Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La destinazione Friuli Venezia Giulia attraverso il giornalismo on-line. Aspetti culturali e turistici

Il valore turistico di un territorio è determinato dalla presenza di servizi e risorse all’interno dell’area geografica di interesse che per essere fruibili da parte dei potenziali viaggiatori vanno divulgati e promossi ai potenziali turisti. Il collegamento tra potenzialità ed effettività dell’atto turistico è insito nel processo comunicativo in particolar modo per i prodotti non tangibili, basti pensare all’idea della vacanza, esistente solo come concetto all’interno di un contesto. Infatti nel settore turistico la comunicazione dell’identità territoriale non è legata in maniera proporzionale all’esperienza diretta o indiretta di consumo del prodotto ma è connessa alla mentalità del soggetto che riceve il messaggio. La scelta del turista dipende dall’immagine che assume ai suoi occhi il territorio, in relazione al complesso di valori, alle suggestioni e alle credenze appartenenti alla sua sfera emotiva, ed è compito degli operatori del settore cogliere le peculiarità di una località e trasformarle in un messaggio vincente per la sua promozione. Questo traguardo è il risultato di decisioni strategiche, organizzative ed operative che hanno il fine di definire, promuovere e commercializzare i prodotti turistici espressi da un territorio per ottenervi flussi turistici equilibrati e adeguati [Martini, 2005]. A tale proposito nel primo capitolo viene analizzato il processo di comunicazione turistica inteso come mezzo per divulgare l’immagine di una destinazione attraverso tecniche sociologiche, psicologiche e lessicali volte a selezionare, raggiungere e soddisfare target specifici di domanda. Tale concetto viene poi inserito nella dimensione regionale al fine di comprendere quali siano gli attori coinvolti nella creazione e nella promozione di un territorio.
La nozione di comunicazione turistica è stata poi attualizzata nell’era di internet, strumento che ha rivoluzionato il modo di fare turismo sia da parte delle aziende, impegnate in nuove strategie di web marketing, che dei consumatori, liberi di reperire le informazioni sulle destinazioni prescelte comparando i prezzi e acquistando direttamente i prodotti prescelti in linea. Nel secondo capitolo viene quindi approfondito il concetto di Web 2.0 e la sua influenza sui processi comunicativi all’interno di una piattaforma condivisa dagli utenti, che sono liberi di esprimere un giudizio sui prodotti e determinano così il successo di una destinazione attraverso commenti in forum e blog. Da questa nuova forma di passaparola virtuale hanno origine i nuovi media turistici elencati e descritti nel dettaglio come evoluzione dei canali tradizionali nella loro chiave multimediale. Tra questi, proprio per essere stato il primo mezzo di documentazione degli spostamenti a partire dal Grand Tour, si è scelto di approfondire il genere della stampa di viaggio correlata all’avvento del web, attraverso un approfondimento del giornalismo on-line dedicato al turismo, descritto dettagliatamente nel terzo capitolo. Si tratta di un genere a cavallo tra tradizione ed innovazione che mantiene un ruolo di grande forza persuasiva attraverso parole ed immagini efficaci che coinvolgono il turista nei momenti di indecisione. È stato quindi approfondito il rapporto tra gli enti turistici territoriali e la stampa al fine di introdurre l’oggetto effettivo della ricerca sperimentale: la comunicazione dell’immagine culturale e turistica della Regione Friuli Venezia Giulia attraverso il giornalismo on-line.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Il valore turistico di un territorio è determinato dalla presenza di servizi e risorse all’interno dell’area geografica di interesse che per essere fruibili da parte dei potenziali viaggiatori vanno divulgati e promossi ai potenziali turisti. Il collegamento tra potenzialità ed effettività dell’atto turistico è insito nel processo comunicativo in particolar modo per i prodotti non tangibili, basti pensare all’idea della vacanza, esistente solo come concetto all’interno di un contesto. Infatti nel settore turistico la comunicazione dell’identità territoriale non è legata in maniera proporzionale all’esperienza diretta o indiretta di consumo del prodotto ma è connessa alla mentalità del soggetto che riceve il messaggio. La scelta del turista dipende dall’immagine che assume ai suoi occhi il territorio, in relazione al complesso di valori, alle suggestioni e alle credenze appartenenti alla sua sfera emotiva, ed è compito degli operatori del settore cogliere le peculiarità di una località e trasformarle in un messaggio vincente per la sua promozione. Questo traguardo è il risultato di decisioni strategiche, organizzative ed operative che hanno il fine di definire, promuovere e commercializzare i prodotti turistici espressi da un territorio per ottenervi flussi turistici equilibrati e adeguati [Martini, 2005]. A tale proposito nel primo capitolo viene analizzato il processo di comunicazione turistica inteso come mezzo per divulgare l’immagine di una destinazione attraverso tecniche sociologiche, psicologiche e lessicali volte a selezionare, raggiungere e soddisfare target specifici di domanda. Tale concetto viene poi inserito nella dimensione regionale al fine di comprendere quali siano gli attori coinvolti nella creazione e nella promozione di un territorio.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: interfacoltà lettere-economia

Autore: Silvia Giordano Contatta »

Composta da 162 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 675 click dal 05/07/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.