Skip to content

Una politica differente. Gli anarchici di Carrara e le istituzioni durante la resistenza e il dopoguerra.

Informazioni tesi

  Autore: Ludovica Matteucci
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Alessandro Volpi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 125

Il movimento libertario di Carrara è stato contraddistinto da tratti significativi e peculiari. La presenza delle cave di marmo ha fatto si che nella zona, ancora prevalentemente agricola, si sviluppasse un primo nucleo di operai salariati più sensibili alle istanze libertarie che a quelle socialiste e comuniste. Agli inizi del secolo i cavatori potevano contare su l' efficienza della locale Camera del Lavoro guidata da Alberto Meschi e questo permise loro di riuscire ad ottenere i primi successi e le prime garanzie per i lavoratori del marmo. Il periodico camerale “Il Cavatore” dal 1911 ha portato avanti un' analisi dettagliata e approfondita delle vicende degli operai carraresi, seguendo con attenzione l' evolversi delle vicende storiche e politiche: il grande fermento del “biennio rosso”, l' inzio delle violenze fasciste, la presa del potere da parte di Mussolini. Uno degli elementi che rende molto particolare il binomio anarchismo-Carrara è l'attività di squadre partigiane anarchiche autonome. Immediatamente dopo l' 8 Settembre furono i primi ad organizzarsi e a dare sostegno alle prime azioni di resistenza ai tedeschi che stavano innescandosi. L' azione delle brigate partigiane anarchiche fu particolarmente intensa,e determinante per la zona apuana. L' altro elemento molto particolare della lotta di resistenza apuana è che molti anarchici entrarono fin dal '44 a far parte degli organi del CLN. Il fatto, che di per se avrebbe potuto rappresentare una contraddizione era significativo dell’ importanza del movimento nella città. Era necessario, nonostante i numerosi contrasti con i partiti componenti il CLN, mantenere un ruolo all'interno del comitato per poter controllare e in qualche modo condizionarne le scelte. Gli anarchici quindi entrarono a fare parte delle giunte provvisorie provinciali e comunali. L' azione dei libertari carraresi non terminò con la fine della guerra; anzi misero in atto una serie di iniziative volte a fronteggiare la pesante crisi economica e la disoccupazione dilagante. L' importanza della cittadina apuana per l' anarchismo si sarebbe riscontrata nel settembre del 1945 quando presso il teatro Verdi si tenne il primo congresso Nazionale della FAI. In questa occasione venne posta una cornice organizzativa alle diverse organizzazioni anarchiche presenti in Italia e sopratutto vennero esplicitati i presupposti per la ricostruzione del paese secondo il modello libertario. Vennero ribaditi i concetti chiave come la lotta allo stato, alla chiesa e alla monarchia e vennero portate avanti analisi approfondite sul ruolo ed il significato delle elezioni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 Gli anarchici a Carrara e i rapporti con le altre forze politiche allo scoppio della Seconda Guerra Mondiale Il socialismo libertario, già all' inizio del '900, aveva trovato a Carrara un forte radicamento. L' industria marmifera che si era sviluppata aveva portato fin dagli inizi del XIX secolo a una forte crescita della popolazione e della manodopera attratta dalla possibilità di lavoro 11 ; la presenza di un numeroso nucleo di operai caratterizzava questa zona anche quando l' Italia era ancora un paese prevalentemente agricolo. I lavoratori del marmo, spinti soprattutto dalle pessime condizioni di vita, si erano ben presto organizzati attorno alla Camera del lavoro, guidata nel primo decennio del 900, da Alberto Meschi arrivando ad ottenere nel 1913 le 8 ore di lavoro 12 . I dissidi all' interno degli stessi lavoratori del marmo erano molteplici, già nei primi anni del 900 i Socialisti si erano distaccati dalla Camera del Lavoro 13 e anche in occasioni precedenti avevano avuto diverbi con i gruppi anarchici, e si erano avvicinati al comitato dei Cavatori 14 Il movimento operaio apuano continuò il suo sviluppo e il suo forte radicamento nel territorio. La prima guerra mondiale aveva lasciato il paese distrutto e disorientato. Il primo dopoguerra fu caratterizzato dall' accentuarsi delle tensioni e degli scontri ideologici in tutto il paese. La 11 G.VATTERONI, Sindacalismo, anarchismo e lotte sociali a Carrara dalla prima guerra mondiale all' avvento del fascismo, Carrara, Il baffardello, 2006, p.15 12 H ROLLAND, Il sindacalismo anarchico di A.Meschi ,Firenze, La nuova Italia, 1972, p. 279 13 L.GESTRI, Capitalismo e classe operaia in provincia di Massa Carrara,Firenze, Leo S. Olschki Editore, 1976, p. 288 14 Ibidem

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

seconda guerra mondiale
resistenza
anarchia
istituzioni
camera del lavoro
cln
linea gotica
fai
carrara
congresso fai
libertari
pensiero libertario
meschi
apuania

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi