Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La propulsione ibrida nel settore del trasporto collettivo

In questa tesi si è dimensionato il sistema propulsivo a trazione ibrida di un autobus, che deve percorrere il tragitto che porta dalla città dell'Aquila alla facoltà di ingegneria. Ciò è stato ottenuto sviluppando il modello matematico per la simulazione di veicoli ibridi in fase di realizzazione presso il Dipartimento di Energetica dell'Università di L'Aquila.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE 1 INTRODUZIONE Gli ultimi decenni sono stati contrassegnati da un’espansione molto sostenuta della mobilità in Europa. Questo processo, che ha rappresentato un’autentica rivoluzione negli stili di vita degli individui è stato determinato soprattutto dal crescente uso dell’auto privata per la mobilità passeggeri e di autocarri, autotreni e autoarticolati per il trasporto delle merci; per contro, l’impiego dei mezzi collettivi (ferrovie ed autobus) è sostanzialmente rimasto immutato. Il trasporto aereo ha anch’esso registrato una crescita molto rapida, tanto che il traffico interno europeo supera ormai quello delle ferrovie in termini di distanza percorsa [19]. Nel nostro Paese, in particolare, si è assistito ad alcuni cambiamenti strutturali del sistema sociale e produttivo, quali ad esempio un progressivo invecchiamento della popolazione, una ridistribuzione dei nuclei familiari e delle attività produttive dalla città alle zone extraurbane e una crescente internazionalizzazione. Tali fenomeni hanno avuto un triplice impatto sulla mobilità: incremento della mobilità per lavoro, per studio e per tempo libero, grande sviluppo dei flussi nelle aree urbane ed in prossimità dei nodi e crescita del numero di spostamenti di lunga percorrenza nazionali ed internazionali. L’analisi del quadro attuale dei volumi di traffico dei passeggeri e delle merci conferma, come noto, l’assoluta prevalenza del trasporto su strada, sia nel traffico merci (oltre il 60%) che in quello passeggeri (oltre l’85%). Tale prevalenza è sempre stata molto accentuata, fin dal 1970, per il trasporto dei passeggeri, mentre per quello delle merci la quota si è notevolmente accresciuta, soprattutto negli anni ’80, rispetto ai livelli del 1970 (44%) [19].

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Enrico D'aurelio Contatta »

Composta da 329 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3406 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.