Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Un caso di semiosi ermetica: la Profezia Maya

Il 20 maggio 2012 una forte scossa di terremoto colpisce le provincie di Bologna, Modena e Ferrara provocando sei morti ed ingenti danni ad edifici e monumenti storici. Il Dj Red Ronnie, contattato dai telegiornali italiani Skytg24 e Tg1, spiega telefonicamente che il terremoto è collegato alla profezia maya e ad “un allineamento delle Pleiadi”. Alcuni giorni prima, il 28 aprile 2012, sul sito del quotidiano Il Messaggero veniva data la notizia di un singolare corso di addestramento (attualmente è visualizzabile il video): “Si chiama Zombie Survival Course e promette di insegnare tutte le tecniche per sconfiggere i non morti ed essere uno dei sopravvissuti dopo la fine del mondo, il fatidico 21 dicembre 2012 della profezia Maya.” Il 21 dicembre 2011, un anno esatto prima della fatidica data, nella prima pagina del quotidiano La Stampa di Torino il giornalista Massimo Gramellini scriveva nel suo Buongiorno:
E' il 21 dicembre e il mondo finira' fra un anno: minuto piu', minuto meno. Considerato l'anno che ci aspetta, potrebbe essere persino un sollievo. Io la scena la immagino cosi': un ultrasuono che perfora soltanto gli orecchi dei pigri e dei vigliacchi, i quali per la disperazione corrono a sfracellarsi contro un muro invisibile, osservati con vivo stupore dal resto dell'umanita'.
Concludendo poi “che il 21 dicembre 2012 non finira' un bel niente, semmai comincera' qualcosa. Qualcosa che sarebbe meglio far cominciare gia' adesso, anche dentro di noi.” Nelle pagine interne del quotidiano l'argomento veniva ripreso in un reportage dal titolo E se avessero ragione i Maya? Il mondo, dicevano, finirà il 21 dicembre 2012: sei personaggi immaginano il loro ultimo anno in cui veniva chiesto a Laura Pausini, Fabio Volo, Roberto Bolle, Caterina Balivo, Francesco Renga e Christian De Sica che cosa avrebbero fatto durante l'anno se avessero avuto la certezza che il 21 dicembre 2012 si realizzasse realmente la predizione dei Maya.

Ma che cosa avevano veramente predetto i Maya, quali sono i contenuti di questa profezia che viene proposta dai mezzi di comunicazione di massa e per quale motivo ha avuto una così grande diffusione?

In questa tesi l'analisi semiotica e interpretativa della presunta profezia dei Maya sul 21 dicembre 2012 ed un'analisi dei processi di diffusione attraverso i media in Italia.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Il 20 maggio 2012 una forte scossa di terremoto colpisce le provincie di Bologna, Modena e Ferrara provocando sei morti ed ingenti danni ad edifici e monumenti storici. Il popolare Dj Red Ronnie, contattato dai telegiornali italiani Skytg24 1 e Tg1 2 , spiega telefonicamente che il terremoto è collegato alla profezia maya e ad “un allineamento delle Pleiadi”. Alcuni giorni prima, il 28 aprile 2012, sul sito del quotidiano Il Messaggero veniva data la notizia di un singolare corso di addestramento: “Si chiama Zombie Survival Course e promette di insegnare tutte le tecniche per sconfiggere i non morti ed essere uno dei sopravvissuti dopo la fine del mondo, il fatidico 21 dicembre 2012 della profezia Maya.” 3 Un anno esatto prima di questa fatidica data, nella prima pagina del quotidiano La Stampa di Torino il giornalista Massimo Gramellini scriveva nella sua rubrica quotidiana: E' il 21 dicembre e il mondo finira' fra un anno: minuto piu', minuto meno. Considerato l'anno che ci aspetta, potrebbe essere persino un sollievo. Io la scena la immagino cosi': un ultrasuono che perfora soltanto gli orecchi dei pigri e dei vigliacchi, i quali per la disperazione corrono a sfracellarsi contro un muro invisibile, osservati con vivo stupore dal resto dell'umanita'. Mi resta dunque un anno a disposizione per smettere di essere pigro e vigliacco. Per foderarmi gli orecchi con la cera della passione. Cosa si puo' fare in un anno che non si e' fatto mai? Mi vengono in mente solo fantasie musicali. Ballare un tango con i delfini, addormentarsi sopra un organo a canne suonato dal mare (esiste, e' in Croazia), ascoltare a palla in un deserto la canzone piu' straziante della storia, che per un punkettaro impunito come me rimane «My way» nella versione di Sid Vicious. Pero' si possono fare cose altrettanto sfiziose a chilometro zero. Per esempio afferrare il tempo, governarne la fluidita' e plasmarla ai nostri scopi. Smettere di 1 Il servizio di Skytg24 è visualizzabile al link http://video.sky.it/news/cronaca/terremoto_emilia_ red_ronnie_i_maya_lo_avevano_previsto/v121657.vid, consultato in data 20 maggio 2012. 2 Il servizio del Tg1 è visualizzabile al link http://www.dailymotion.com/video/xqxzj9_red-ronnie- in-diretta-telefonica-con-il-tg1_news, consultato in data 20 maggio 2012. 3 Il Messaggero.it, sabato 28 aprile 2012, “Usa, al via il corso di combattimento per sconfiggere gli zombie”, consultato in data 20 maggio 2012 al link http://www.ilmessaggero.it/societa/ nolimits/usa_al_via_il_corso_di_addestramento_per_combattere_gli_zombie/notizie/193145.sh tml. 2

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Ivan Jacquemod Contatta »

Composta da 114 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1076 click dal 18/07/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.