei processi stocastici. Da questo punto di vista, più che una semplice appendice, la parte sui processi stocastici è servita per mettere in luce la profondità concettuale e le difficoltà tecniche che sorgono nella messa a punto dei modelli presentati nella prima parte del lavoro. Si tratta di aspetti che spesso sfuggono nella presentazione che di questi modelli danno i testi universitari istituzionali, specie quelli in lingua italiana, nei quali troppo spesso la fretta espositiva dovuta alla necessaria concisione, fa sì che le nozioni fornite sui processi stocastici si fermino a brevi richiami delle definizioni fondamentali, lasciando completamente all’oscuro il lettore (che non abbia un bagaglio specialistico in tal senso) di questioni di primaria importanza come la definizione formale dell’Integrale di Ito e quindi delle motivazioni sulle ragioni per le quali vengono fuori certi risultati.
Passando ora alla descrizione del piano del lavoro, nel Capitolo 1 si richiamano le definizioni classiche riguardanti le leggi di capitalizzazione e di sconto mettendo in rilievo la possibilita’ di rappresentare il processo di accumulazione di capitale attraverso equazioni differenziali. Il capitolo si chiude con la descrizione delle caratteristiche tecniche di quei particolari strumenti finanziari che sono i titoli del debito pubblico e della ragione per la quale essi sono il punto di partenza per la costruzione di tutta la teoria sulla dinamica dei tassi d’interesse.
Nel Capitolo 2 si descrive quello che è il piano di riferimento per la messa a punto di un qualsivoglia modello matematico per la struttura a termine dei tassi, illustrando quindi come venga ricavata la curva per scadenze a partire dall’osservazione delle quotazioni dei titoli del debito pubblico e facendo poi un brevissimo cenno alle spiegazioni addotte dalla teoria economica per spiegarne le fluttuazioni. Il capitolo si chiude con la presentazione della fondamentale “teoria dell’assenza d’arbitraggio” e del Teorema Fondamentale di Valutazione che, come suggerisce il suo nome, rappresenta da anni la pietra miliare su cui si fonda tutta la Finanza Matematica.
Il Capitolo 3 rappresenta il “cuore” di tutta l’opera. In esso vengono analizzate le caratteristiche di fondo comuni a tutti i più noti modelli stocastici utilizzati per la descrizione della dinamica della struttura dei tassi d’interesse , cominciando con una breve tassonomia degli stessi e specificando le ipotesi di base, nonché la strumentazione matematica di base (a cominciare dalla definizione della ragione per la quale si utilizzano i processi di Ito) impiegata nei cosiddetti modelli unifattoriali (sez. 3.3). Nella sezione 3.4 si presenta in maniera formale l’Equazione Fondamentale di Valutazione che, rispondendo alla domanda posta sopra, permette di descrivere teoricamente quello che è il “giusto prezzo” che di un’attività finanziaria in assenza d’opportunità d’arbitraggi. Nel resto del capitolo vengono quindi presentati e analizzati i principali modelli unifattoriali, facendo la fondamentale distinzione tra i modelli lineari affini (che sono sostanzialmente quelli che presentano la migliore trattabilità analitica) di Merton (1973), Vasicek (1976) Cox-Ingersoll-Ross (1985) ed i modelli non affinielaborati daBrennan e Schwartz(1979) e Black e Karasinski (1991). Il capitolo si chiude con una breve discussione sulla stima dei parametri dei modelli presentati e delle principali verifiche empiriche riguardanti i modelli unifattoriali di tipo omogeneo rispetto al tempo.
Nel Capitolo 4 viene infine presentata molto concisamente la classe dei cosidetti “No Arbitrage Models”, la cui formalizzazione distinta dagli altri modelli fattoriali si deve al fondamentale articolo di Heath, Jarrow e Morton (1991). In tale classe rientrano infatti anche modelli antecedenti la pubblicazione del lavoro degli Autori su citati, prima classificati semplicemente come modelli non omogenei rispetto al tempo, quali il modello di Ho e Lee (1986) ed il modello di Hull e White (1990).Completa la prima parte una bibliografia di base sulla letteratura riguardante i principali modelli per i tassi d’interesse. Quando le opere citate sono disponibili on line vi si troverà il corrispondente indirizzo internet.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
15 CAPITOLO 1: DEFINIZIONI FONDAMENTALI Il tema centrale della matematica finanziaria (attuariale) è da sempre quello di definire, attraverso l’impiego di strumenti analitici anche piuttosto sofisticati, l’equivalenza tra importi monetari disponibili, (ovvero esigibili dal punto di vista del creditore) in epoche diverse. In questo capitolo si daranno le definizioni fondamentali relative alla caratterizzazione formale dei principali “regimi di capitalizzazione” e delle loro proprietà analitiche. Alla fine del capitolo si definiranno invece le principali caratteristiche tecniche degli strumenti finanziari obbligazionari, con una particolare attenzione all’approfondimento del concetto di rischio e del modo in cui il mercato tratta tale problematica, dando conto quindi della ragione per la quale nella modellizzazione matematica della dinamica dei tassi d’interesse si faccia in pratica sempre riferimento ai titoli del debito pubblico (il cui emittente cioè è uno Stato Sovrano). 1. 1. Regimi di capitalizzazione e traslabilità Detto M il montante generato dall’impiego di un capitale iniziale, indicato con C, per un certo intervallo di tempo (in genere indicato con t) e fissato un certo tasso d’interesse 1 da un punto di vista strettamente matematico il problema è quello di trovare una funzione continua del tempo tale che:     MtfC t  , (1.1) dove la funzione f sia lineare rispetto a C, ovvero soddisfi alla seguente condizione :       12 1 2 fCCtfCtfCt  ,,, (1.2) 1 Si definisce interesse la differenza IMC   mentre si definisce tasso d’interesse il rapporto   / iMCC  . Si definisce invece tasso di sconto il rapporto   / dMCM 

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

premio per il rischio
martingala
lemma di ito
tassi forward
no-arbitrage models
yield curve
integrale di ito
processi di wiener
curva per scadenze
term structure of interest rate
modello di vasicek
struttura a termine dei tassi d'interesse
modello c.i.r.
equazione differenziale stocastica
equazione fondamentale di valutazione
teoria dell'assenza di arbitraggio
teorema di girsanov
modelli di non arbitraggio heath-jarrow-morton
rating
vendite allo scoperto
curva dei tassi
btp
tassi a termine
opzioni su tassi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi