Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'evoluzione delle tecniche cinematografiche 3D attraverso Avatar

Scopo della tesi è stato quello di illustrare l'evoluzione che le tecniche cinematografiche digitali hanno avuto negli ultimissimi anni e di evidenziare come a tale sviluppo abbiano contribuito le innovazioni apportate, nell'ambito del Motion Capture e della tecnica 3D, dal film "Avatar" di James Cameron.

Mostra/Nascondi contenuto.
  4   Introduzione     Scopo   della   tesi   è   stato   quello  di   illustrare   l’evoluzione   che   le   tecniche   cinematografiche  digitali  hanno  avuto  negli  ultimissimi  anni  e  di  evidenziare   come  a  tale  sviluppo  abbiano  contribuito  le  innovazioni  apportate,  nell’ambito   del  Motion  Capture  e  della  tecnica  del  3D,  dal  film  “Avatar”  di   James  Cameron.   Nell’affrontare  il  lavoro  sono  partita  con  il  delineare  una  breve  storia  sia  del   Motion  Capture  che  del  3D.  Il  primo  nasce  nel  lontano  1878  con  la   “The  Horse  in   motion”,   una   sequenza   di   immagini   creata   dal   fotografo   naturalista   Edward   Muybridge,  ed  evolve  attraverso  continui  perfezionamenti  ed  invenzioni,  come  il   Rotoscopio  utilizzato  nei  cartoni  animati,  per  giungere  nel  1995  al  successo  dei   videogiochi  con   “FX  Fighter”.  La  storia  del  3D  affonda,  invece,  le  sue  radici  nella   scoperta  dello  stereogramma  e  nell’invenzione,  del  1852,  del  primo  strumento   stereoscopico.   Ho,   quindi,   proceduto   ad   analizzare   le   due   principali   tecniche   d el   Motion   Capture;  quella  con  sistemi  ottici  che  usa  marcatori  formati  da  un  materiale   retroriflettente  o  LED  emettitori  di  luce,  e  quella  con  sistemi  non  ottici  che   utilizza  sensori  applicati  al  corpo  del  soggetto  per  riportare  il  movimento  sullo   schermo  del  computer.   Della  tecnologia  3D  ho   poi  analizzato  i  principali  metodi   fra  cui  il  CGI,  Computer  Generated  Images,  che  è  tipico  dei  film  di  animazione.   Il  vertice  del  Motion  Capture  e  del  3D  è  stato  raggiunto  con  la  realizzazione  del   film  “Avatar”  del  regista   J.Cameron.  Tra  le  innovazioni  apportate  dal  regista  la   più  importante  è  sicuramente  l’utilizzo  di  una  nuova  telecamera  realizzata  dallo   stesso  Cameron  che  ha  brevettato  un  sistema  di  ripresa  chiamato  Simul-­‐Cam.   Dopo  “Avatar”    il  3D  ha  conosciuto  una  notevole  espansione  che  ha  coinvolto   non  solo  il  cinema  ma  anche  la  televisione,  il  mondo  dei  videogiochi   e  molto   altro.    

Laurea liv.I

Facoltà: corso di laurea interfacoltà in comunicazione, innovazione, multimedialità

Autore: Roberta Tavernati Contatta »

Composta da 81 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4329 click dal 31/07/2012.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.